28 Febbraio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 07/06/2012
SIRIA
Vicario apostolico di Aleppo: no alla morte dei bambini sfruttata per fini politici e strategici
Mons. Giuseppe Nazzaro condanna il massacro di Qubair e Mazzarzaf (Hama) costato la vita a 78 persone, fra cui donne e bambini. L'Onu ha il dovere morale di verificare il contesto, individuare gli autori e le ragioni della strage. Sanzioni economiche e guerriglieri estremisti islamici iniziano a fare più morti che i soldati del regime.

Aleppo (AsiaNews) - La morte di 78 persone a Qubair e Maarzaf (provincia di Hama) denunciata dagli attivisti anti-Assad e rilanciata dai media di tutto il mondo riaccende le pressioni di Paesi occidentali e Stati arabi per un rapido cambio di regime. Come avvenuto a Houla lo scorso 26 maggio fra i morti vi sarebbero anche donne e bambini. Tuttavia, nessun organo indipendente ha verificato l'autenticità dei filmati, le dinamiche delle uccisioni e l'identità degli autori.  Mons. Giuseppe Nazzaro, vicario apostolico di Aleppo, sottolinea ad AsiaNews che "quando muore un bambino il mondo intero grida, ma troppo spesso si sfrutta questa carta per fini politici e strategici. Purtroppo l'innocente ucciso fa sempre notizia. L'Onu prima di condannare ha il dovere morale di verificare il contesto, individuare gli autori di questi crimini e chiedersi chi o cosa si nasconde dietro queste stragi".

Il prelato nota che a Houla l'esercito ha sparato in modo deliberato contro dei bambini radunati all'interno di una scuola. "Tale fatto - afferma - è un crimine, ma chi ha permesso che questi innocenti venissero uccisi? Dove erano gli adulti, che subito dopo si sono affrettati a filmare ed esporre i corpi rilanciando i video su internet?".  Secondo il vescovo gli effetti causati dal massacro di Houla sono stati devastanti per il popolo siriano. Esso subisce le azioni degli estremisti islamici penetrati nel Paese, non ha voce sui media ed è sempre più isolato.  "L'Onu e i Paesi occidentali - afferma - non si rendono conto che con le loro sanzioni e con il loro appoggio ai ribelli fanno più vittime di quante ne faccia il regime".

Mons. Nazzaro spiega che è in atto una vera campagna per distruggere la Siria: "L'accanimento contro il regime di Bashar al-Assad fomenta la spirale di violenza e impedisce alla popolazione e al governo la possibilità di un'apertura graduale alla democrazia e alle riforme.  Come accaduto in Iraq e in Libia, i diritti umani vengono sfruttati per fini economici e di potere, non sempre per il bene della popolazione. Coloro che desiderano distruggere Assad - Qatar e Arabia Saudita e gli altri Stati del Golfo - governano i propri Paesi con pugno di ferro senza alcun rispetto per i diritti umani e libertà religiosa. Perché a tutt'oggi nessuno ha mai condannato le violenze contro gli sciiti in Bahrain o gli arresti e le condanne inflitte ai migranti di fede cristiana in Arabia Saudita e Kuwait?".  (S.C.) 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
07/06/2012 SIRIA - ONU
Accuse reciproche fra Damasco e i ribelli sul nuovo massacro di Qubair
03/04/2012 SIRIA - ONU
Assad promette la fine delle violenze entro il 10 aprile, secondo il piano di pace dell'Onu
08/01/2013 ONU-SIRIA
Ban Ki-moon critica Assad per le terribili sofferenze della popolazione siriana
19/04/2012 SIRIA - ONU
Ban Ki-moon: Occorrono 300 osservatori Onu in Siria. La violenza continua
03/08/2012 SIRIA - ONU
Onu diviso: Kofi Annan si dimette, cresce la guerra in Siria

In evidenza
EGITTO - ISLAM
Le parole di al-Tayeb e di al-Sisi un grande passo per una rivoluzione dell'islam
di Samir Khalil SamirIl grande imam di Al-Azhar ha denunciato le interpretazioni basate sulla lettera del Corano e della sunna, brandite dai fondamentalisti e dai terroristi islamici; sostiene l'urgenza di una riforma dell'insegnamento dell'islam fra i laici e gli imam; domanda la fine della scomunica (takfir) reciproca fra sunniti e sciiti. E il presidente egiziano al-Sisi ha deciso di combattere lo Stato islamico dopo la decapitazione di 21 cristiani copti, che egli ha definito "cittadini egiziani" a parte intera.
ARABIA SAUDITA - ISLAM
Imam di Al-Azhar: Per fermare l'estremismo islamico occorre una riforma dell'insegnamento religiosoPer Ahmed al-Tayeb è urgente stilare un nuovo curriculum di studi per evitare una "cattiva interpretazione" del Corano e della sunna. Il terrorismo islamico mette in crisi l'unità del mondo musulmano. Il "nuovo colonialismo globale alleato al sionismo mondiale". Il discorso del re saudita.
HONG KONG - CINA - VATICANO
Card. Zen: Sembra che qualcuno voglia farci tacere
di Card. Joseph Zen Ze-kiunIl diffuso ottimismo sul miglioramento del dialogo fra Santa Sede e Cina sembra non avere fondamento. Alcune "tendenziose" interviste a vescovi cinesi, frenati nella libertà di parlare. Le questioni fondamentali sono sempre aperte: chi nomina i vescovi; cosa fare dell'Associazione patriottica. La guida della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi, citata anche da papa Francesco. Un non accordo è meglio di un cattivo accordo. Cosa è successo a mons. Cosma Shi Enxiang? E a mons. Giacomo Su Zhimin? Un'animata riflessione del vescovo emerito di Hong Kong, campione della libertà religiosa in Cina.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate