02/06/2010, 00.00
ISRAELE - TURCHIA
Invia ad un amico

Attivisti delle navi per Gaza espulsi da Israele dopo il sequestro

Entro oggi dovrebbero essere tutti espatriati. Gli attivisti danno un quadro del blitz diverso da quello dell’esercito e del governo israeliani: “crimine di guerra” ; “violazione della legge internazionale”. I soldati avrebbero iniziato a sparare e lanciare granate senza alcun preavviso.
Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) – La radio militare israeliana ha annunciato oggi l’espulsione di 250 attivisti filo-palestinesi, arrestati dopo il blitz e il sequestro di alcune navi che tentavano di forzare il blocco israeliano sulla Striscia di Gaza.
 
Il ministero degli esteri ha detto che il resto degli attivisti sarà scortato fuori del Paese entro la giornata di oggi. La decisione di rilasciare gli attivisti è stata presa ieri in tarda serata dallo stesso premier Benjamin Netanyahu, mentre crescono le critiche della comunità internazionale verso l’operazione militare contro la “flottiglia della libertà”. Alcuni pullman hanno portato attivisti turchi all’aeroporto Ben Gurion; altri 124 attivisti da 12 Paesi musulmani sono stati portati alla frontiera con la Giordania. Già ieri sera sono stati rilasciati cinque tedeschi, sei greci, e diversi altri.
 
I 680 attivisti erano stati portati alla prigione di Beer Sheva dai commando israeliani dopo l’attacco del 31 maggio scorso alle navi.
 
Le prime dichiarazioni degli attivisti contrastano con l’interpretazione data finora dall’esercito israeliano. Secondo Tsahal, i commando che hanno compiuto l’assalto hanno dovuto difendersi perché hanno trovato resistenza, denunciando la presenza di armi, coltelli, bastoni. Alcuni attivisti tedeschi – parlamentari del Reichstag – affermano invece che forse solo tre attivisti avevano bastoni; gli altri erano indifesi. Una di loro, Inge Hoeger, ha condannato il raid israeliano come “crimine di guerra” e come una “violazione della legge internazionale”.
 
Un parlamentare kuwaitiano, Walid al-Tabtabai, afferma che “gli israeliani ci hanno trattati con rudezza e umiliato, donne, uomini e bambini”.
 
Alcuni attivisti palestinesi, ancora in prigione, hanno dichiarato ai loro avvocati che i commando israeliani cominciato a sparare, a lanciare granate e gas lacrimogeni dagli elicotteri senza prima dare alcun preavviso, creando panico e confusione fra coloro che erano sulla nave attaccata.
L’attacco ha causato la morte ufficiale di 9 persone, in maggioranza turchi e il ferimento di decine di attivisti. Anche sei militari sono stati feriti.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Avvistata in un porto somalo la petroliera saudita dirottata
18/11/2008
Accolti come eroi gli attivisti espulsi da Israele e le salme degli uccisi sulle navi per Gaza
03/06/2010
Stato di allerta in tutto Israele. “Vicini alla guerra o a una nuova Intifada”
31/05/2010
La nave iraniana per Gaza non parte più per timore di “minacce israeliane”
25/06/2010
Israele attacca una nave con aiuti per Gaza. Almeno 10 morti
31/05/2010


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”