24 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/05/2016, 12.25

    SIRIA

    Vicario di Aleppo: sostenete la petizione per la fine delle sanzioni alla Siria e ai siriani



    Ad AsiaNews mons. Abou Khazen chiede di firmare la campagna lanciata sulla piattaforma online change.org. Le sanzioni, avverte, colpiscono solo la gente povera e non servono a fermare la guerra. Ad Aleppo persone costrette a bruciare le scarpe per scaldarsi. A Vienna si riuniscono le potenze regionali e internazionali. Sono urgenti la fine delle ostilità e la distribuzione aiuti. 

    Aleppo (AsiaNews) - È “importante” sostenere la petizione lanciata in questi giorni “contro le sanzioni” alla Siria, perché queste “finiscono per colpire solo la gente povera, non toccano i grandi” e soprattutto esse “non servono per far cessare la guerra”. È quanto afferma ad AsiaNews il vicario apostolico di Aleppo dei Latini, mons. Georges Abou Khazen, rinnovando l’appello a sottoscrive la campagna partita in questi giorni sulla piattaforma change.org. “Invito i vostri lettori - aggiunge il prelato - a firmare e auspico un rinnovato impegno umanitario dell’Italia”, ora che ad Aleppo “la situazione è un po’ più calma” dopo settimane di “intensi combattimenti”. 

    Sulla piattaforma online dedicata alle petizioni è partita una campagna promossa dal Comitato italiano “Basta sanzioni alla Siria e ai Siriani” (clicca qui per aderire). A giugno il Consiglio dell’Unione europea si pronuncerà sul rinnovo delle sanzioni alla Siria, varate nel 2011 come mirate a “personaggi del regime” ma che, nel tempo, si sono estese e hanno colpito in gran parte i civili.

    I promotori sottolineano fra l’altro che nel 2012 è stato rimosso l’embargo al petrolio nelle aree controllate dall’opposizione armata e jihadista, dando così la possibilità di fornire “risorse economiche alle cosiddette forze rivoluzionarie e dell’opposizione”. Insomma, armi ai guerriglieri, ma non cibo e medicine per la popolazione. 

    All’appello, nato durante il recente viaggio di mons. Abou Khazen in Italia, hanno aderito lo stesso vescovo, l’emerito Custode di Terrasanta p. Pierbattista Pizzaballa, l’arcivescovo greco-cattolico di Aleppo mons. Jean-Clément Jeanbart e la Comunità delle monache trappiste in Siria. A queste si aggiungono altre personalità della Chiesa e della società civile del Paese. 

    “Nei miei incontri in Italia - racconta il vicario di Aleppo dei Latini - ho parlato degli effetti delle sanzioni sul piano umanitario. Sono blocchi che non aiutano la gente e acuiscono gli effetti del conflitto”. Fra i molti esempi, il prelato ricorda ad AsiaNews i siriani all’estero “che non possono inviare denaro ai parenti in patria” e ancora “gli universitari che hanno smesso di studiare perché governo e famiglie non potevano più inviare loro denaro al di fuori del Paese”. Tutto questo a causa delle sanzioni, aggiunge, per questo “invito i vostri lettori ad aderire”. Sono misure che non servono “come ha ricordato lo stesso presidente Usa Barack Obama parlando delle sanzioni a Cuba. Allora perché ripetere lo sbaglio?”. La gente “manca di tutto”, conclude il prelato, “dal gasolio alle medicine: quest’inverno alcune famiglie di Aleppo sono state costrette a bruciare le scarpe per riscaldarsi, perché non potevano comprare gasolio a causa delle sanzioni”. 

    Intanto le potenze regionali e mondiali si sono riunite oggi a Vienna, in Austria, nel tentativo di salvare la fragile tregua in Siria, nazione martoriata da cinque anni di guerra che hanno causato 280mila morti e milioni di rifugiati. A presiedere la riunione il capo della diplomazia americana John Kerry e il ministro russo degli Esteri Sergei Lavrov, su fronti opposi in molte delle controversie in atto sullo scacchiere internazionale. Nel corso della giornata il Gruppo internazionale di sostegno alla Siria - costituito nel novembre 2015 e co-presieduto da Washington e Mosca, è formato da 17 Paesi e organismi fra cui Cina, Iran, Turchia. Lega Araba, Onu e Ue - dovrebbe elaborare un documento finale sulla crisi.

    Fra i punti al centro della discussione il cessate il fuoco su scala nazionale e l’ingresso di aiuti umanitari nelle zone sotto assedio. Restano però ancora distanti le posizioni sulla terza questione aperta, il “piano di transizione politica” attorno al quale si scontrano interessi e volontà del presidente siriano Bashar al-Assad e dei vari gruppi di opposizione. Intanto l’obiettivo primario resta quello di salvare la fragile tregua in vigore dal 27 febbraio scorso e violata in diverse occasioni, come avvenuto di recente ad Aleppo, la metropoli del nord, che ha registrato una vera e propria escalation militare, poi rientrata a fatica. 

    Fonti diplomatiche di AsiaNews a Damasco, dietro anonimato, guardano in modo “positivo” al summit di Vienna, perché “la rottura della tregua ha fatto emergere in tutta la sua drammaticità il conflitto. Il successivo intervento di Russia e Stati Uniti - aggiunge - ha permesso di contenere le violenze”. Certo sinora “non si sono visti grossi risultati”, ma è al contempo “utile battere il chiodo sulla cessazione delle ostilità e la distribuzione di aiuti”. A questo si deve aggiungere “la soluzione politica”, ma ora la priorità resta “la cessazione delle ostilità e la situazione umanitaria”. I media, conclude la fonte, si sono concentrati nelle ultime settimane su Aleppo e altre realtà, ma “è il quadro complessivo del Paese al quale bisogna guardare” e la situazione è in molte parti drammatica.(DS)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/03/2016 11:42:00 SIRIA
    Caritas Siria: Il Paese rischia di esplodere e travolgere anche l’Europa

    Sandra Awad, responsabile comunicazione dell’ente cattolico, racconta la perdita di un volontario ucciso dalle bombe e le sofferenze quotidiane di una popolazione sempre più povera. La pace deve provenire “dall’interno” e la misericordia un bisogno “sempre più necessario”. I progetti educativi e assistenziali a favore di indigenti, anziani e bambini. 



    13/07/2016 11:13:00 SIRIA
    Caritas Siria: Oltre la guerra, tanti piccoli gesti uniscono cristiani e musulmani

    In una lettera ad AsiaNews la responsabile comunicazione Caritas racconta il messaggio di speranza lanciato da papa Francesco per il Paese. Dai piccoli gesti, come la condivisione della preparazione di un pasto, un segnale di pace per il futuro. La pace è possibile, è solo questione di tempo. Da domani 175 operatori Caritas riuniti per un incontro di formazione. 



    10/05/2016 12:00:00 SIRIA
    Parroco di Aleppo: tregua infranta “migliaia” di volte, in città ancora missili e vittime

    Per p. Ibrahim “l’intensità è diminuita, ma tantissimi gruppi non rispettano” il cessate il fuoco. In città aumentano i prezzi e la lira siriana è in caduta libera. Il 13 maggio un rito ecumenico segnerà la consacrazione della Siria, e di Aleppo, al Cuore immacolato di Maria per la pace. Continua l’opera della Chiesa a favore delle vittime del conflitto: alimenti, assistenza sanitaria e denaro. 



    02/11/2015 SIRIA
    Lo Stato islamico avanza nella provincia di Homs, nel mirino una cittadina cristiana
    Nel fine settimana i miliziani hanno strappato all’esercito governativo il controllo di Maheen; una località strategica sede di un vasto complesso militare e di un deposito di armi. Ora l’obiettivo è Sadad, centro a maggioranza assiro, dove si parla ancora oggi l’aramaico antico. Fissati alcuni “punti importanti” nei colloqui di Vienna.

    22/12/2014 SIRIA
    Aleppo: Natale tra famiglie cristiane spezzate dalla guerra, che pregano per la pace
    Parla un giovane cristiano di Aleppo, vittima del conflitto siriano. Da una vita normale, con moglie e figlia, alla perdita del lavoro e degli affetti. La guerra ha diviso la famiglia, egli può vedere moglie e figlia per poche ore. Il conflitto ha però rafforzato la fede. Per Natale chiede ai cristiani di tutto il mondo di pregare “per noi, cristiani della Siria”.



    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Il card. Parolin a Mosca: l’Ostpolitik che vince le diffidenze

    Vladimir Rozanskij

    A tema un incontro fra papa Francesco e il patriarca Kirill, non a Mosca, ma in qualche luogo santo dell’Oriente cristiano, o a Bari. Una conferenza internazionale sul futuro di Ucraina e Crimea. L’impegno per i cristiani e la pace in Medio oriente.


    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®