30/09/2013, 00.00
PAKISTAN – ISLAM
Invia ad un amico

Ancora sangue a Peshawar. I cristiani pregano per le vittime e la pace nel Paese

di Jibran Khan
Ieri mattina un’autobomba ha colpito il mercato cittadino, poco distante dalla chiesa di Tutti i Santi teatro della strage del 22 settembre. Almeno 33 morti e 70 feriti nel terzo attentato in pochi giorni. Vescovo di Islamabad: "Pakistan al crocevia, restare uniti contro il terrorismo”.

Peshawar (AsiaNews) - Ancora sangue e violenze a Peshawar, capoluogo della provincia pakistana di Khyber Pakhtunkhwa, teatro nell'ultima settimana di tre attentati suicida di matrice islamista. Ieri mattina un'autobomba piazzata nel mercato cittadino è esplosa all'ora di punta, uccidendo 33 persone e ferendone oltre 70. Al momento dello scoppio, nella vicina chiesa di Tutti i Santi si stava svolgendo una cerimonia in suffragio delle vittime della strage del 22 settembre scorso; i fedeli hanno abbandonato il luogo di culto, nel timore di un nuovo attacco anti-cristiano. Un testimone, Zubair Yousaf, racconta ad AsiaNews: "Eravamo in chiesa e stavamo pregando, quando due forti esplosioni hanno fatto tremare le mura. Mi sono subito balzate alla mente le immagini terribili di domenica scorsa. Siamo usciti per capire cosa stesse succedendo; era tutto così improvviso, gente che urlava disperata. Ci siamo diretti verso il mercato, cercando di aiutare le persone in difficoltà".

L'attentato di ieri è il terzo in una settimana a Peshawar, in una spirale di violenze che autorità e forze di polizia non sembrano in grado di arginare. In pochi giorni sono morte oltre 200 persone, di cui 175 nell'attacco alla chiesa protestante del 22 settembre. Centinaia i feriti, che si sommano ai dispersi di cui non si ha più traccia. A sette giorni dall'attacco alla All Saints Church, infatti, mancano all'appello 18 bambini e 13 ragazzine di età compresa fra i 13 e i 17 anni. Dal 2009 a oggi il bazar di Kisa Khawani, dove ieri mattina è esplosa l'autobomba, ha subito almeno 13 attacchi; le autorità hanno aumentato i livelli di sicurezza nei luoghi sensibili, fra cui chiese, mercati ed edifici governativi.

Finora nessun gruppo ha rivendicato l'attacco, anche se il governo punta il dito contro i talebani pakistani e i movimenti islamisti affiliati alla galassia del terrorismo a sfondo confessionale. Il premier Nawaz Sharif ha proposto negoziati con i leader fondamentalisti, ma le precondizioni poste al dialogo - deposizione delle armi e fine della carneficina - sono state respinte al mittente. Per il portavoce del Tehreek-e-Taliban la richiesta di disarmo è segno della "mancanza di serietà" del Primo Ministro. Il ministro degli Interni Nisar Hussain parla di "alcuni elementi" che vogliono "destabilizzare la regione" senza peraltro specificare quali.

Intanto il tutto il Paese si susseguono messe e cerimonie dei cristiani per ricordare le vittime della strage a Peshawar. In molti si sono recati in chiesa per pregare e onorare la memoria dei morti e una pronta guarigione per i feriti. George Masih racconta: "Mio padre e mia madre sono tuttora ricoverati in condizioni critiche, mio fratello di otto anni è in un centro specializzato a Islamabad ed è stato sottoposto a intervento chirurgico. Ancora oggi siamo in preda allo shock".

Raggiunto da AsiaNews mons. Rufin Anthony, vescovo di Islamabad/Rawalpindi (sotto la cui giurisdizione rientra la città di Peshawar, ndr), sottolinea che "abbiamo celebrato una messa speciale per le famiglie in lutto. Preghiamo per la pace. Colpire persone innocenti è un atto codardo. Per le persone coinvolte nella strage è cambiato tutto, non potranno più essere le stesse. Il Pakistan è a un crocevia, dobbiamo unirci e condannare senza mezzi termini il terrorismo". 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Peshawar, nella chiesa della strage si prega per i morti. Cristiani in piazza contro le violenze
24/09/2013
Peshawar, a un mese dalla strage cristiani ancora “insicuri” e isolati
25/10/2013
Cristiani e musulmani pakistani condannano il “codardo” attentato alla chiesa di Peshawar
23/09/2013
Peshawar, due kamikaze attaccano una chiesa protestante: oltre cento morti e 130 feriti
22/09/2013
Estradato Umar Patek, mente della strage di Bali e di attacchi bomba alle chiese
11/08/2011


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”