25 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 16/12/2005, 00.00

    HONG KONG - CINA - INDIA

    Wto: poche speranze per un accordo globale



    Immobili le posizioni contrapposte di Paesi sviluppati e in via di sviluppo. Si apre la via agli accordi bilaterali o regionali. India e Cina rivendicano un maggior ruolo nel commercio mondiale perchè questo "è il secolo dell'Asia".

    Hong Kong (AsiaNews/Agenzie) - E' alto il timore che l'assemblea dell'Organizzazione mondiale del commercio (Wto) non giunga ad un accordo sulla questione centrale dell'agricoltura. Intanto India e Cina rivendicano ruoli centrali nel commercio mondiale.

    Unione Europea e Stati Uniti appaiono sempre meno disposti a concessioni. L'Ue rifiuta di indicare una data per cessare i sussidi ai propri agricoltori e offre solo di ridurre del 46% le tasse alle importazioni agricole, a meno che gli altri Stati non aprano il mercato a prodotti industriali e servizi. Mandisi Mphahlwa, ministro sudafricano all'Industria, risponde per tutti che la proposta è vantaggiosa solo per l'Europa.

    Gli Usa offrono di togliere le imposte all'importazione dei prodotti tessili dall'Africa ma non di tagliare i 4 miliardi di dollari in sussidi ai propri coltivatori, ma queste Nazioni lo considerano un "gesto vuoto", dato che le tasse sono solo del 2% e che spono proprio i sussidi interni a rendere i loro prodotti non competitivi.

    Molti osservatori notano che il Wto negli ultimi anni aveva maggiori ambizioni: l'apertura dei mercati nazionali era considerata, anche, un modo per raggiungere una maggior libertà tramite lo scambio di prodotti e idee. Tutti ritengono, comunque, che i Paesi ricchi faranno concessioni a favore degli Stati poveri (quali esenzioni da tasse all'importazione di specifici prodotti).

    Intanto India e Cina rivendicano un maggior peso per i loro Paesi nello scenario mondiale. "Loro (Usa e Ue) - dice Kamal Nath, ministro indiano per il Commercio - non sono più competitivi [nel settore agricolo], non possono esserlo in modo artificiale e ficcare i loro sussidi giù per le nostre gole". "Questo è il secolo dell'Asia. Dobbiamo riconoscere che il massimo sviluppo, la gran parte della popolazione, la gran parte dei consumatori sono in Asia. Questo è il cambiamento nell'architettura dell'economia del futuro".

    Bo Xilai, ministro cinese al Commercio, ha lanciato un duro attacco contro le Nazioni ricche perché non "fanno abbastanza" per far avanzare la liberalizzazione del commercio. Ci sono 2,6 miliardi di contadini - ha notato - ma 2,5 sono nei Paesi in via di sviluppo e la gran parte vive in povertà. Anche se questi Stati vogliono con sincerità promuovere la liberalizzazione del commercio - ha detto - devono considerare il tenore di vita delle decine di milioni di loro agricoltori, rispetto alle altre centinaia di milioni. E' la prima volta che Pechino prende posizione su questi problemi, dal suo ingresso nel Wto nel 2001. Esperti osservano che la situazione interna della Cina è differente rispetto ad altre Nazioni popolose e in rapido sviluppo come Brasile, India, Messico e Sud Africa. Mentre queste hanno una diffusa povertà, in Cina c'è una grande differenza tra la povertà della maggioranza dei 740 milioni di contadini e l'agiatezza nelle prospere città, specie nella costa orientale.

    "La Cina - ritiene Enzio Von Pfeil, presidente della Commercial Economics Asia di Hong Kong - preferisce accordi bilaterali, piuttosto che dover partecipare a trattati multilaterali". La Cina sta trattando accordi agricoli con diversi Stati. A novembre ha concordato con il Cile di tagliare le imposte sulle reciproche importazioni dal 1 luglio 2006 e di eliminarle entro i prossimi 10 anni. Sono in corso, ha detto ieri Jin Renqing, ministro delle Finanze - trattative per concedere tagli di imposte a 30 Paesi in via di sviluppo e dal 2006 non saranno applicate imposte ai prodotti dei 10 Stati dell'Asean.

    Intanto proseguono le manifestazioni di protesta a Hong Kong, che dopo i primi 2 giorni hanno assunto un carattere più folkloristico che violento. Al punto che sono diventate meta dei gruppi turistici. (PB)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/07/2008 CINA - INDIA
    Salta l’accordo mondiale sul commercio, accuse tra Usa, India e Cina
    Gli Stati Uniti rimproverano agli altri 2 Stati eccessiva intransigenza, ma Pechino e New Delhi rispondono che non possono non tutelare la sopravvivenza dei contadini più poveri. Nei nuovi equilibri mondiali, appare sempre meno attuale un consesso che chiede l’unanimità.

    27/05/2005 CINA – USA –EU
    La lotta sulle quote del tessile mette a rischio centinaia di milioni di posti di lavoro


    13/12/2005 HONG KONG - WTO
    Contrasti e proteste al summit dell'Organizzazione mondiale del commercio

    Paesi ricchi e in via di sviluppo hanno posizioni distanti. I Paesi poveri chiedono l'eliminazione delle politiche protezionistiche e ricordano che i loro contadini muoiono di fame. Migliaia di manifestanti nelle vie, scontri con la polizia.



    14/12/2005 HONG KONG
    Wto in crisi: già si parla di rinvio

    Dopo 2 giorni di colloqui, rimangono distanti le posizioni tra Paesi ricchi e in via di sviluppo. Al di là delle affermazioni, mancano proposte concrete. Nuovi scontri tra polizia e dimostranti.



    03/04/2006 CINA - UNIONE EUROPEA - STATI UNITI - AUSTRALIA
    Cina, Stati Uniti, Ue: si profila una guerra di dazi

    L'Ue impone tariffe all'importazione di scarpe cinesi, Usa e Ue si appellano all'Omc contro le imposte cinesi per l'importazione di parti di autoveicoli. Intanto la Cina acquisterà 20 mila tonnellate annue di uranio dall'Australia.





    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®