20 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 24/05/2017, 11.57

    CINA-VATICANO

    Giornata di preghiera per la Cina: mons. Pietro Shao ancora nelle mani della polizia. La preghiera alla Madonna di Sheshan

    Victoria Ma

    Il vescovo di Wenzhou (Zhejiang) era stato sequestrato anche prima di Pasqua. A Sheshan continuano i pellegrinaggi: almeno 80 gruppi – circa 17mila persone – arrivate fino ad ora. Penitenza, preghiera e rosario per la Chiesa in Cina. Rileggere la Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi.

    Shanghai (AsiaNews) – Il vescovo Pietro Shao Zhumin di Wenzhou (Zhejiang) è ancora una volta nelle mani della polizia. Preghiere per lui continuano anche oggi, Festa di Maria aiuto dei cristiani, in cui si celebra la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina.

    Mons. Shao è stato chiamato da membri dell’Ufficio degli affari religiosi lo scorso 18 maggio. Da allora non si è più visto. Il 22 maggio ha fatto giungere una richiesta di poter avere del vino da messa.

    Oggi, una fonte da Wenzhou ha detto ad AsiaNews che non si sa dove il vescovo Shao sia tenuto e da due giorni non si ha alcuna notizia. Mons. Shao è un vescovo non riconosciuto dal governo, ma è stato confermato dalla Santa Sede a guidare la diocesi di Wenzhou.

    In precedenza, mons. Shao era stato sequestrate dalla polizia durante la Settimana Santa e poi rilasciato dopo Pasqua.

    A Sheshan, la sede dellla basilica nazionale dedicata a Maria, aiuto dei cristiani, I pellegrini hanno continuato ad arrivare fin dal 29 aprile. Vi sono stati almeno 80 gruppi che da Shanghai e da altre diocesi sono giunti fino alla collina dove è il santuario. Secondo la diocese di Shanghai, in tutto sono arrivate 17mila persone. Esse sono giunte dalle diocesi di Handan e Xingtai (Hebei); Wenzhou (Zhejiang), Changzhi e Taiyuan (Shanxi); Tianshui (Gansu); Mindong (Fujian); Tianjin; Guizhou; e Suzhou (Jiangsu).

    I gruppi devono essere guidati da un sacerdote e devono presentare tempo prima la domanda e ricevere il permesso.

    La diocesi di Shanghai ha compiuto il suo pellegrinaggio il 10 di Maggio. Centinaia di sacerdoti, suore, seminaristi, membri delle diverse parrocchie hanno preso parte al raduno. I fedeli si sono fermati alle diverse stazioni lungo la collina, alla cappella dei “Tre Santi” e poi sono arrivati fino alla basilica.

    Il gruppo era guidato da p. Lu Qinglin, decano di Punan (Shanghai). Il vescovo di Shanghai, mons. Ma Daqin, è agli arresti domiciliari dal 2012. P. Lu, nella sua omelia, ha chiesto ai fedeli di pregare intensamente la Madonna e san Giuseppe perchè aiutino la Chiesa in Cina e in special modo la Chiesa di Shanghai.

    La messa nella basilica è stata presieduta da p. Wu Jianlin di Shanghai e concelebrate da oltre 40 sacerdoti.

    Essendo quest’anno il centenario delle apparizioni della Madonna di Fatima, ai fedeli è stato detto di fare penitenza e di pregare per la pace nel mondo, recitando il Rosario tutti I giorni.

    Dopo la messa, p. Wu ha guidato l’assemblea nella recita della preghiera alla Madonna di Sheshan, composta dal papa emerito Benedetto XVI nel 2007.

    Durante tutto il mese di maggio, molti cattolici hanno postato su Wechat (un social network cinese) il testo della preghiera e l’intero testo della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi, chiedendo ai loro amici di rileggerla e di riflettere sulla lettera papale.

    Il 17 maggio, 17 suore del convento della Presentazione della diocesidi Shanghai hanno emesso I loro voti: 13 voti perpetui e Quattro primi voti. La cerimonia è avvenuta davanti a p Wu nella Chiesa dell’Assunzione di Nostra Signora a Qibao (Shanghai).

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/05/2014 CINA - VATICANO
    Fondare sulla roccia e non sulla sabbia le nostre aspettative per la Chiesa in China
    I rapporti diplomatici fra Cina e Vaticano non si evolvono. Ma essi non sono nemmeno il problema più importante. Arresti, distruzioni e pressioni mostrano che la Cina ha ancora intenzione di controllare la Chiesa e le religioni. E' necessario creare un rapporto di fiducia, far comprendere a Pechino che la Santa Sede non è solo uno Stato, ma il centro della Chiesa cattolica. Ma vi sono anche problemi interni: la difficile riconciliazione fra le comunità, la formazione, le distanze fra vescovi e clero. Lo Spirito santo è il protagonista della missione: da ricordare oggi, nella Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina.

    24/05/2016 12:20:00 CINA-VATICANO
    Almeno 20mila cattolici pregano a Sheshan per la Chiesa in Cina

    Nel mese di Maggio vi sono stati pellegrinaggi anche da Ningbo e Taiyuan. Molto diffusi i gruppi web di preghiera. Assente mons. Taddeo Ma Daqin, agli arresti domiciliari dal 2012. Il pellegrinaggio solenne della diocesi di Shanghai.



    13/04/2017 15:48:00 CINA-VATICANO
    Sequestrato mons. Pietro Shao Zhumin, vescovo (sotterraneo) di Wenzhou

    La pubblica sicurezza non comunica il luogo in cui è stato portato. Ma hanno permesso ai fedeli di consegnare alcuni vestiti per il loro pastore. Il vescovo non potrà celebrare Pasqua coi suoi fedeli. Pressioni sul prelato per farlo aderire all’Associazione patriottica. Un destino simile a quello di mons. Guo Xijin. Pressioni anche sulla Santa Sede.



    31/05/2017 11:53:00 CINA-VATICANO
    Sacerdote della Chiesa ufficiale: No a un compromesso politico fra Cina e Vaticano

    Il bisogno di maggior chiarezza da parte della Santa Sede; l’amarezza della divisione fra le comunità ufficiali e sotterranee: “Non stiamo tutti servendo la causa di Cristo?”. Il racconto delle difficoltà che un sacerdote cinese affronta nella sua vita quotidiana.



    19/06/2017 15:56:00 CINA-VATICANO
    Ancora scomparso mons. Pietro Shao Zhumin, vescovo di Wenzhou, non riconosciuto dal governo

    Il vescovo sarebbe arrivato all’aeroporto di Wenzhou, ma non è stato portato a casa sua. Mons. Shao è stato prelevato da persone del governo e scortato in luogo sconosciuto. I suoi sacerdoti non lo hanno visto a casa. Cifre aggiornate della comunità di Wenzhou: 130mila cattolici.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I nuovi regolamenti religiosi: annientare le comunità sotterranee, soffocare le comunità ufficiali

    Bernardo Cervellera

    Pochi articoli aggiunti rispetto alle bozze. Le religioni viste non come “l’oppio”, ma “la peste” dei popoli. Controllo spasmodico di tutti i livelli del potere politico verso le religioni ufficiali. Multe elevatissime per i membri delle comunità non ufficiali. Sequestro e incameramento dei “siti illegali” da parte dello Stato. Espulsione dalle scuole per attività di “proselitismo”.


    CINA-VATICANO
    Mons. Pietro Shao Zhumin sotto controllo in un ospedale di Pechino

    Bernardo Cervellera

    È stato sottoposto a un’operazione a un orecchio. Gli è stato vietato di partecipare ai funerali di un anziano testimone della fede, p. Giovanni Wang, che ha subito 12 anni di lager. Anche il segretario dl vescovo è stato sequestrato per impedirgli di partecipare ai funerali di p. Wang.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®