21 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/08/2017, 08.52

    YEMEN

    Croce rossa internazionale: in Yemen si colpiscono vittime civili, luoghi pubblici e case private



    Gli ultimi attacchi nei governatorati di Saada e Taez. Colpita una famiglia, nove morti e tre feriti. Le vittime fra i tre e gli 80 anni. Cicr: “Deploriamo” la tendenza a colpire “luoghi pubblici” e “case private”. Modello contrario ai principi fondamentali che regolano i conflitti armati. 

     

    Sana’a (AsiaNews/Agenzie) - Il Comitato internazionale della Croce Rossa (Cicr) manifesta “estremo allarme” per le conseguenze di una serie di raid aerei in Yemen, che hanno ucciso o ferito di recente “decine di civili”. Gli attacchi si sono concentrati sui governatorati di Saada e Taez. 

    In uno degli ultimi episodi, nove membri di un nucleo familiare sono stati uccisi e altri tre sono rimasti feriti. Le vittime avevano un’età variabile fra i tre e gli 80 anni. 

    Alexandre Faite, capo della delegazione Cicr in Yemen, riferisce che “i nostri colleghi hanno visitato il villaggio di Mahda, nella periferia della città di Sadaa, dove hanno potuto osservare una casa letteralmente devastata dall’esplosione. Un cratere indicava con chiarezza il punti in cui era avvenuto l’impatto”. 

    “Secondo quanto hanno riferito due testimoni oculari - prosegue Faite - un solo colpo ha centrato l’abitazione, nelle prime ore del 4 agosto”. “Deploriamo - aggiunge - la tendenza delle parti in lotta a colpire luoghi pubblici come i mercati, oltre che le case private. Questo è un modello contrario ai principi fondamentali della legge che regola i conflitti armati, e che deve essere fermato. I civili continuano a pagare un prezzo troppo alto in questo conflitto”. 

    Il Comitato internazionale della Croce Rossa aggiunge infine che, in base ai dettami della legge umanitaria internazionale, i civili non devono essere oggetto di attacchi e le parti in lotta devono fare di tutto per verificare che gli obiettivi colpiti siano davvero target militari. “Il Cicr - conclude la nota - lancia un appello a tutte le fazioni perché assicurino cura costante nel risparmiare civili e obiettivi civili nella conduzione di operazioni militari”. 

    Dal gennaio 2015 la nazione del Golfo è teatro di un sanguinoso conflitto interno che vede opposte la leadership sunnita dell’ex presidente Abedrabbo Mansour Hadi, sostenuta da Riyadh, e i ribelli sciiti Houthi, vicini all’Iran e agli Hezbollah libanesi. Nel marzo 2015 una coalizione araba a guida saudita ha promosso raid contro i ribelli, finiti nel mirino delle Nazioni Unite per le vittime [fra i civili] che hanno provocato. Tra questi vi sono anche bambini. Fonti Onu parlano di oltre 8mila morti e 45mila feriti.

    Su un totale di 28 milioni di abitanti, il conflitto ha inoltre lasciato fino a 18,8 milioni di persone bisognose di assistenza e di aiuti umanitari per poter sopravvivere. Di questi, almeno sette milioni sono considerati sull’orlo della carestia; tra loro 2,3 milioni sono bambini “malnutriti” e di età inferiore ai cinque anni. (DS)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/08/2017 08:56:00 YEMEN - A. SAUDITA - ONU
    Onu: in Yemen, più della metà dei bambini morti nel conflitto uccisi dalle bombe saudite

    Nella bozza di un documento delle Nazioni Unite l’atto di accusa contro Riyadh. Gli attacchi della coalizione araba nel 2016 hanno ucciso 683 bambini su un totale di 1340. I danni a scuole e ospedali causati dai raid sauditi (38 su 52). Continua l’emergenza colera: i casi superano il mezzo milione. 

     



    18/05/2017 08:51:00 YEMEN - ARABIA SAUDITA
    Raid saudita in Yemen colpisce civili: 23 vittime, anche donne e bambini

    L’attacco è avvenuto ieri nei pressi della città di Taez, nel sud-ovest del Paese, in un’area controllata dai ribelli Houthi. Fonte filo-governativa parla di “errore” nella definizione dell’obiettivo. Nessun commento da Riyadh. Centrato un mezzo carico di civili, di rientro da una giornata di acquisti. 

     



    10/10/2016 09:58:00 YEMEN - ARABIA SAUDITA 

    Sana’a, migliaia di cittadini in piazza contro Riyadh per la strage al funerale

    Una folla si è radunata davanti al quartier generale Onu nella capitale yemenita. I manifestanti hanno accusato la coalizione araba a guida saudita per l’attacco alla veglia funebre dell’8 ottobre. Nel raid sono morte oltre 140 persone, più di 500 i feriti. Leader Houthi: Washington ha autorizzato l’attacco, usate armi americane. 

     



    08/10/2016 09:03:00 YEMEN - ARABIA SAUDITA
    Conflitto in Yemen: Un terzo dei raid aerei sauditi colpisce obiettivi civili

    È quanto emerge da un’inchiesta di Yemen Data Project, gruppo formato da accademici, esperti e attivisti per i diritti umani. Su 8600 attacchi della coalizione araba, quasi 3200 hanno centrato scuole, moschee, ospedali, mercati, aree residenziali. Un mercato del governatorato di Marib colpito 24 volte. Riyadh parla di “danni collaterali” minimi.



    06/10/2016 11:23:00 YEMEN - ARABIA SAUDITA
    I sauditi tagliano finanziamenti agli alleati in Yemen

    Tolti i fondi destinati all’ex presidente Hadi e alle milizie armate in lotta contro gli Houthi. Abbandonati o arrestati i membri della “Conferenza di Riyadh”. I signori della guerra sottraggono alla Banca centrale (trasferita ad Aden) i proventi della vendita di gas e petrolio. La situazione favorisce i ribelli sciiti, in vantaggio sui vari fronti di guerra. 

     





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®