18 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 26/09/2017, 11.21

    CINA

    WhatsApp nel mirino della censura cinese



    È più di una settimana che l’applicazione funziona a momenti alterni. Ci sono periodi di blocco totale. Impedito lo scambio delle foto e dei messaggi vocali. L'applicazione è famosa per la crittografia dei messaggi. In vista del 19mo Congresso del Partito comunista cinese (Pcc) il governo inasprisce la censura.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – L’applicazione di messaggistica istantanea WhatsApp è stata bloccata in Cina. È l’ennesima misura restrittiva applicata dal governo in vista del 19mo Congresso del Partito comunista cinese (Pcc) previsto per il prossimo mese.

    I problemi sono iniziati la settimana scorsa, quando il famoso programma ha cominciato a funzionare a momenti alterni. Talvolta il suo era utilizzo era possibile solo per mezzo di reti virtuali private che eludono il “Great Firewall” internet cinese. Ad oggi, sembra che i messaggi e le chiamate audio e video siano di nuovo accessibili, mentre rimane bloccata la condivisione di foto e di messaggi vocali.

    WhatsApp è l’unico prodotto di Facebook ad avere il permesso di operare nella Cina continentale, a differenza del principale social network e dell’applicazione per lo scambio di immagini Instagram.

    Il blocco della piattaforma di messaggistica segue le restrizioni già imposte su di essa a luglio, quando sono stati vietati lo scambio di fotografie e le videochiamate.

    Secondo gli esperti di sicurezza cibernetica, WhatsApp è finito nelle mire della censura cinese per via della sua solida reputazione in fatto di sicurezza. Difatti, l’applicazione fornisce un sistema di crittografia “end-to-end” che assicura che solo mittente e destinatario possano vedere il contenuto dei messaggi, impedendo anche a Facebook di conoscere il contenuto delle comunicazioni su essa diffuse.

    Il blocco rientra nel giro di vite su internet imposto da Pechino in previsione del Congresso che si tiene in Cina ogni cinque anni e che inizierà il 18 ottobre. È prevedibile che durante esso il presidente Xi Jinping venga confermato per un secondo mandato come segretario generale del Partito. Non è insolito che Pechino intensifichi le censure e restrizioni in occasione di simili eventi, ma non è chiaro qualora esse siano destinate a essere rimosse in seguito o a restare.

    Da anni, siti come Facebook, Twitter e numerosi media stranieri sono  bloccati in Cina.

    Ieri, la guardia cibernetica cinese ha emesso pesanti sanzioni contro alcuni marchi tecnologici prestigiosi, come Tencent, Baidu e Weibo, per non aver censurato adeguatamente alcuni contenuti internet. In particolare, le aziende non avrebbero rimosso delle false notizie e della pornografia, insieme a materiale che le autorità sostiene “incitare tensioni etniche” e “minacciare l’ordine sociale”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/11/2012 TIBET – CINA
    In attesa del Congresso, il governo cinese isola il Tibet
    Diverse fonti locali denunciano il blocco di ogni forma di comunicazione nelle aree da cui sono partite le auto-immolazioni. Ristretta la vendita di petrolio e di altri liquidi infiammabili persino a Lhasa.

    05/11/2011 CINA
    Elezioni in Cina: le autorità citano leggi inesistenti per escludere i candidati “scomodi”
    Sono tantissimi i candidati indipendenti. Aggirano la censura facendosi pubblicità su internet. Le autorità “inventano” leggi inesistenti per escluderli dal voto. Ma qualcuno ce la fa.

    25/01/2007 CINA
    Hu Jintao chiede al Partito di “purificare” internet
    Pur senza pronunciare la parola censura, il leader cinese ha chiesto al Politburo un maggior controllo sulla Rete, che deve però essere libera di sviluppare il proprio potenziale economico. Sale a 137 milioni il numero di utenti cinesi.

    24/01/2008 CINA
    Per Hu Jintao una buona propaganda è più importante che risolvere i problemi
    In vista delle Olimpiadi, il presidente sollecita i funzionari del Partito comunista cinese ad “aumentare l’attività di propaganda”. Si vuole pubblicizzare un’immagine positiva del Paese, facendone dimenticare i molti problemi. Le funzioni di censura del Dipartimento propaganda.

    29/06/2005 CINA
    Cina, oltre 100 milioni gli utenti internet

    Mentre cresce sempre di più il numero di utenti Internet la censura di Stato continua ad agire anche grazie alle nuove tecnologie.





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®