21 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/08/2017, 08.56

    YEMEN

    Yemen, nuova strage di migranti: decine annegati al largo della costa



    Ieri sono morte almeno 19 persone, provenienti da Somalia ed Etiopia. I migranti si trovavano a bordo di una imbarcazione con almeno 180 occupanti. Il giorno precedente annegati altri 50 migranti. Esperto Onu: “Nuova tendenza”, i trafficanti sanno che la situazione è “rischiosa” e per questo li abbandonano al largo della costa. 

     

    Sana’a (AsiaNews/Agenzie) - Sono almeno 19 i migranti morti ieri per annegamento intenzionale al largo dello Yemen, la maggior parte dei quali erano giovani originari della Somalia e dell’Etiopia. A riferirlo è l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim), agenzia Onu con base a Ginevra, secondo cui negli ultimi due giorni centinaia di persone sono state costrette a lasciare a forza le imbarcazioni e affrontare il mare aperto. 

    Per il portavoce Oim, questi episodi ravvicinati “potrebbero indicare l’inizio di una nuova tendenza”. “I trafficanti - aggiunge la fonte - sanno che la situazione è per loro assai rischiosa […] per questo preferiscono gettarli fuori dalle barche nei pressi della riva”. 

    A dispetto del conflitto in corso e di una situazione umanitaria terribile, lo Yemen è visto ancora oggi da molti africani come un crocevia per raggiungere le ricche nazioni del Golfo o l’Europa. Per questo, ogni anno, migliaia di persone a bordo di imbarcazioni sovraffollate cercano di raggiungerne le coste, mettendo così a repentaglio la loro vita. 

    In un video postato su Twitter William Lacey Swing, direttore generale Oim, sottolinea che “il totale disprezzo per la vita umana da parte di questi contrabbandieri, e di tutti i trafficanti di uomini del mondo, non è niente meno che immorale”. 

    Secondo quanto riferiscono le Nazioni Unite, a bordo dell’imbarcazione intercettata ieri vi erano almeno 180 migranti, 19 le vittime accertate. Il giorno precedente i membri dell’Oim avevano scoperto i cadaveri di 29 migranti all’interno di tombe poco profonde, scavate sulla spiaggia. Essi si trovavano a bordo di una imbarcazione e sono stati gettati in mare dai trafficanti mentre si trovavano a largo di Shabwa (Yemen). 

    Potrebbero essere almeno 70 le vittime accertate in soli due giorni. I migranti deceduti sarebbero sia maschi che femmine, di età media attorno ai 16 anni. 

    Statistiche dell’Alto commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr) mostrano nel 2016 oltre 255mila abitanti della Somalia avrebbero raggiunto le coste dello Yemen. Di questi, decine di migliaia sarebbero tornati indietro a causa delle violenze nel Paese arabo. Nel 2017 il numero delle persone che hanno lasciato il Corno d’Africa in direzione dello Yemen sarebbero circa 55mila. Di questi, oltre la metà ha meno di 18 anni e un terzo sono donne.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/09/2015 ITALIA – MIGRANTI
    Centro Astalli: L’Italia è ospitale, ma occorre integrazione e la fine delle guerre in Medio oriente
    P. Camillo Ripamonti, direttore dello storico Centro di accoglienza gestito dai gesuiti, spiega ad AsiaNews la situazione dei rifugiati e le prospettive che la Chiesa e la società possono offrire. L’accoglienza “è fondamentale ma non basta. Integrazione è la parola chiave, e la burocrazia non aiuta”. L’appello di papa Francesco alle parrocchie “richiede tempo e progettazione, ma può cambiare le cose”. Tuttavia “sarà tutto inutile se non interveniamo sulle cause della migrazione, in primo luogo sui conflitti in Medio Oriente”.

    19/03/2016 11:00:00 TURCHIA – UE
    Raggiunto l’accordo sui migranti: Ankara accoglierà i profughi rigettati dall’Unione

    In cambio la Turchia otterrà tre miliardi di euro e un nuovo round di negoziati per l’ingresso in Europa. Per ogni irregolare respinto dalla Grecia, un siriano passerà dal territorio turco a quello europeo. Davutoglu critica la manifestazione dei curdi a Bruxelles: “Sono terroristi”. Ma Tusk: “Libertà di parola è fondamento del nostro continente”.



    02/10/2015 CAMBOGIA - VIETNAM

    Phnom Penh nega asilo politico a nove montagnard vietnamiti in fuga dalle persecuzioni
    Il gruppo ha viaggiato fino alla capitale in cerca di aiuto, senza essere scoperto. Essi denunciano “persecuzioni a sfondo politico” da parte delle autorità comuniste di Hanoi. Funzionario Onu: "Continua la campagna dei respingimenti da parte del governo cambogiano". Solo 13 richieste di asilo approvate su 200 nel 2015.

    20/05/2015 INDONESIA - ASIA
    Emergenza boat-people, centinaia di migranti soccorsi al largo delle coste di Aceh
    Questa mattina almeno 426 persone, in maggioranza provenienti dal Myanmar, sono stati recuperati da pescatori locali. Una di queste navi era in mare aperto da settimane, le persone a bordo malate e denutrite. Parziale marcia indietro di Malaysia e Indonesia sui respingimenti. Anche il Myanmar pronto a collaborare per risolvere la crisi Rohingya.

    21/05/2015 MALAYSIA - INDONESIA - ASIA
    Kuala Lumpur in soccorso ai migranti. Attivista indonesiano: questo dramma è un fallimento dell'Asean
    Il premier malaysiano Najib Razak annuncia una operazione volta a recuperare e aiutare i barconi dei disperati. Sconfessata la politica dei respingimenti adottata sinora. In Myanmar vertice a tre con Indonesia e Malaysia per trovare una soluzione a livello regionale. Esperto di Migrant Care ad AsiaNews: l’Asean non ha saputo rispondere al dramma, interessata solo ai ricchi.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®