22 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/05/2017, 08.44

    YEMEN

    Yemen, emergenza colera: 115 vittime, oltre 8500 le persone contagiate



    Epicentro dell’epidemia la capitale Sana’a e la confinante provincia Amanat al-Semah. Condizioni igieniche precarie e povertà hanno favorito la diffusione. Oms: meno del 45% degli ospedali e delle cliniche funzionano a pieno regime. La guerra ha danneggiato o distrutto almeno 300 strutture mediche.

     

    Sana’a (AsiaNews/Agenzie) - A Sana’a, capitale dello Yemen, è in vigore lo stato di emergenza in seguito allo scoppio di una epidemia di colera che ha ucciso sinora decine di persone. Gli ospedali della città, controllata dai ribelli Houthi, sono presi d’assalto da pazienti con i sintomi della malattia. Secondo quanto riferiscono fonti della Croce rossa, il numero complessivo dei casi sospetti nel Paese è triplicato in una settimana, superando quota 8500; almeno 115 le vittime. 

    Il Paese è sconvolto da tempo da un sanguinoso conflitto interno; le precarie condizioni igieniche e una povertà sempre più diffusa hanno favorito lo sviluppo di epidemie. 

    Esperti delle Nazioni Unite affermano che due terzi della popolazione non ha accesso ad acqua potabile. Dominik Stillhart, direttore delle operazioni del Comitato della Croce rossa internazionale (Icrc), aggiunge che “ora stiamo affrontando una grave epidemia”. “Vi sono - aggiunge - fino a quattro pazienti in un solo letto”. Altri ancora sono ricoverati “in giardino” o “in macchina, con la flebo attaccata al finestrino”. 

    L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) precisa che l’epicentro dell’emergenza è la capitale Sana’a, seguita dalla confinante provincia di Amanat al-Semah. Ad aggravare la crisi le pessime condizioni delle strutture sanitarie: fonti Oms sottolineano che “meno del 45%” di ospedali, cliniche e centri medici “funzionano a pieno regime”. 

    Almeno 300 strutture sono state danneggiate o distrutte in maniera pressoché completa dai combattimenti. 

    Dal gennaio 2015 la nazione del Golfo è teatro di un sanguinoso conflitto interno che vede opposte la leadership sunnita dell’ex presidente Hadi, sostenuta da Riyadh, e i ribelli sciiti Houthi, vicini all’Iran. Nel marzo 2015 una coalizione araba a guida saudita ha promosso raid contro i ribelli, finiti nel mirino delle Nazioni Unite per le vittime che hanno provocato, anche bambini.

    Ad oggi sono morte oltre 8mila persone, più di 44mila i feriti e tre milioni gli sfollati. Quasi 19 milioni (su 24 in totale) le persone bisognose di assistenza umanitaria a vario titolo. 

    Il colera è una malattia che si trasmette attraverso l’uso di acqua e di cibo contaminati. Fra i sintomi più comuni la dissenteria acuta e il vomito. Le persone colpite possono presentare condizioni gravi che, se non trattate, possono portare alla morte in poche ore. Si tratta della seconda epidemia di colera in Yemen nell’ultimo anno. 

    L’Oms considera lo Yemen una delle peggiori emergenze umanitarie al mondo, assieme a Siria, Sud Sudan, Nigeria e Iraq.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/04/2014 VIETNAM
    Vietnam, epidemia di morbillo uccide 123 bambini. I genitori attaccano il governo
    Nel mirino il dicastero della Sanità, che avrebbe nascosto la situazione invece di intervenire. Il ministro Nguyen Thi Kim Tien minimizza e parla di “sole” 25 vittime. Vi sono al momento 3.430 casi confermati e oltre 5.800 sospetti. L’Oms segue da vicino l’evolvere della situazione. Genitori in allarme prendono d’assalto gli ospedali.

    08/09/2012 VIETNAM
    Influenza aviaria: in Vietnam compare una variante nuova e “molto tossica”
    Il virus si sta diffondendo con crescente rapidità. Sarebbe una “mutazione” dell’H5N1, prodotto negli allevamenti di pollame lo scorso anno. Per gli esperti è una patologia pericolosa e mortale. La malattia si sviluppa (anche) a causa del traffico illegale e clandestino di volatili dalla Cina. Per gli scienziati resta il pericolo di pandemia.

    08/10/2007 IRAQ
    Sale l’allarme colera, mentre a Baghdad rimangono a guardare
    L’epidemia scoppiata ad agosto nel nord dell’Iraq varca i confini con l’Iran, dove si registrano 43 casi. Il ministero della Sanità non interviene, mentre dalla regione di Niniveh arriva il racconto disperato della popolazione: l’acqua non è potabile, la struttura sanitaria non esiste e i medici hanno paura di lavorare.

    19/08/2016 08:53:00 YEMEN
    Yemen: dopo i bombardamenti sauditi, evacuati sei ospedali nel nord

    Medici senza frontiere richiama il personale di sei strutture, situate nei territori controllati dai ribelli Houthi. Msf: decisione difficile, ma si è “persa la fiducia” nella capacità della coalizione araba di scongiurare vittime civili. Dall’inizio dei raid sauditi colpite quattro strutture della Ong. 



    12/04/2016 08:43:00 YEMEN - ONU
    Tiene la fragile tregua Onu in Yemen. Speranze di pace dai colloqui in Kuwait

    Secondo un portavoce delle Nazioni Unite il cessate il fuoco “sembra funzionare in gran parte”, anche se vi sono state “alcune sacche di violenza”. Diplomatico Onu: prospettiva “più significativa” per i colloqui fra le parti. Al centro delle trattative il ritiro di milizie e gruppi armati e ripristino delle istituzioni statali. 





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®