21 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 17/06/2017, 12.33

    CINA-VATICANO

    Wenzhou: mons. Shao è tornato in diocesi scortato dalla pubblica sicurezza



    Il vescovo è riconosciuto dalla Santa Sede, ma non dal governo. E’ stato sequestrato per 27 giorni. Avrebbe partecipato a un “seminario religioso” per convincerlo ad entrare nell’Associazione patriottica e per costringere il Vaticano a nominare subito un vescovo coadiutore appartenente alla comunità ufficiale.

    Wenzhou (AsiaNews) – Mons. Pietro Shao Zhumin, vescovo di Wenzhou, è ritornato due giorni fa in diocesi. Era scomparso nelle mani della polizia lo scorso 18 maggio ed è stato tenuto in luogo segreto per 27 giorni. La sua sparizione era avvenuta dopo che il prelato era stato chiamato per una “conversazione” con l’Ufficio degli affari religiosi della città.

    Non si può dire che egli sia “libero” perchè egli è tornato a Wenzhou sotto la scorta di alcuni poliziotti della pubblica sicurezza. Mons. Shao è sotto controllo perchè egli appartiene alla comunità sotterranea, le cui azioni (messe, raduni, catechesi in luoghi non registrati presso il governo) sono definite “criminali”.

    Pur essendo membro della comunità non ufficiale, mons. Shao è vescovo di Wenzhou e riconosciuto come tale dalla Santa Sede, un fatto che il Ministero degli affari religiosi non accetta.

    Secondo alcuni fedeli di Wenzhou, in questi 27 giorni di sparizione forzata, mons. Shao ha partecipato a un “seminario religioso” che aveva due scopi. Il primo era che egli domandi subito al Vaticano la nomina di un vescovo coadiutore della comunità ufficiale, iscritto all’Associazione patriottica (Ap). I fedeli spiegano che sebbene l’Ap rivendichi il metodo della “autonomia” e auto-ordinazione”, il benestare della Santa Sede è necessario perchè il nuovo vescovo sia accettato dai fedeli.

    Il secondo motivo del “seminario religioso” era di convincere mons. Shao ad iscriversi all’Ap e partecipare al Consiglio dei vescovi, L’Ap ha come scopo quello di edificare una Chiesa cinese indipendente dalla Santa Sede e il Consiglio dei vescovi raccoglie tutti I vescovi ufficiali, anche quelli non nominati dal Vaticano e in una posizione di scomunica, oltre a mancare dei vescovi non ufficiali. Una Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi – apprezzata spesso da papa Francesco – afferma che i principi su cui si fondano I due organismi sono “inconciliabili con la dottrina cattolica”.

    Mons. Shao era stato rapito dalla polizia anche in aprile, pochi giorni prima della Pasqua.

    La diocesi di Wenzhou ha un passato di forte divisione fra le comunità cristiane ufficiale e sotterranea. Si calcola che vi siano circa 120mila fedeli e più di 80mila in quella non ufficiale; i sacerdoti sono equamente distribuiti fra i due rami e in tutto sono circa 50. Negli anni recenti, la Santa Sede ha cercato di riconciliare le comunità nominando mons. Zhu Weifang (ora defunto) come vescovo ordinario e mons. Shao come vescovo con diritto di successione. Ma, a detta dei fedeli, che pure amano e rispettano mons. Shao, “il governo locale fa di tutto per tenerci divisi”

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/04/2017 15:48:00 CINA-VATICANO
    Sequestrato mons. Pietro Shao Zhumin, vescovo (sotterraneo) di Wenzhou

    La pubblica sicurezza non comunica il luogo in cui è stato portato. Ma hanno permesso ai fedeli di consegnare alcuni vestiti per il loro pastore. Il vescovo non potrà celebrare Pasqua coi suoi fedeli. Pressioni sul prelato per farlo aderire all’Associazione patriottica. Un destino simile a quello di mons. Guo Xijin. Pressioni anche sulla Santa Sede.



    19/12/2017 12:21:00 CINA-VATICANO
    Wenzhou, una campagna di preghiere per mons. Shao Zhumin, ancora detenuto

    Il vescovo, riconosciuto dal Vaticano, ma non da governo, è da sette mesi nelle mani della polizia. È in convalescenza per un’operazione, ma controllato dalla sicurezza, a 2500 km di distanza dalla sua diocesi. Per essere riconosciuto dal governo deve firmare l’adesione a una Chiesa indipendente (dalla Santa Sede); l’auto-nomina e l’auto-ordinazione dei vescovi; concelebrare con un vescovo illecito; ubbidire ai nuovi regolamenti. I fedeli pregheranno e digiuneranno il 18 di ogni mese.



    19/06/2017 15:56:00 CINA-VATICANO
    Ancora scomparso mons. Pietro Shao Zhumin, vescovo di Wenzhou, non riconosciuto dal governo

    Il vescovo sarebbe arrivato all’aeroporto di Wenzhou, ma non è stato portato a casa sua. Mons. Shao è stato prelevato da persone del governo e scortato in luogo sconosciuto. I suoi sacerdoti non lo hanno visto a casa. Cifre aggiornate della comunità di Wenzhou: 130mila cattolici.



    31/01/2018 11:47:00 CINA-VATICANO
    La festa per il ritorno di mons. Shao Zhumin a Wenzhou (Video)

    Era stato nelle mani della polizia per sette mesi. È stato sotto pressione per farlo aderire all’Associazione patriottica.



    04/01/2018 08:42:00 CINA-VATICANO
    Mons. Pietro Shao Zhumin di Wenzhou è libero dopo 7 mesi

    Da ieri non è più sotto custodia della polizia di sicurezza. Da Xining, dove era, andrà a Pechino per cure e poi ritornerà nella sua diocesi. La sua liberazione – si ipotizza – frutto delle pressioni internazionali e della campagna di preghiere e digiuni lanciata dalla sua comunità. Non ha firmato alcuna adesione all’Associazione patriottica.





    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®