23 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/12/2016, 08.49

    RUSSIA-USA

    Washington espelle 35 diplomatici russi. Mosca aspetta Trump



    Hanno 72 ore per lasciare il Paese. Chiusi anche due edifici usati dall’intelligence russa. L’accusa è di attacchi informatici che avrebbero influenzato le elezioni americane e penalizzato Hillary Clinton. Obama chiama i Paesi “amici e alleati” a impegnarsi contro la Russia. Una nuova edizione della Guerra Fredda, che favorisce l’escalation militare e l’economia. Trump: Andiamo oltre.

    Washington (AsiaNews) – Il Dipartimento di Stato Usa ha dichiarato “persona non grata” 35 diplomatici russi dell’ambasciata nella capitale e del consolato di San Francisco, dando loro 72 ore di tempo per lasciare il Paese con le loro famiglie. Gli Usa chiuderanno anche due edifici – a New York e nel Maryland – usate dalla intelligence russa.

    Le misure sono state annunciate ieri dal presidente uscente Barack Obama, accusando la Russia di aver influenzato le elezioni presidenziali americane attraverso attacchi informatici contro il partito democratico e la campagna di Hillary Clinton.

    Una serie di e-mail imbarazzanti per la Clinton è stata diffusa dal canale di Wikileaks, ma lo stesso responsabile di Wikileaks, Julian Assange, ha rivendicato la responsabilità scagionando i russi.

    Donald Trump, presidente Usa eletto, ha liquidato le accuse sull’attacco cibernetico che lo avrebbe favorito, come una cosa “ridicola” e che è tempo che l’America “vada oltre”. Durante la campagna elettorale Trump ha espresso diverse volte l’idea di far cadere le sanzioni contro la Russia (imposte dopo l’invasione della Crimea) e di tornare a una maggiore collaborazione.

    La Russia ha negato ogni coinvolgimento nel cyber-attacco e ha definito “infondate” le decisioni prese ieri dall’amministrazione Usa.

    Il portavoce del Cremlino, Dimitry Peskov, ha detto che le decisioni di Washington “causeranno significanti disagi alla parte americana nelle stesse aree”. Ma ha anche precisato che la Russia non deciderà “in fretta”, attendendo che “Trump divenga il capo di Stato entro tre settimane”.

    Donald Trump assumerà il ruolo effettivo di presidente Usa il prossimo 20 gennaio.

    Diversi analisti si domandano come mai Obama abbia deciso queste scelte a poche settimane dalla scadenza del suo mandato, mettendo una pesante ipoteca sul futuro presidente e sui suoi rapporti con la Russia. Secondo alcuni, come il giornalista Robert Parry, la risposta sta nel tentare una nuova edizione della Guerra Fredda, che potrebbe dare il via a una nuova escalation militare, salvando l’economia e l’esistenza della Nato.

    In effetti, le dichiarazioni espresse ieri da Obama richiamavano a una alleanza fra tutti i Paesi amici degli Usa per contrastare l’influenza russa. Gli “amici e alleati” degli Stati Uniti, ha detto, devono “lavorare insieme per contrastare gli sforzi della Russia miranti a minare la buona pratica internazionale e all’ingerimento nel processo democratico”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/11/2012 STATI UNITI – ASIA
    Il mondo si congratula con Obama, ma l’Asia mette qualche freno
    Nel coro (scontato) delle felicitazioni internazionali per la vittoria del democratico spiccano un editoriale del China Daily – “avremo nuovi scontri commerciali con questa amministrazione” – insieme alle minacce iraniane e dei gruppi estremisti del Pakistan. Fratelli musulmani molto tiepidi, Europa davvero entusiasta.

    10/11/2016 10:48:00 GIAPPONE-USA
    La vittoria di Trump, una rivolta contro il sistema. L’alleanza con Shinzo Abe

    Trump ha vinto perché ha ascoltato il risentimento della popolazione verso il Partito democratico, che è divenuto molto intimo con il grande business di Wall Street. Il disprezzo verso tutti gli americani che la pensano diversamente dal modo liberal (aborto, matrimonio, immigrazione). La spinta di Trump verso una maggiore militarizzazione del Giappone. L’analisi del voto da parte di un missionario Pime statunitense, da anni in Giappone.



    09/11/2016 08:44:00 ASIA-USA
    Mercati asiatici scioccati da una vittoria di Donald Trump

    Tutte le borse sono in discesa, con Mumbai che perde fino al 6%. Sale il valore dell’oro come bene di rifugio. Le futures del Dow Jones perdono il 4%. Sorprese a Shenzhen. Trump dichiarato 45mo presidente degli Stati Uniti.



    10/10/2016 12:45:00 ASIA-USA
    Come gli asiatici guardano il dibattito Trump-Clinton

    Il dibattito presidenziale di ieri ha trattato temi asiatici solo ai margini affossandosi su temi domestici e su un basso livello dei temi (soprattutto sessuali). Giapponesi più favorevoli alla Clinton. Coreani indecisi. Singapore preoccupata della mancanza di posizione sulle questioni del mar Cinese meridionale. La Cina rimane ufficialmente neutrale. Immigrati cinesi favorevoli a Trump. Gli indiani sostengono la Clinton.



    18/11/2016 08:15:00 RUSSIA-USA
    Patriarcato di Mosca: con Trump gli americani hanno votato per il cambiamento

    Il metropolita Hilarion, capo della diplomazia della Chiesa ortodossa russa, esprime “speranza” nel miglioramento delle relazioni internazionali grazie al nuovo presidente Usa. “Miope e sbagliata” la politica americana in Medio Oriente. Le congratulazioni di Kirill. Collaborare contro l'estremismo e il terrorismo.





    In evidenza

    CINA
    Liu Xiaobo: una fiaccola che illumina la civiltà umana



    La testimonianza del grande dissidente non violento, lasciato morire di cancro, è il più alto contributo all’umanità negli ultimi (sterili) 500 anni di storia cinese. Il ricordo di Liu (e di sua moglie) da parte di un sacerdote del nord della Cina.


    INDIA
    Goa: croci distrutte, cimitero dissacrato. Mons. Neri Ferrao: colpa dell’odio religioso



    Le croci sono state lasciate infrante ai margini della strada. Nel cimitero di Guardian Angel Church danneggiate 28 nicchie, cinque croci di legno e nove in granito, 16 tombe e la grande croce all’ingresso. Sajan K George: “Durante un raduno di indù, un fondamentalista ha detto che tutti quelli che mangiano la vacca devono essere impiccati”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®