16/11/2011, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Ai Weiwei in appello sulle tasse per svergognare il sistema cinese

Il caso dell’artista accusato di evasione fiscale ha creato molta solidarietà fra la gente comune e i dissidenti. La pubblica sicurezza ha tentato di frenare le visite e le donazioni, necessarie per pagare 8,25 milioni di yuan e avviare l’appello.
Pechino (AsiaNews/Agenzie) – L’artista e attivista Ai Weiwei ha dichiarato oggi che la sua battaglia contro le autorità fiscali di Pechino è una “opportunità” per svergognare il tipo di regime che vige nel Paese.

“Possiamo usare questa occasione – ha detto ad alcuni giornalisti - come una possibilità perché il mondo comprenda con che tipo di sistema esso ha a che fare. È una vera opportunità”.

Ai, che ha subito il carcere per 81 giorni in un luogo segreto, ha detto di essere pronto a sfidare l’accusa di evasione di cui è fatto oggetto, essendo essa prodotta per motivi politici.

Ai, 54 anni, doveva pagare entro oggi 15 milioni di yuan in tasse evase in questi anni da parte di una società che la legami con lui. L’accusa è emersa solo dopo la sua liberazione nel giugno scorso, e dopo che lui non ha smesso – contrariamente alle richieste della polizia - di avere colloqui e incontri coi giornalisti. Per appellarsi contro il pagamento, egli doveva pagare entro ieri almeno la metà dell’importo, 8,25 milioni di yuan, che egli è riuscito a raccogliere grazie a donazioni giunte dai suoi amici e sostenitori, che sono arrivati fino a lanciare mazzi appallottolati di banconote nel cortile della sua casa.

L’artista, noto per aver partecipato al design dello stadio “Nido d’uccello”, è una delle personalità più famose nel criticare le ingiustizie del regime verso gli operai, i migranti, i dissidenti ed è impegnato per la democrazia.

Il caso di Ai ha creato una forte solidarietà fra dissidenti, attivisti e gente comune. Nei giorni scorsi, la pubblica sicurezza ha fatto pressioni verso altri dissidenti come Hu Jia perché non pubblicizzasse il caso e per evitare che la gente andasse a casa di Ai Weiwei a portare il denaro.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Ai Weiwei: a Pechino i migranti vivono come schiavi
03/09/2011
Chen Xi, attivista per i diritti umani, torturato con freddo e gelo
07/02/2012
Ritorna il maoismo. Il Partito comunista cinese distrugge se stesso
24/05/2011
Ai Weiwei sarà accusato di evasione fiscale
21/05/2011
Cina, 12 anni di carcere per l’avvocato di Ai Weiwei: Combatteva per i diritti umani
23/09/2016 08:39


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”