19/08/2011, 00.00
ASIA
Invia ad un amico

Asia, un normale drammatico venerdì: oro record, borse in caduta

In perdita le borse asiatiche, ma in modo contenuto, conseguenza della giornata nera ieri dei mercati europei e dei timori sulla liquidità delle banche europee. L’oro vola a nuovi record. I mercati finanziari sono dominati da grande incertezza e pronti a reagire a ogni minima notizia, si temono fenomeni speculativi.
Hong Kong (AsiaNews/Agenzie) – Borse asiatiche in caduta stamattina, dopo il giovedì nero di ieri per i mercati finanziari mondiali conseguente alla preoccupazione espressa dalla Federal Reserve Usa circa la liquidità delle banche europee. I risparmiatori si rivolgono a tradizionali beni rifugio alternativi e l’oro raggiunge il nuovo record di 1.836,46 dollari l’oncia sui mercati asiatici, guadagnando circa il 5% in questa settimana.

Il commento della Federal Reserve ha scatenato il panico, nonostante la Banca Centrale Europea sin dal 6 agosto si fosse detta pronta a provvedere ulteriore liquidità, ove necessario. Il metallo giallo è arrivato a 1.839,8 dollari l’oncia sul mercato Usa e si prevede che mantenga questi livelli, per la grande incertezza che domina i mercati finanziari.

Le borse asiatiche sono preoccupate per la solidità delle banche europee, che si temono piene di crediti di difficile riscossione e ancorate al problema del debito estero dei vari Stati, come pure temono che rallenti la crescita della Cina che finora ha trainato l’economia mondiale ma che affronta problemi strutturali come la forte dipendenza dalle esportazioni nei mercati occidentali e la grave inflazione. I timori sono cresciuti dopo l’ammonimento della banca Usa Morgan Stanley che le economia di Usa ed Europa sono “vicine in modo pericoloso” a una grave recessione: gli ultimi dati mostrano un rallentamento dell’attività delle industrie Usa nella regione atlantica e centrale, ai minimi dal marzo 2009, e alimentano il timore che l’economia statunitense sia in fase di stallo, anche per la continua crescita della disoccupazione.

A metà giornata, la borsa di Tokyo aveva perso il 2,15%, specie per la grande debolezza dei titoli finanziari, Hong Kong aveva perso il 2,81% e Singapore il 2,55%, mentre Shanghai ha pure aperto in perdita dell’1,6% e si è mantenuta su questi livelli. Peggio è andata Seoul con -4,49% specie per le perdite delle grandi ditte esportatrici come la Samsung Electronics e la Hyundai Motor. L'indice di rifeimento della regione Asia Pacific Index perde il 3,2%. Le principali borse europee  oggi  hanno aperto tutte con segno negativo.

Esperti ritengono comunque le odierne perdite strutturali, dopo che ieri l’indice Usa Dow Jones Industrial Average ha perso il 4,5% e le borse europee hanno ceduto dal 4,5% di Londra al 5,8% di Francoforte, con perdite assai maggiori per le banche: a Parigi il Credite Agricole ha perduto il 9% e la Societe Generale oltre il 12%. Ma nessuno azzarda previsioni per il prossimo futuro, dominato dall’incertezza che la crisi per i debiti degli Stati europei travolga anche i settori bancari e finanziari. Permane una grande attesa per verificare cosa faranno i principali governi, ma il mercato è molto volatile e pronto ad essere influenzato da qualsiasi notizia. L’impressione di molti è che siano anche in atto fenomeni speculativi finalizzati a far cadere le borse: esperti commentano che “la situazione in Europa sembra deteriorarsi ogni giorno”, evidenziando la prevalenza del dato emozionale rispetto a un attento esame dei problemi e delle misure prese per risolverli. Il mercato rimane affamato di notizie e pronto a reagire a ogni minimo impulso. Per la prossima settimana sono attesi i dati sul prodotto interno lordo Usa.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Borse asiatiche in ripresa, oro record “nuova valuta” mondiale
23/08/2011
Ancora difficili le telecomunicazioni in Asia
29/12/2006
Coronavirus: crollo di Wall Street trascina giù i mercati asiatici
28/02/2020 10:25
Coronavirus: borse cinesi resistono; Europa, Giappone e Wall Street in difficoltà
25/02/2020 09:07
Tonfo dei mercati asiatici. Shanghai a -5, l'indice più basso in un anno
17/05/2010


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”