24/08/2010, 00.00
INDONESIA
Invia ad un amico

West Java, cristiani celebrano in strada per chiedere la libertà religiosa

di Mathias Hariyadi
Il servizio domenicale della Yasmin Church si è svolto a Bogor. Gli estremisti islamici hanno fatto pressione sull’autorità civile che ha chiuso il loro luogo di culto, anche se legale. I servizi liturgici si svolgono in strada dal 10 aprile scorso.

Jakarta (AsiaNews) – I fedeli della Gereja Kristen Indonesia (Gki, più nota come Yasmin Church), hanno celebrato la funzione religiosa domenicale in strada a Bogor, nel West Java. Il servizio religioso di protesta, cui hanno preso parte anche attivisti per il dialogo inter-religioso, si è svolto davanti al luogo di culto della Gki, che è stato chiuso dal comune in modo illegale l’11 marzo scorso.

Nel 2008 la Yasmin Church ha ottenuto i permessi per costruire a Bogor un luogo di culto, sul terreno privato di un fedele della comunità. Il 14 febbraio 2008, l’autorità civile ha ritirato loro i permessi, ordinando di chiudere il locale a causa delle proteste degli estremisti islamici. Dopo aver fatto causa al comune, nel 2009 la Yasmin Church ha ottenuto il permesso di tenere aperto il luogo di culto grazie al verdetto favorevole della Corte amministrativa dello Stato, la più alta corte civile del Paese. Il locale è stato però chiuso in maniera definitiva l’11 marzo 2010 dall’autorità civile, dopo le continue pressioni degli estremisti islamici.

Dal 10 aprile, la Yasmin Church celebra le sue funzioni per strada in segno di protesta e il 22 agosto scorso è stato officiato il decimo servizio. Gomar Pasaribu, pastore e segretario generale delle Chiese indonesiane del sinodo (Pgi), ha ribadito a tutti i fedeli presenti che professare la propria religione è “il diritto più fondamentale di ogni cittadino indonesiano. Ogni azione ostile e la lentezza dello Stato a tutelarla, rappresenta una grave violazione dello spirtio indonesiano espresso nel motto nazionale: Unità nella diversità”.

In una lettera inviata ad AsiaNews, il pastore Ujang Tanusaputra, tra i responsabili della Yasmin Church, dichiara: “I nostri padri fondatori hanno lottato per l’indipendenza di questo Paese. Molti di loro erano cristiani. Lo spirito intollerante degli estremisti ha macchiato la buona immagine della società pluralista indonesiana”.  

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Yasmin Church: protesta pacifica dei fedeli davanti alla residenza di Yudhoyono
13/03/2012
La Yasmin Church ha celebrato la domenica davanti al palazzo presidenziale a Jakarta
30/01/2012
Yasmin Church: I radicali islamici attaccano due parlamentari durante la celebrazione domenicale
17/01/2012
West Java: musulmani moderati difendono il Natale della Yasmin Church
29/12/2011
Bogor: l’offerta di spostare la chiesa può essere “una trappola fatale”
13/12/2011