18 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 28/11/2005
cina
Xian: 16 suore picchiate a sangue per aver difeso una scuola della diocesi

Ieri una manifestazione dei cattolici di Xian per chiedere giustizia.



Roma (AsiaNews) – Centinaia di fedeli della diocesi di Xian, insieme ad amici e parenti hanno manifestato ieri per le strade della città per chiedere giustizia contro un gruppo di "teppisti" che la sera del 23 novembre hanno picchiato a sangue 16 suore della congregazione delle Francescane missionarie del Sacro Cuore. Tutte le religiose sono ricoverate all'ospedale, una di loro ha perso la vista e un'altra è in gravi condizioni. Le suore stavano cercando di impedire la demolizione di una scuola che appartiene alla diocesi e che il governo della città ha venduto ad un'azienda.

Da diversi giorni le suore facevano un sit-in nell'edificio scolastico vuoto. La sera del 23 novembre un gruppo di giovani picchiatori è entrato e le ha colpite ripetutamente. Non si sa se il gruppo è stato inviato dal governo o dall'azienda cui il sindaco ha venduto l'edificio. Il governo ha stabilito il blackout di notizie sulla violenza e non ha ancora deciso il da farsi. Ma alcuni siti cattolici cinesi hanno diffuso ieri la notizia del fatto.

In passato la costruzione era la sede della "Scuola del Rosario", una scuola elementare tenuta dalle suore. Con l'avvento di Mao Zedong tutte le scuole erano state nazionalizzate e gli edifici requisiti. Anche la Scuola del Rosario divenne una scuola statale.

Negli anni '80, dopo la Rivoluzione Culturale, il governo cinese ha stabilito il ritorno ai legittimi proprietari di tutti gli edifici requisiti durante il maoismo. Ma per quanto riguarda la Chiesa, molti edifici, ancora adesso, rimangono nelle mani del Partito.

Il governo giustifica il non ritorno degli edifici a motivo della loro funzione "sociale". Proprio per questo la scuola del Rosario non è mai ritornata alla diocesi di Xian.

Ma da diversi mesi la scuola ha trovato un'altra sistemazione e l'edificio originario è vuoto da tempo. Per questo la dicesi e le suore lo hanno richiesto indietro. Intanto però il governo della città ha già venduto l'edificio – che si trova in centro città – a un'azienda che lo vuole distruggere per costruire capannoni e palazzi.

A causa del grande sviluppo economico, molti quartieri centrali delle città vengono requisiti e distrutti. I legittimi proprietari sono spesso ripagati con somme irrisorie, se paragonate al valore dei terreni. Chi fa resistenza viene perfino rapito. Le ditte appaltatrici agiscono spesso in combutta con i governi locali che provvedono a coprire le loro violenze.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
29/11/2005 Cina
Hebei, arrestati 6 preti della chiesa sotterranea
12/12/2005 CINA
Suore picchiate a Xian: fermati 11 dei 40 "teppisti"
30/11/2005 CINA
Suore picchiate a Xian: il governo chiede alla diocesi di pagare la scuola che è già sua
02/12/2005 Cina
Dopo l'assalto alle suore si temono rappresaglie contro i cattolici di Xian
10/11/2006 CINA
Suore picchiate a Xian, accordo extra-giudiziario con gli assalitori
Articoli del dossier
CINA
Suore picchiate a Xian: fermati 11 dei 40 "teppisti"
Cina
Dopo l'assalto alle suore si temono rappresaglie contro i cattolici di Xian
cina - vaticano
Siti cattolici cinesi "oscurati" sul pestaggio delle suore a Xian
India
I cristiani indiani condannano le violenze contro i cattolici cinesi
vaticano - cina
Suore picchiate a Xian e sacerdoti arrestati: dichiarazione della Santa Sede
CINA
Suore picchiate a Xian: il governo chiede alla diocesi di pagare la scuola che è già sua
Cina – Vaticano
La persecuzione rafforza la Chiesa sotterranea dell'Hebei

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate