11/06/2013, 00.00
SIRIA - ISLAM
Invia ad un amico

Vescovo di Aleppo: la brutale uccisione di un bambino mostra il pericolo jihadista

Muhammad al-Qatta, venditore di caffè di 14 anni, è stato ucciso il 9 giugno da un gruppo di islamisti. L'esecuzione si è tenuta in pubblico. A denunciare il fatto è l'Osservatorio siriano per i diritti umani. Mons. Jean Clement Jeanbart: in caso di una vittoria jihadista i cristiani non potrebbero più professare la religione in Siria. L'appello a tutti i cattolici a pregare per la fine della guerra e la riconciliazione del popolo siriano.

Aleppo (AsiaNews) - L'uccisione in pubblico di Muhammad al- Qatta, il giovane venditore di caffè brutalmente assassinato lo scorso 9 giugno da un gruppo di jihadisti di Aleppo per aver insultato Maometto, "è un fatto terribile che ha scioccato tutta la popolazione della città, musulmani e cristiani, che non vogliono uno Stato islamico in Siria". È quanto afferma ad AsiaNews mons. Jean Clement Jeanbart, arcivescovo melchita di Aleppo. Il prelato sottolinea che questo atto è l'ennesimo esempio della brutalità dei miliziani stranieri che combattono in Siria. "I cristiani - continua - sono terrorizzati da queste milizie e temono che in caso di una loro vittoria essi non potranno più professare la loro religione e saranno costretti ad abbandonare il Paese".  Secondo mons. Jeanbart inviare altre armi nel Paese rischia di fomentare ancora di più questi casi di violenza. 

Denunciato dall'Osservatorio siriano per i diritti umani, organismo gestito dai ribelli in esilio, il caso di Muhammad al-Qatta ha fatto il giro del mondo. Il fatto è avvenuto lo scorso 9 giugno in uno dei quartieri della città controllati dai ribelli islamici. Il giovane stava lavorando nel suo chiosco, quando due uomini si sono avvicinati a lui pretendendo una tazza di caffè gratis. Il ragazzo avrebbe protestato, sostenendo che "anche Maometto in persona avrebbe fatto il buon gesto di pagare". Urtati dalla risposta i due guerriglieri hanno preso il piccolo Mohammed e dopo averlo picchiato lo hanno portato in piazza raccogliendo falsi testimoni che assicuravano che il ragazzo aveva insultato il profeta e l'Islam. Dopo la lettura della sentenza, l'adolescente è stato bendato e ucciso con due colpi alla nuca e alla schiena, davanti ai genitori e a una folla di oltre cento persone, costrette ad assistere all'esecuzione. La dinamica dei fatti è ancora da confermare. In un video mandato in onda su un sito gestito dagli stessi ribelli, una donna che dice di essere la madre di Mohammad  racconta la brutale uccisione del figlio che con il suo lavoro aiutava la famiglia. Questa mattina il tribunale islamico del "Califfato dell'Iraq e del levante", il nome con cui gli islamici chiamano i quartieri di Aleppo sotto il loro dominio, ha diffuso un documento in cui respinge le accuse, sostenendo di non aver mai autorizzato né l'esecuzione né il processo contro Muhammed al-Qatta.  

Mons. Jeanbart sostiene che quella dei tribunali islamici è una piaga che affligge la maggior parte delle aree controllate dalle milizie straniere affiliate ad al-Qaeda, osteggiate anche dalla popolazione locale filo-ribelle, non solo dai sostenitori di Bashar al-Assad. "Non appena giunti in città - racconta il vescovo - i guerriglieri islamici, quasi tutti provenienti dall'estero, hanno occupato le moschee. Ogni venerdì i loro imam lanciano messaggi di odio, invitando la popolazione a uccidere chiunque non professi la religione del profeta Maometto. Essi utilizzano i tribunali per formulare le accuse di blasfemia. Chi è contrario al loro pensiero paga con la vita (v.video)".

Il prelato invita tutti i cattolici a pregare per la Siria: "Rivolgiamoci a Dio per chiedere la fine del conflitto e delle violenze e la riconciliazione del nostro popolo". (S.C.) 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Gregorio III Laham: "Il futuro della Siria non si può costruire con la distruzione"
28/05/2013
Onu: sono più di 100mila le vittime del conflitto siriano. L'opposizione divisa fra islamisti e laici
26/07/2013
Siria, le minacce di Arabia Saudita e ribelli islamici non fermano Ginevra II
18/12/2013
Siria, a Ginevra governo e opposizione. Ma nasce un nuovo fronte jihadista
28/11/2013
Laici e musulmani moderati si oppongono alla sharia voluta dagli islamisti
13/07/2012