26 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 30/05/2014, 00.00

    INDONESIA


    Yogyakarta, estremisti islamici attaccano un gruppo di cattolici riuniti in preghiera

    Mathias Hariyadi


    Obiettivo del raid alcuni fedeli della parrocchia della Sacra Famiglia di Banteng, intenti a recitare il Rosario e provare i canti della domenica. Malmenato con brutalità il padrone di casa e proprietario di una piccola casa editrice della zona. Arcivescovo di Semarang chiede indagini accurate. Fonti di AsiaNews: "Nella zona gruppi fondamentalisti, in passato attacchi contro Ahmadi".

    Jakarta (AsiaNews) - Un gruppo di estremisti islamici della zona di Besi ha attaccato con violenza e brutalità alcuni fedeli della parrocchia della Sacra Famiglia di Banteng, nella zona a nord di Yogyakarta (isola di Java). La conferma arriva da fonti ecclesiastiche a Semarang, secondo cui il raid è avvenuto alle 9 di ieri sera; l'assalto ha colto di sorpresa i cattolici, che si erano riuniti - in occasione dell'incontro settimanale - per recitare il Rosario e provare i canti delle celebrazioni domenicali. Testimoni locali riferiscono che, all'improvviso, un gruppetto di fondamentalisti islamici si è avvicinato nei pressi di un'abitazione privata di proprietà di un leader cattolico locale, lanciando pietre e sassi. Gli assalitori hanno colpito con brutalità, per poi fuggire in tutta fretta.

    Al momento dell'attacco il padrone di casa, Julius Felicianus, non si trovava all'interno dell'abitazione; informato degli eventi, egli ha abbandonato amici e colleghi con i quali si era intrattenuto in una discussione, per fare rientro immediato a casa e verificare la situazione di persona. 

    Tuttavia, appena varcata la soglia della casa, il gruppo estremista islamico ha compiuto un secondo e più violento attacco: gli islamisti hanno fatto irruzione nell'appartamento, aggredendo a più riprese lo stesso Felicianus - direttore di Galang Press, piccola casa editrice locale - con pietre e un bastone di ferro. Il gruppo ha usato anche un vaso di fiori presente nella casa, con il quale lo ha ferito alla testa l'uomo; colpisce il fatto che essi abbiano voluto colpirlo in modo intenzionale e che la loro violenza abbia preso di mira anche altri fedeli all'interno della casa e pure alcuni giornalisti, giunti sul posto per verificare i fatti. 

    Non si conoscono ancora le ragioni dell'attacco e se le violenze siano dirette contro l'editore in particolare, oppure abbiano preso di mira l'intera comunità cattolica locale. La vicenda ha causato shock e paura fra i fedeli, che temono nuovi attacchi.

    Interpellato da AsiaNews l'arcivescovo di Semarang mons. Johannes Pujasumarta riferisce che le ragioni alla base dell'assalto vanno verificate in modo rapido e chiaro; egli auspica indagini accurate non solo della polizia, ma anche "della locale comunità cattolica" e i risultati andranno consegnati "alle autorità per ulteriori accertamenti". Fonti impegnate nel dialogo interreligioso ricordano che l'area di Basi è conosciuta per la presenza di diverse organizzazioni islamiche, moderate ed estremiste; queste ultime si sono rese protagoniste, in passato, di attacchi violenti contro la minoranza musulmana Ahmadi. 

    L'Indonesia, nazione musulmana più popolosa al mondo, è sempre più spesso teatro di attacchi o episodi di intolleranza contro le minoranze, siano essi cristiani, musulmani ahmadi o di altre fedi. Nella provincia di Aceh - unica nell'Arcipelago - vige la legge islamica (sharia), in seguito a un accordo di pace fra governo centrale e Movimento per la liberazione di Aceh (Gam), e in molte altre aree (come Bekasi e Bogor nel West Java) si fa sempre più radicale ed estrema la visione dell'islam fra i cittadini. Inoltre, alcune norme come il permesso di costruzione vengono sfruttate per impedire l'edificazione o mettere i sigilli a luoghi di culto, come è avvenuto nel West Java contro la Yasmin Church. La Costituzione sancisce la libertà religiosa, tuttavia la comunità cattolica (3% della popolazione) è vittima di episodi di violenze e abusi. Nel dicembre scorso, almeno cinque luoghi di culto cristiani hanno dovuto chiudere i battenti a causa delle pressioni esercitate dagli islamisti.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/10/2004 INDONESIA
    Una suora a Sang Timur: "Armi in pugno gli islamici vogliono chiudere la chiesa e la scuola"
    L'arcidiocesi di Jakarta chiede l'intervento del governo per permettere la costruzione della chiesa.

    22/06/2011 INDONESIA
    Borneo occidentale: minacce di attentati a una chiesa, cattolici nel mirino dei terroristi
    A Pontianak una telefonata anonima, con voce di donna, avverte di un ordigno piazzato nelle vicinanze della Stella Maris. Gli artificieri hanno fatto brillare un oggetto contenuto nella spazzatura. Il parroco chiede protezione, ma invita i fedeli alla calma. La zona in passato teatro di violenze interconfessionali.

    15/11/2005 INDONESIA
    East Java, telefonate minatorie a una chiesa cattolica

    Una voce anonima avvisava di un'imminente bomba contro la chiesa di Betlemme. Polizia in allerta dopo la scoperta del piano terroristico contro obiettivi cristiani nel Paese.



    23/11/2012 INDONESIA
    West Sumatra, islamisti fomentano la “cristianofobia”: nel mirino scuole, chiese e negozi
    Da giorni monta una violenta campagna contro la minoranza cristiana. Un pretesto usato dalla leadership locale per distrarre i cittadini dai problemi, fra cui giustizia e lotta alla corruzione. L’opera del vescovo di Padang per il dialogo e i “buoni rapporti” coi musulmani. Una chiesa rischia di chiudere per la presunta mancanza del permesso di costruzione.

    11/02/2013 INDONESIA
    South Sulawesi: bombe molotov contro una chiesa protestante, paura fra i cristiani
    Colpita la Toraja Mamassa a Makassar, capoluogo della provincia. Tre persone non identificate hanno scagliato ordigni rudimentali contro la facciata dell’edificio, che ha subito lievi danni; il gesto non è stato finora rivendicato. Le autorità hanno rafforzato i livelli di sicurezza nella zona.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®