25 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 07/06/2012, 00.00

    SIRIA

    Vicario apostolico di Aleppo: no alla morte dei bambini sfruttata per fini politici e strategici



    Mons. Giuseppe Nazzaro condanna il massacro di Qubair e Mazzarzaf (Hama) costato la vita a 78 persone, fra cui donne e bambini. L'Onu ha il dovere morale di verificare il contesto, individuare gli autori e le ragioni della strage. Sanzioni economiche e guerriglieri estremisti islamici iniziano a fare più morti che i soldati del regime.

    Aleppo (AsiaNews) - La morte di 78 persone a Qubair e Maarzaf (provincia di Hama) denunciata dagli attivisti anti-Assad e rilanciata dai media di tutto il mondo riaccende le pressioni di Paesi occidentali e Stati arabi per un rapido cambio di regime. Come avvenuto a Houla lo scorso 26 maggio fra i morti vi sarebbero anche donne e bambini. Tuttavia, nessun organo indipendente ha verificato l'autenticità dei filmati, le dinamiche delle uccisioni e l'identità degli autori.  Mons. Giuseppe Nazzaro, vicario apostolico di Aleppo, sottolinea ad AsiaNews che "quando muore un bambino il mondo intero grida, ma troppo spesso si sfrutta questa carta per fini politici e strategici. Purtroppo l'innocente ucciso fa sempre notizia. L'Onu prima di condannare ha il dovere morale di verificare il contesto, individuare gli autori di questi crimini e chiedersi chi o cosa si nasconde dietro queste stragi".

    Il prelato nota che a Houla l'esercito ha sparato in modo deliberato contro dei bambini radunati all'interno di una scuola. "Tale fatto - afferma - è un crimine, ma chi ha permesso che questi innocenti venissero uccisi? Dove erano gli adulti, che subito dopo si sono affrettati a filmare ed esporre i corpi rilanciando i video su internet?".  Secondo il vescovo gli effetti causati dal massacro di Houla sono stati devastanti per il popolo siriano. Esso subisce le azioni degli estremisti islamici penetrati nel Paese, non ha voce sui media ed è sempre più isolato.  "L'Onu e i Paesi occidentali - afferma - non si rendono conto che con le loro sanzioni e con il loro appoggio ai ribelli fanno più vittime di quante ne faccia il regime".

    Mons. Nazzaro spiega che è in atto una vera campagna per distruggere la Siria: "L'accanimento contro il regime di Bashar al-Assad fomenta la spirale di violenza e impedisce alla popolazione e al governo la possibilità di un'apertura graduale alla democrazia e alle riforme.  Come accaduto in Iraq e in Libia, i diritti umani vengono sfruttati per fini economici e di potere, non sempre per il bene della popolazione. Coloro che desiderano distruggere Assad - Qatar e Arabia Saudita e gli altri Stati del Golfo - governano i propri Paesi con pugno di ferro senza alcun rispetto per i diritti umani e libertà religiosa. Perché a tutt'oggi nessuno ha mai condannato le violenze contro gli sciiti in Bahrain o gli arresti e le condanne inflitte ai migranti di fede cristiana in Arabia Saudita e Kuwait?".  (S.C.) 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/06/2012 SIRIA - ONU
    Accuse reciproche fra Damasco e i ribelli sul nuovo massacro di Qubair
    Secondo i ribelli, le forze filo-governative degli "shabiha" hanno ucciso 86 persone, fra cui molte donne e bambini. Secondo il governo il massacro di nove persone è stato compiuto da "gruppi terroristi". Nessuna delle due versioni ha conferme indipendenti. Oggi si raduna il Consiglio di sicurezza dell'Onu. La Russia vuole implicare l'Iran nella ricerca di un cessate il fuoco e una transizione del potere di Assad. Contrari Stati Uniti e Paesi arabi sunniti.

    03/04/2012 SIRIA - ONU
    Assad promette la fine delle violenze entro il 10 aprile, secondo il piano di pace dell'Onu
    La conferma viene da Kofi Annan. Se Assad blocca le violenze anche i ribelli devono abbandonare le armi. Ma proprio nei giorni scorsi i ribelli hanno ricevuto il sostegno economico da Arabia saudita e Paesi del Golfo. Scettica l'ambasciatrice Usa all'Onu.

    08/01/2013 ONU-SIRIA
    Ban Ki-moon critica Assad per le terribili sofferenze della popolazione siriana
    Le parole del presidente siriano non aiutano a trovare una "reale soluzione alla crisi". Lakhdar Brahimi, inviato Onu per il piano di pace, in dialogo con Qatar e Iran.

    19/04/2012 SIRIA - ONU
    Ban Ki-moon: Occorrono 300 osservatori Onu in Siria. La violenza continua
    Gli osservatori lavoreranno per tre mesi. Per il segretario Onu vi sono "possibilità di progresso" perché vi sono meno violenze. Ma attacchi e scontri con l'esercito continuano a Deir Ezzor, Homs, Idlib, Aleppo.

    03/08/2012 SIRIA - ONU
    Onu diviso: Kofi Annan si dimette, cresce la guerra in Siria
    Per l'ex segretario dell'Onu non c'è collaborazione da parte del governo siriano e da parte dell'opposizione. Ma soprattutto vi è divisione nel Consiglio di sicurezza e nella comunità internazionale con accuse reciproche e appoggi di parte. Ieri sono state uccise 130 persone in conflitti che hanno coinvolto anche Damasco ed Aleppo. Oggi la Lega araba propone una risoluzione all'Assemblea generale delle Nazioni Unite per criticare le minacce della Siria sull'uso di armi chimiche. L'escalation militare di Damasco e dei ribelli sostenuta dagli stessi Paesi del Consiglio di sicurezza.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®