23 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/05/2017, 08.44

    YEMEN

    Yemen, emergenza colera: 115 vittime, oltre 8500 le persone contagiate



    Epicentro dell’epidemia la capitale Sana’a e la confinante provincia Amanat al-Semah. Condizioni igieniche precarie e povertà hanno favorito la diffusione. Oms: meno del 45% degli ospedali e delle cliniche funzionano a pieno regime. La guerra ha danneggiato o distrutto almeno 300 strutture mediche.

     

    Sana’a (AsiaNews/Agenzie) - A Sana’a, capitale dello Yemen, è in vigore lo stato di emergenza in seguito allo scoppio di una epidemia di colera che ha ucciso sinora decine di persone. Gli ospedali della città, controllata dai ribelli Houthi, sono presi d’assalto da pazienti con i sintomi della malattia. Secondo quanto riferiscono fonti della Croce rossa, il numero complessivo dei casi sospetti nel Paese è triplicato in una settimana, superando quota 8500; almeno 115 le vittime. 

    Il Paese è sconvolto da tempo da un sanguinoso conflitto interno; le precarie condizioni igieniche e una povertà sempre più diffusa hanno favorito lo sviluppo di epidemie. 

    Esperti delle Nazioni Unite affermano che due terzi della popolazione non ha accesso ad acqua potabile. Dominik Stillhart, direttore delle operazioni del Comitato della Croce rossa internazionale (Icrc), aggiunge che “ora stiamo affrontando una grave epidemia”. “Vi sono - aggiunge - fino a quattro pazienti in un solo letto”. Altri ancora sono ricoverati “in giardino” o “in macchina, con la flebo attaccata al finestrino”. 

    L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) precisa che l’epicentro dell’emergenza è la capitale Sana’a, seguita dalla confinante provincia di Amanat al-Semah. Ad aggravare la crisi le pessime condizioni delle strutture sanitarie: fonti Oms sottolineano che “meno del 45%” di ospedali, cliniche e centri medici “funzionano a pieno regime”. 

    Almeno 300 strutture sono state danneggiate o distrutte in maniera pressoché completa dai combattimenti. 

    Dal gennaio 2015 la nazione del Golfo è teatro di un sanguinoso conflitto interno che vede opposte la leadership sunnita dell’ex presidente Hadi, sostenuta da Riyadh, e i ribelli sciiti Houthi, vicini all’Iran. Nel marzo 2015 una coalizione araba a guida saudita ha promosso raid contro i ribelli, finiti nel mirino delle Nazioni Unite per le vittime che hanno provocato, anche bambini.

    Ad oggi sono morte oltre 8mila persone, più di 44mila i feriti e tre milioni gli sfollati. Quasi 19 milioni (su 24 in totale) le persone bisognose di assistenza umanitaria a vario titolo. 

    Il colera è una malattia che si trasmette attraverso l’uso di acqua e di cibo contaminati. Fra i sintomi più comuni la dissenteria acuta e il vomito. Le persone colpite possono presentare condizioni gravi che, se non trattate, possono portare alla morte in poche ore. Si tratta della seconda epidemia di colera in Yemen nell’ultimo anno. 

    L’Oms considera lo Yemen una delle peggiori emergenze umanitarie al mondo, assieme a Siria, Sud Sudan, Nigeria e Iraq.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/06/2017 08:51:00 YEMEN - ONU
    Onu: Contro la crisi umanitaria in Yemen cessate il fuoco immediato e porti aperti agli aiuti

    Il Consiglio di Sicurezza approva all’unanimità un appello rivolto a tutte le parti coinvolte nel conflitto. Fondamentale garantire l’accesso al porto di Hodeida, che rappresenta una “fondamentale ancora di salvezza”. Dall’inizio dell’emergenza colera morte 923 persone, i casi sospetti hanno superato quota 124mila.

     



    09/06/2017 08:55:00 YEMEN
    Yemen, prosegue l’emergenza colera: quasi 800 morti e oltre 100mila contagiati

    I casi si sono registrati in 19 diverse province. Oms: entro sei mesi fino a 250mila persone colpite. Oxfam: Una vittima ogni ora, nazione “sull’orlo del precipizio”. Fermare la guerra e ripristinare gli aiuti umanitari. A favorire la diffusione le pessime condizioni igienico-sanitarie e la carenza di strutture mediche.

     



    05/06/2017 13:58:00 YEMEN
    Yemen, vicario d’Arabia: fra guerre ed epidemie (di colera) situazione “disastrosa”

    Fonti Oms parlano di quasi 74mila casi di colera, le vittime oltre 600 (405 bambini). A rischio fino a 300mila persone. Ogni 10 minuti muore un bambino sotto i cinque anni. Strutture sanitarie al collasso. Mons. Hinder: la nostra preghiera e l’aiuto silenzioso per cristiani e musulmani. Difficile portare aiuti, bisogna mantenere viva l’attenzione.

     



    23/04/2014 VIETNAM
    Vietnam, epidemia di morbillo uccide 123 bambini. I genitori attaccano il governo
    Nel mirino il dicastero della Sanità, che avrebbe nascosto la situazione invece di intervenire. Il ministro Nguyen Thi Kim Tien minimizza e parla di “sole” 25 vittime. Vi sono al momento 3.430 casi confermati e oltre 5.800 sospetti. L’Oms segue da vicino l’evolvere della situazione. Genitori in allarme prendono d’assalto gli ospedali.

    08/09/2012 VIETNAM
    Influenza aviaria: in Vietnam compare una variante nuova e “molto tossica”
    Il virus si sta diffondendo con crescente rapidità. Sarebbe una “mutazione” dell’H5N1, prodotto negli allevamenti di pollame lo scorso anno. Per gli esperti è una patologia pericolosa e mortale. La malattia si sviluppa (anche) a causa del traffico illegale e clandestino di volatili dalla Cina. Per gli scienziati resta il pericolo di pandemia.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®