11/08/2022, 12.13
SRI LANKA
Invia ad un amico

Colombo: i manifestanti abbandonano i siti della protesta

di Melani Manel Perera

Dopo una serie di arresti, gli attivisti hanno abbandonato in autonomia il parco urbano Galle Face Green. Alcuni sottolineano la necessità di cambiare strategia contro Ranil Wicremesinghe. Il nuovo presidente è accusato di aver avuto un ruolo nelle torture contro i comunisti tra il 1988 e il 1989.

Colombo (AsiaNews) - I manifestanti dell’Aragalaya, la “lotta” contro il governo dello Sri Lanka, hanno ritirato le quattro petizioni depositate presso la Corte d’appello in merito all’ordine di sgombero emanato dall'esecutivo nei giorni scorsi. La polizia locale aveva ordinato di liberare il sito entro il 5 agosto, mentre il procuratore generale aveva comunicato che le strutture non autorizzate sarebbero state rimosse entro il 10 agosto.

Ieri i manifestanti che occupavano il parco urbano Galle Face Green, vicino ai palazzi istituzionali della capitale, hanno abbandonato in autonomia il luogo della protesta, dopo aver tenuto una commemorazione per le persone sacrificatesi per la causa nei mesi scorsi.

Pochissime le tende rimaste e le persone che hanno dichiarato che non lasceranno il luogo. 

“Dopo aver ottenuto il gas la gente si è dimenticata della corruzione e dei soldi rubati”, hanno raccontato ad AsiaNews alcuni attivisti. “Siamo rimasti un po' in disparte perché le nostre vite sono in gioco per la lotta per la nazione. Molti ci hanno detto di accettare la vittoria di aver cacciato Gotabaya Rajapaksa”,

L’ex presidente dello Sri Lanka dovrebbe volare in Thailandia da Singapore. Il 9 luglio i manifestanti avevano preso d’assalto e occupato la residenza presidenziale, determinandone la fuga.

Diversi manifestanti hanno sottolineato la necessità di cambiare strategia: “Il modo utilizzato per cacciare la famiglia Rajapaksa non è adatto per Ranil”, hanno spiegato altri, riferendosi al nuovo presidente Ranil Wickremesinghe, accusato di una dura repressione contro i manifestanti. Le autorità locali sostengono che i recenti arresti siano stati condotti solo contro chi ha violato la legge.

I leader religiosi di tutte le confessioni l’8 agosto hanno tenuto una protesta silenziosa contro gli arresti e i rapimenti da parte del governo. "Questa situazione in Sri Lanka ci ricorda che il Paese sta tornando a essere pieno di violenza come in passato”, ha detto p. Rohan Silva, direttore del Centro per la religione e la società. “L’attuale presidente si è guadagnato la cattiva fama di ‘assassino di Batalanda’”, ha aggiunto il sacerdote. 

Wickremesinghe è accusato di aver avuto un ruolo nei fatti legati al centro di detenzione di Batalanda, dove tra il 1988 e il 1989 sono state torturate e uccise decine di migliaia di persone appartenenti al Janatha Vimukthi Peramuna, un gruppo comunista militante. Una commissione di governo che ha indagato sui crimini commessi nella prigione raccomandava di privare WIckremesinghe dei diritti civili impedendone la candidatura a incarichi politici. Nessun governo dello Sri Lanka ha mai intrapreso azioni legali al riguardo.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Colombo: la polizia ordina di sgomberare i siti di protesta
04/08/2022 12:15
Colombo: accettate le dimissioni di Rajapaksa, si va verso un nuovo governo
15/07/2022 13:05
Colombo: i manifestanti abbandonano gli edifici governativi occupati
14/07/2022 12:55
Colombo: l'opposizione propone governo di unità nazionale
11/07/2022 11:25
Caos a Colombo: il Parlamento nomina il premier presidente ad interim
13/07/2022 12:22


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”