20 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  •    - Mongolia
  •    - Russia
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/09/2017, 08.57

    CINA-USA-COREA

    Xi Jinping e Trump condannano insieme il test nucleare di Pyongyang



    Il test nucleare è “un’azione provocatoria e destabilizzante”, “pericolosa per il mondo” e che non fa gli interessi di Pyongyang. Ambasciatore del Nord all’Onu: Il test è “un pacco-regalo agli Usa”. Istallate altre quattro rampe del sistema antimissilistico Thaad, inviso a Pechino e Mosca.

    Seoul (AsiaNews) - I presidenti Xi Jinping e Donald Trump hanno espresso una comune condanna all’esperimento nucleare che la Corea del Nord ha condotto il 3 settembre scorso. In una conversazione telefonica ieri sera, essi hanno promesso di coordinare in modo stretto i loro sforzi per liberare la penisola coreana dalla minaccia nucleare. I due presidenti hanno definito il test “un’azione provocatoria e destabilizzante” e hanno detto che la via intrapresa da Pyongyang è “pericolosa per il mondo” e “non fa i suoi stessi interessi”.

    La Xinhua ha anche sottolineato che Xi è determinate a risolvere la crisi in modo pacifico, e che Pechino attribuisce molta importanza alla visita di Trump in Cina, verso la fine dell’anno.

    Anche Trump, dopo le minacce bellicose dei giorni scorsi, ha detto che “l’opzione militare non è la prima”.

    L’unità di intenti così manifesta conferma in diversi analisti l’idea che l’obbiettivo di Pyongyang non è solo Washington, ma anche la Cina e Xi Jinping. Come ha fatto notare Zhang Lianghui, professore di strategie internazionali alla Scuola centrale del Partito a Pechino, nelle mosse di Kim Jong-un vi è anche un “fattore Cina” che gioca un ruolo. “La Corea del Nord - egli dice - fa una mossa pesante tutte le volte che la Cina ha un grande evento”. Il lancio del 3 settembre è avvenuto alla vigilia dell’incontro di Xi con i Paesi del Brics. Un altro test missilistico è avvenuto lo scorso aprile, proprio prima che Xi Jinping si trovasse a colloquio con Donald Trump in Florida; un altro, lo scorso maggio, prima che la Cina lanciasse il suo programma “Belt and Road initiative”.

    Intanto, non si fermano le provocazioni della Corea del Nord. Due giorni fa, il suo ambasciatore all’Onu di Ginevra, Han Tae Song, a una conferenza sul disarmo ha detto che il missile e i test nucleari del suo Paese, compreso l’ultimo con una bomba ad idrogeno “sono un pacco-dono” per Stati Uniti. “Gli Usa - ha precisato - riceveranno ancora più pacchi-dono dalla mia nazione se essi continueranno a basarsi su provocazioni sconsiderate e tentativi futili di fare pressione sulla Corea del Nord”.

    Gli Stati Uniti e la Corea del Sud stanno lavorando per accrescere il sostegno a una risoluzione Onu che incrementi le sanzioni contro il Nord, compreso il taglio alle forniture di petrolio. Ma Pechino e Mosca per ora non sembrano condividere questa strada.

    Intanto, stamane a Seongju, a circa 300 km a sud di Seoul, sono stati istallati in modo “provvisorio” altre quattro rampe del sistema anti-missilistico Thaad. Altre due rampe erano già in funzione. L’istallazione ha suscitato proteste e manifestazioni della popolazione locale (v. foto 2), timorosa dell’impatto ambientale del sistema, a causa delle onde elettromagnetiche dei potenti radar e delle batterie elettriche inquinanti. Almeno 400 residenti e attivisti hanno cercato di fermare il convoglio con le rampe, scontrandosi con 8mila soldati.

    La Russia, e soprattutto la Cina, sono contrarie all’istallazione perché i potenti radar del Thaad sarebbero capaci di rilevare strutture militari anche in Cina, mettendo in pericolo la sua sicurezza.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/09/2017 09:12:00 ONU-COREA
    Consiglio di sicurezza Onu sulla Corea del Nord: Guerra, sanzioni, dialogo

    Ambasciatrice Usa: Pyongyang sta supplicando per una guerra. La pazienza degli Usa “non è senza limiti”. Per Cina e Russia occorre frenare che fanno crescere la tensione. Stop alle esercitazioni militari congiunte in cambio di dialogo con il Nord. Putin al telefono con Moon Jae-in. Trump propone vendita di armi alla Corea del Sud.



    04/09/2017 09:13:00 COREA-ASIA
    Il ‘terremoto’ del test nucleare di Pyongyang. Le reazioni nel mondo

    Oggi pomeriggio riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza dell'Onu. La bomba ad idrogeno fatta scoppiare ieri è quasi 10 volte più forte delle precedenti. Per la Corea del Nord è un “perfetto successo”. Seoul e Tokyo chiedono un incremento al massimo delle sanzioni per portare Kim Jong-un al tavolo delle trattative. Esercitazioni militari con missili nel sud. Minacce di operazioni militari da parte degli Usa. Per alcuni analisti, l’obbiettivo dei test è provocare l’imbarazzo della Cina.



    30/08/2017 08:49:00 COREA-USA
    Kim Jong-un: Il missile sul Giappone, primo passo verso Guam

    Il lancio di ieri, una risposta alle esercitazioni militari congiunte Usa-Corea del Sud. Trump: Tutte le opzioni sono sul tavolo. Il Consiglio di sicurezza Onu condanna il lancio come “oltraggioso”. Nessuna sanzione ulteriore. Cina e Russia criticano anche gli Usa per l’accresciuta tensione.



    31/10/2017 08:57:00 COREA DEL SUD - CINA
    Seoul e Pechino riprendono le relazioni ‘normali’

    I rapporti si erano deteriorati a causa dello spiegamento del sistema anti-missilistico Thaad. Pechino aveva boicottato voli, turismo, vendita al dettaglio di prodotti sudcoreani. La ripresa delle comunicazioni avviene alla vigilia del viaggio di Trump in Asia.



    08/06/2017 08:37:00 COREA
    Pyongyang lancia nuovi missili. Moon frena lo sviluppo del Thaad

    I missili lanciati oggi non sono sottoposti al divieto Onu. Essi potrebbero colpire delle “grandi navi”. Bloccato ogni ulteriore spiegamento del sistema anti-missilistico Usa per motivi ecologici. Manifestazioni anti-Thaad a Seongju. Seoul è disposto a continuare i rapporti intercoreani con le ong e le organizzazioni caritative e religiose, ma Pyongyang le rifiuta.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®