09/11/2009, 00.00
INDIA – CINA
Invia ad un amico

Arunachal Pradesh, 30mila fedeli per il Dalai Lama

Il leader buddista ha sottolineato che la sua è una visita non politica ed ha ricordato la prima visita nel monastero di Tawang, durante il viaggio che lo ha portato via dal Tibet. Pechino: “È una provocazione”.

Delhi (AsiaNews/Agenzie) – Oltre 30mila devoti buddhisti hanno ascoltato questa mattina la preghiera recitata dal Dalai Lama nel monastero di Tawang, cittadina dello Stato settentrionale dell’Arunachal Pradesh al confine fra il Tibet e l’India. Il leader religioso ha ribadito che la sua è una visita “non politica”, mentre Pechino l’ha definita “altamente provocatoria”.

 Nelle scorse settimane, infatti, Pechino ha accusato il Dalai Lama di fomentare la ribellione e di sfidare il dominio cinese sulla regione tibetana con questa sua visita nello Stato di confine indiano. Il premier indiano Manmohan Singh ha invece risposto alla Cina definendo il Premio Nobel per la pace “un ospite d’onore” per l’India.

 I fedeli hanno viaggiato per giorni per non mancare all'incontro con il leader spirituale tibetano: alcuni sono arrivati anche dal vicino Buthan. Sono state appese per le strade di Tawang bandiere e striscioni tibetani. Tuttavia le autorità indiane, per tentare di contenere la protesta cinese e minimizzare la tensione, hanno limitato l'ingresso alla stampa per la copertura del viaggio del Dalai Lama.

 Tawang è uno dei luoghi più importanti per il buddhismo tibetano: ospita infatti un monastero vecchio di quattro secoli, il primo nel quale si rifugiò il Dalai Lama 50 anni fa mentre era in fuga dal Tibet. Aprendo la preghiera, il Dalai Lama ha detto: “La mia visita non ha uno scopo politico e vuole promuovere la fratellanza universale, nient'altro. Ma la Cina usa sempre i miei viaggi per parlare male di me”.

 Tawang, ha aggiunto il leader religioso, “ha per me un’importanza particolare. Ho molte emozioni diverse, mentre mi trovo qui davanti a voi. Quando ci sono venuto per la prima volta ero mentalmente e fisicamente molto provato. All’epoca, Pechino ancora non mi attaccava”.

 Nell’ultimo anno si sono intensificati gli attacchi alla guida spirituale del buddismo tibetano. Nell'agosto di quest'anno il Dalai Lama, 74 anni, ha effettuato un'altra controversa visita a Taiwan, regione considerata dalla Cina parte integrante del suo territorio: Pechino lo ha accusato di voler incitare il mondo cinese alla secessione.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Arunachal Pradesh, centinaia di cristiani in piazza in difesa della chiesa di Tawang
05/11/2020 12:51
Premier tibetano: “Sul Dalai Lama, la Cina è sempre più nervosa”
04/11/2009
Pechino minaccia Delhi: Rapporti a rischio se il Dalai Lama visiterà l’Arunachal Pradesh
29/10/2016 11:40
Il buddismo tibetano celebra i 900 anni del Karmapa Lama
06/12/2010
Per piacere a Pechino, il governo dell’Arunachal Pradesh preme sul Dalai Lama
12/11/2009


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”