21/05/2012, 00.00
LIBIA
Invia ad un amico

È morto al-Megrahi "unico colpevole" della strage di Lockerbie

L'ex membro dei servizi segreti libici è morto ieri nella sua casa di Tripoli dopo una lunga malattia. I suoi funerali si sono tenuti oggi a Egli è responsabile della morte di 270 persone e per questo condannato a 27 anni di carcere. Il dibattito sulla sua presunta innocenza è ancora aperto.

Tripoli (AsiaNews) -  "Abdelbaset al-Megrahi, l'ex membro dei servizi segreti condannato  a 27 anni per la strage di Lockerbie (Scozia) nel dicembre 1988, era colpevole. Le dietrologie sulla sua  eventuale innocenza non hanno senso". È quanto afferma ad AsiaNews, il prof. Angelo Antonio del Boca,  giornalista e storico esperto di Libia,  sulla recente morte dell'attentatore libico che ha riacceso il dibattito  sull'attacco terrorista contro l'aereo della Pan Am costato la vita a 270 persone.

Al-Megrahi, 59 anni, è deceduto ieri a Tripoli dopo una lunga malattia. Condannato a 27 anni di carcere da un tribunale speciale allestito in Olanda  nel 2001, l'uomo era tornato in patria nel 2009. Il governo britannico lo aveva scarcerato a causa delle gravi condizioni di salute.  "Il regime di Gheddafi - racconta del Boca - lo aveva accolto come un eroe, fomentando le polemiche contro le autorità britanniche, che avrebbero accettato la cifra di 2 miliardi e 700 milioni di dollari offerta dal rais come risarcimento alle vittime". "Durante la guerra civile - continua -  egli si era nascosto per paura di essere ucciso dai ribelli. Le prove portate dal tribunale speciale olandese dimostrano che al-Megrahi è uno dei responsabili della strage".

Tuttavia, in Libia e all'estero vi è ancora chi reclama la sua innocenza". Ieri, decine di persone hanno reso omaggio alla salma esposta nella sua abitazione di Tripoli. Intervistato dalla BBC, Jim Swire, padre di una delle vittime e membro del gruppo Giustizia per Magrahi, ha definito la morte dell'attentatore "un triste evento", sostenendo che la sua condanna dovrebbe essere cancellata. 

Il 21 dicembre 1988 un Boeing 747 della compagnia aerea Pan Am diretto negli Stati uniti esplode sui cieli di Lockerbie. Nel disastro muoiono tutti i 259 passeggeri e 11 abitanti della zona colpiti dai resti del velivolo. Dopo mesi di indagini, la polizia accerta che si tratta di un attentato organizzato dall'allora regime di Gheddafi e individua come responsabili due membri dei servizi segreti libici. La consegna dei due presunti attentatori avviene solo alla fine degli anni'90 quando il dittatore libico decide di collaborare con i Paesi occidentali. 

A tutt'oggi, al-Megrahi è considerato l'unico responsabile della strage di Lockerbie. Il suo presunto complice, Al Amin Khalifa Fhimah è stato scagionato nel 2001. Dopo la caduta di Gheddafi,  il Consiglio nazionale di transizione (Cnt) ha ammesso le responsabilità della Libia nel disastro. Tuttavia, il Cnt ha sempre rifiutato di concedere l'estradizione dell'attentatore, nonostante le numerose pressioni dei familiari degli uccisi.  (S.C.)

 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Italo-marocchino il terzo attentatore del London Bridge
07/06/2017 09:53
Identificati gli attentatori del London Bridge. Figli dell'odio predicato dagli imam
06/06/2017 08:57
Londra: Embargo ai prodotti da lavoro forzato dello Xinjiang
12/01/2021 09:08
Maestose cerimonie, grandi contratti, diritti umani sussurrati nella visita di Xi Jinping al Regno Unito
20/10/2015
Doha, giallo per la Coppa del Mondo: scompaiono due attivisti nepalesi che indagavano sullo sfruttamento dei lavoratori
05/09/2014