28 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/04/2017, 15.48

    CINA-VATICANO

    Sequestrato mons. Pietro Shao Zhumin, vescovo (sotterraneo) di Wenzhou

    Bernardo Cervellera

    La pubblica sicurezza non comunica il luogo in cui è stato portato. Ma hanno permesso ai fedeli di consegnare alcuni vestiti per il loro pastore. Il vescovo non potrà celebrare Pasqua coi suoi fedeli. Pressioni sul prelato per farlo aderire all’Associazione patriottica. Un destino simile a quello di mons. Guo Xijin. Pressioni anche sulla Santa Sede.

    Roma (AsiaNews) – Il vescovo di Wenzhou (Zhejiang), mons. Pietro Shao Zhumin è stato sequestrato dalla polizia e portato in un luogo sconosciuto. Il fatto è avvenuto ieri pomeriggio. Membri della pubblica sicurezza hanno però permesso ai fedeli di portare loro alcuni vestiti per  consegnarli al prelato, un segno che il suo sequestro sarà lungo.

    Mons. Shao è un vescovo della Chiesa sotterranea, riconosciuto dalla Santa Sede come vescovo ordinario della diocesi, dopo la morte del predecessore, mons. Vincenzo Zhu Weifang, avvenuta il 7 settembre scorso.

    Il sequestro di mons. Shao avviene a poche ore dall’inizio del Triduo pasquale. Secondo un sacerdote la sparizione del vescovo avviene proprio per non fargli celebrare i riti pasquali nella sua carica non riconosciuta dal governo. Fonti della diocesi a Wenzhou dicono ad AsiaNews che “le forze di sicurezza vogliono impedire a mons. Shao di mettersi in contatto con la Chiesa ufficiale di Wenzhou ed esercitare la sua autorità episcopale su di loro, anche con la benedizione degli oli” e tutte le liturgie della Settimana Santa e della Pasqua.

    Il fatto ricorda da vicino quanto è successo nei giorni scorsi a un altro vescovo, mons. Vincenzo Guo Xijin, anch’egli membro della Chiesa sotterranea, ma riconosciuto dalla Santa Sede quale vescovo ordinario di Mindong (Fujian).

    È molto probabile che queste sparizioni forzate abbiano come scopo di ricattare i due prelati per convincerli ad iscriversi all’Associazione patriottica (Ap), l’organismo del Partito che ha di mira la costruzione di una Chiesa indipendente.

    Nei dialoghi che la Cina conduce con la Santa Sede per un accordo sulle nomine episcopali, i membri dell’Ap esigono di continuo che tutti i vescovi siano iscritti all’Ap, escludendo quindi i vescovi sotterranei, che rifiutano l’iscrizione e sono considerati da essi come “inaffidabili”.

    Le situazioni di Wenzhou e di Mindong rappresentano una pericolosa eccezione, che il ministero degli Affari religiosi cerca di eliminare.

    Secondo alcuni esperti, il loro sequestro e il costringere i due vescovi a “studiare e imparare” è anche una pressione indebita sulla Santa Sede, perché avalli le condizioni dell’accordo volute da Pechino, in cui solo vescovi nominati in modo autonomo e iscritti all’Ap possono esercitare il ministero.

    Una situazione molto simile è quella di mons. Taddeo Ma Daqin, vescovo di Shanghai, messo agli arresti domiciliari dal giorno della sua ordinazione per essersi dimesso dall’Ap. In seguito, mons. Ma pare aver ritrattato le sue posizioni, esprimendo apprezzamenti per l’Ap, ma egli continua ad essere mantenuto in isolamento.

    Mons. Pietro Shao Zhumin, 54 anni, è vescovo dal 2007. La diocesi di Wenzhou ha un passato di forte divisione fra le comunità cristiane ufficiale e sotterranea. Si calcola che vi siano circa 120mila fedeli nella comunità ufficiale e più di 80mila in quella non ufficiale; i sacerdoti sono equamente distribuiti fra i due rami e in tutto sono circa 50. Negli anni recenti, la Santa Sede ha cercato di riconciliare le comunità nominando mons. Zhu come vescovo ordinario e mons. Shao come vescovo con diritto di successione. Ma, a detta dei fedeli, che pure amano e rispettano mons. Shao, “il governo locale fa di tutto per tenerci divisi”. Mons. Shao  ha subito spesso la prigionia a causa della sua fede. Anche in occasione dei funerali del suo predecessore egli è stato sequestrato e impossibilitato a presiedere i funerali.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/04/2017 14:13:00 CINA-VATICANO
    L’abbraccio fra Zhan Silu e Ma Daqin: segno di resurrezione?

    La notizia del loro incontro a Mindong è apparsa per poco tempo sul web; dopo è stata cancellata. Per Zhan Silu il suo abbraccio a mons. Ma è una specie di “vendetta” per l’abbraccio ricevuto a Shanghai cinque anni prima, all’ordinazione di Ma. Un segno premonitore dei rapporti Cina-Santa Sede, in cui si mescolano e si abbracciano tutti… Mentre mons. Guo Xijin viene portato via.



    16/04/2017 11:42:00 CINA-VATICANO
    La vittoria dell’Associazione Patriottica: il vescovo illecito Zhan Silu concelebra con mons. Ma Daqin di Shanghai

    Zhan Silu è stato ordinato nel 2000. Ma Daqin, ancora agli arresti domiciliari, ma ha potuto “visitare la diocesi di Mindong”, dove è scomparso nelle mani della polizia il vescovo ordinario, mons. Guo Xijin. Nella cerimonia, Ma Daqin è stato chiamato “vescovo” e non più “padre” come in precedenza. L’Associazione patriottica padrona incontrastata della Chiesa in Cina. “Una presa in giro per il Vaticano”. L’Ap tenta di distruggere i dialoghi fra S. Sede e governo.



    12/12/2012 VATICANO - CINA
    Mons. Savio Hon: Un sopruso la destituzione del vescovo di Shanghai. Tutte le Chiese del mondo preghino per lui
    Il segretario della Congregazione vaticana per l'evangelizzazione dei popoli commenta ad AsiaNews la notizia "triste" dell'accanimento del Consiglio episcopale cinese contro mons. Taddeo Ma Daqin, esautorato per aver obbedito al papa. L'invito a tutte le Chiese a pregare per la Chiesa perseguitata in Cina, da mons. Ma ai vescovi e sacerdoti in prigione. Una preghiera anche per la nuova leadership cinese, dopo il Congresso del partito comunista, perché non usino più "i metodi del passato".

    14/12/2012 CINA - VATICANO
    Card. Zen: Il caso del vescovo di Shanghai, una vergogna per la Chiesa e per i nuovi dirigenti cinesi
    Nel togliere a mons. Ma Daqin il titolo di vescovo di Shanghai, i vescovi "opportunisti" hanno obbedito ai padroni dell'Associazione patriottica, che non vogliono perdere il controllo sulla Chiesa. Ma in tal modo gettano fango anche sulla leadership di Pechino. Il Vaticano troppo lento nel giudicare come "scismatici" questi vescovi.

    05/10/2012 CINA - VATICANO
    Shanghai, preti e suore sottoposti a lavaggio del cervello, dopo il "grande schiaffo" di Ma Daqin
    Tre giornate di lezioni, di 12 ore al giorno, all'Istituto per il socialismo di Shanghai. A tema i doveri verso la nazione, i regolamenti religiosi, i principi di una Chiesa indipendente dal papa. Come ai tempi del maoismo, sacerdoti e suore hanno subito un esame finale e "confessato" quanto hanno imparato.



    In evidenza

    VATICANO-EGITTO
    Papa Francesco in videomessaggio: Caro popolo d’Egitto…

    Papa Francesco

    In occasione della sua visita al Paese (28-29 aprile), oggi papa Francesco ha trasmesso un videomessaggio al popolo egiziano. “Il nostro mondo, dilaniato dalla violenza cieca – che ha colpito anche il cuore della vostra cara terra – ha bisogno di pace, di amore e di misericordia; ha bisogno di operatori di pace”.


    ISLAM
    Le radici dell’islamismo violento sono nell’islam, parola di musulmano

    Kamel Abderrahmani

    Dopo ogni attentato terrorista si tende a dire: “Questo non è l’islam”. Eppure quegli atti criminali sono giustificati e ispirati dai testi che sono il riferimento dei musulmani e delle istituzioni islamiche nel mondo. È urgente una riforma dell’islam dall’interno, da parte degli stessi musulmani. La convivenza con le altre religioni è la strada per togliere l’islam dalla sclerosi e dalla stagnazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®