08/10/2009, 00.00
INDONESIA
Invia ad un amico

Vescovo di Padang: la “compassione” fra persone, più forte delle devastazioni del sisma

di Mathias Hariyadi
Mons. Martinus Dogma Situmorang ringrazia per gli aiuti e chiede la collaborazione di ingegneri edili per valutare l’agibilità delle strutture. Numerosi edifici cattolici hanno subito ingenti danni, fra cui l’ospedale, che continua a operare nonostante l’emergenza.
Padang (AsiaNews) – Ringrazia per gli aiuti ai “fratelli e sorelle” delle zone colpite dal terremoto, ma il pensiero va all’immediato futuro, alla ricostruzione in un clima di comune “compassione”, perché in uno scenario di totale devastazione “ho visto qualcosa di buono nella società”. È quanto afferma mons. Martinus Dogma Situmorang, vescovo di Padang, colpita la settimana scorsa da un terremoto di magnitudo 7,6 che ha causato 739 morti; stime della Croce rossa parlano di almeno 3mila vittime.
 
All’indomani del sisma, il prelato ha visitato l’area e racconta del “buio totale”, della “mancanza di elettricità, eccettuate alcune zone che disponevano di generatori”. Egli sottolinea la “forte e grande compassione fra le persone”, tra cui il “lavoro dei volontari” e i centri di assistenza “allestiti in breve tempo”; questi aspetti lo hanno “toccato nel profondo”, perché in uno scenario di “tale devastazione, ho visto qualcosa di buono nella società”.
 
Il vescovo di Padang conferma la morte di “dozzine di cattolici” e il lavoro “frenetico di dottori e infermiere nell’ospedale cattolico di Yos Sudarso, a Padang”, che ha supplito all’emergenza mettendo a disposizione la propria sala operatoria, perché le strutture governative RS M. Jamil e RS Pusat Daerah “erano totalmente paralizzate”. All’opera del personale sanitario si aggiungono gli sforzi compiuti dalla Caritas indonesiana, che “sta facendo di tutto per aiutare le vittime”, senza distinzioni di”etnia o credo religioso”.
 
Numerosi edifici cattolici a Padang hanno riportato seri danni fra cui lo stesso ospedale, la cattedrale – i tecnici valuteranno se avviare la messa in sicurezza o costruire una nuova chiesa – diverse scuole, la casa pastorale, il monastero e l’annessa cappella, la curia vescovile.
 
“Ciò di cui abbiamo più bisogno – conclude mons. Martinus Dogma Situmorang – è la disponibilità di ingegneri edili, per verificare l’agibilità degli edifici. Vi sono molte cose da fare in futuro, ma lasciatemi esprimere tutta la mia gratitudine e il ringraziamento per la compassione e il sostegno ricevuto”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
A Sumatra non si cercano più le vittime sotto il fango
05/10/2009
Sumatra, superstiti del sisma senza cibo né acqua. La Chiesa in prima fila nei soccorsi
06/10/2009
Jakarta chiede aiuti internazionali per gli oltre 1000 morti del sisma a Sumatra
02/10/2009
Chiesa indonesiana: oltre 100 mila dollari per i terremotati di Java
09/06/2006
Terremoto: il pianto dell'Indonesia
02/06/2006