07/01/2015, 00.00
THAILANDIA
Invia ad un amico

Arcivescovo di Bangkok: Ho chiesto a Dio la forza per essere un buon cardinale

Nominato da papa Francesco, mons. Francis Xavier Kriengsak Kovithavanij spiega: "Come vescovo, il mio ruolo è quello di guidare la Chiesa che mi è stata affidata. E così continuerò a fare. La nomina cardinalizia è un onore che ci spinge a guardare la realtà in maniera più comprensiva". Il Concistoro di febbraio per la riforma della Curia "un dono del Signore che ci arriva attraverso il Papa".

Bangkok (AsiaNews) - Appena ricevuta la notizia della nomina cardinalizia "sono entrato nella cappella che si trova vicino al mio ufficio, o aperto il mio cuore a Dio e ho chiesto la forza necessaria per affrontare al meglio questa notizia. Ho promesso al Signore che metterò tutta la mia forza e farò ogni possibile sforzo per il bene della Chiesa e della società". A parlare è l'arcivescovo di Bangkok, mons. Francis Xavier Kriengsak Kovithavanij, nominato cardinale da papa Francesco lo scorso 4 gennaio.

Al Catholic Social Communication of Thailand (Csct), mons. Kovithavanij spiega: "Come vescovo, il mio ruolo è quello di guidare la Chiesa che mi è stata affidata. E così continuerò a fare. La nomina cardinalizia è un onore, ed essere cardinale significa consigliare il Papa attraverso le proprie opinioni su alcune situazioni globali o particolari. I nuovi cardinali, che vengono da Africa e Asia, mostrano ancora di più l'universalità della Chiesa cattolica".

Francesco ha annunciato il concistoro per il 14 febbraio, mentre il 12 e il 13 dello stesso mese riceverà tutti i cardinali per "riflettere sugli orientamenti e le proposte per la riforma della Curia Romana". Di questo appuntamento, mons. Kovithavanij dice: "Credo che sia una grazia e un dono di Dio attraverso il Papa. Per quanto mi riguarda, dovrò chiedere più cooperazione ai miei collaboratori per il mandato episcopale".

Ma sia da vescovo che da cardinale "continuerò a decidere secondo coscienza, non solo per quanto mi riguarda personalmente ma anche per coloro che sono in difficoltà. essere un cardinale significa anche guardare alla società in maniera più comprensiva. Dobbiamo sforzarci di guardare la realtà dal punto di vista nazionale, continentale e persino mondiale: in questo modo potremo essere parte di un'opera utile per la società thai, per le nazioni asiatiche e per la Chiesa universale".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
La Chiesa thai festeggia il nuovo cardinale: "Inadatto" al compito, ma posso servire
16/03/2015
Chiesa thai: Giornata delle vocazioni nella solennità di Cristo Re
19/11/2009
Messe in tutto il Paese per la morte di re Bhumibol
17/10/2016 08:59
Cardinale di Bangkok: Nel Giubileo riscopriamo confessione e opere di misericordia spirituali
11/12/2015
Neo-cardinale di Bangkok: la Chiesa thai sia sempre più missionaria
10/02/2015


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”