12/07/2016, 08.55
BANGLADESH
Invia ad un amico

Bangladesh, una donna cattolica cosparsa di benzina e data alle fiamme

di Sumon Corraya

Maya Karmokar vive con la madre anziana nel villaggio di Kajura. I parenti riferiscono che la donna non ha nemici. Dopo l’aggressione è stata ricoverata d’urgenza in ospedale, ma poi è tornata a casa perché non ha i soldi per pagare le cure. I cattolici locali sono circa 4mila, in maggioranza poveri e bisognosi.

Jessore (AsiaNews) – Una donna cattolica è stata cosparsa di benzina e data alle fiamme. È successo in Bangladesh nel villaggio di Kajura, nel distretto di Jessore (nel sud-ovest del Paese). La donna, di nome Maya Karmokar, stava dormendo nel suo letto quando alcuni sconosciuti sono entrati in casa e l’hanno aggredita. Le sue grida disperate hanno attirato l’attenzione dei parenti, che sono giunti appena in tempo per salvarle la vita. Portata d’urgenza in ospedale, i medici hanno riscontrato ustioni su gran parte del corpo. Ora è a casa, seguita dalle cure di un medico locale, perché non può permettersi un trattamento sanitario specialistico.

L’aggressione è avvenuta nella notte di domenica 9 luglio, a soli 15 giorni di distanza dalla strage di Dhaka, nella quale cinque terroristi islamici hanno ucciso 20 persone. Ieri la polizia locale è tornata sul luogo dell’attacco e ha raccolto informazioni. I criminali sono ancora senza un nome.

La dinamica della violenza è stata talmente repentina che la donna stessa non è stata in grado di riconoscere chi l’ha aggredita. “Non sono riuscita a capire chi fossero – ha raccontato – ho solo sentito il fuoco che bruciava la mia pelle e ho iniziato a piangere dal dolore”.

Maya, 45 anni, ha lavorato come infermiera nella struttura medica gestita dalla diocesi di Khulna. Single e senza figli, vive con la madre anziana e si prende cura di lei.

In ospedale è rimasta ricoverata solo per un giorno, poi a causa delle condizioni di povertà è tornata a casa perché non riesce a permettersi un trattamento migliore. Ha raccontato: “Io non ho nemici, non so perché vogliono uccidermi!”.

Salomon Das, suo parente, ha confermato che la donna intrattiene rapporti cordiali con tutti, per questo i familiari sono scioccati dalla violenza brutale e chiedono che sia fatta giustizia.

P. Ananda Gopal Biswas, parroco della chiesa cattolica di Shimulia, che serve il villaggio dove risiede Maya, dice ad AsiaNews: “Ho saputo dell’attacco e lo condanno con forza. Esprimo la mia vicinanza alla parrocchiana”.

La comunità cattolica di Shimulia è composta da circa 4mila fedeli, in maggioranza poveri e bisognosi. La violenza nei confronti della donna cattolica non è il primo episodio di questo tipo. Nell’ultimo periodo nel Paese sono stati aggrediti numerosi esponenti delle minoranze, cristiani, indù e buddisti, ma anche musulmani moderati presi di mira per le proprie idee liberali.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Orissa, statue della Madonna e di Gesù Bambino distrutte a Pasqua
03/04/2018 08:49
Cristiani contro il terrorismo: una preghiera ecumenica per il risveglio dell’umanità
21/06/2016 13:30
Sr Nirmala testimone di Cristo fra gli indù del suo paese natale
07/03/2004
Nepal, musulmana incinta bruciata viva per la dote. L'imam: Questo non è islam
07/05/2014
Vedova nepalese bruciata viva, accusata di stregoneria
20/02/2012


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”