19/11/2022, 10.37
THAILANDIA
Invia ad un amico

Bangkok, vertice Apec: la polizia reprime le proteste contro il governo

Oggi i leader del movimento pro-democrazia sono tornati in strada presentando una denuncia contro gli ufficiali coinvolti nelle violenze. I manifestanti chiedevano la cancellazione del summit economico e le dimissioni del generale e primo minitro Prayut Chan-o-cha. Secondo gli esperti una debole opposizione di piazza potrebbe continuare fino alle elezioni dell'anno prossimo.

Bangkok (AsiaNews/Agenzie) - La polizia thailandese è stata criticata per la dura repressione delle proteste che si sono svolte ieri nella capitale Bangkok in occasione dell’inizio del summit Apec (Cooperazione economica Asia-Pacifico).

Gli scontri tra manifestanti e forze dell’ordine si sono verificati su Din So Road e sono iniziati dopo che un gruppo di attivisti che si fa chiamare “Citizens Stop Apec 2022” ha provato a condurre una marcia dal luogo designato dalla città metropolitana di Bangkok per la manifestazione verso la sede del vertice Apec, a qualche chilometro di distanza. Ai giornalisti - alcuni dei quali sono stati leggermente feriti - era stato ordinato di andarsene.

I manifestanti volevano consegnare al governo una lettera in cui chiedevano la cancellazione del vertice economico e le dimissioni del primo ministro Prayut Chan-o-cha. Per opporsi alla polizia hanno bruciato in strada con un fornelletto da campo del peperoncino (v. immagine).

Secondo il direttore di Amnesty International Thailandia, Piyanut Kotsan, l'azione della Royal Thai Police "non ha affatto rispettato gli standard internazionali come ripetutamente affermato” dalle forze di sicurezza. La polizia ha spinto gli attivisti in una strada stretta e utilizzato gas lacrimogeni e proiettili di gomma, ferendo gravemente a un occhio almeno un manifestante. 25 persone che erano state arrestate oggi sono state rilasciate. Questa mattina alcuni leader del movimento sono scesi nuovamente in piazza presentando una denuncia alla polizia contro gli ufficiali coinvolti nelle violenze. 

"Questo è ciò che accade sotto il governo guidato dal generale Prayut Chan-o-cha. La polizia non ha spina dorsale e sceglie di usare la violenza contro le persone. Cinque manifestanti sono rimasti feriti e molti arrestati”, ha dichiarato la giovane attivista Patsaravalee Tanakitvibulpon che si oppone all’attuale amministrazione.

Secondo alcuni commentatori, le proteste di ieri si richiamavano a quelle pro-democrazia del 2020, che chiedevano nuove leggi per rimormare la monarchia thailandese e la fine de governo salito al potere nel 2014 dopo il colpo di Stato dei militari. Per alcuni il movimento di protesta, seppur indebolito rispetto a un paio di anni fa, potrebbe continuare a opporsi al generale e premier Prayut Chan-o-cha almeno fino alle elezioni previste per il prossimo anno.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Phnom Penh: arrestate 200 persone per frodi online
22/09/2021 12:53
Bangkok: bomba esplode vicino alla sede del Governo, sale la tensione nel Paese
01/09/2008
Cede la tregua, scontri fra manifestanti e polizia in Thailandia
29/08/2008
Premier thailandese: niente “pugno di ferro” per disperdere i manifestanti
28/08/2008
Sulawesi centrale: arrestati 24 sospetti terroristi
19/05/2022 10:58


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”