01/03/2007, 00.00
COREA DEL SUD
Invia ad un amico

Cure tradizionali gratuite per i migranti e le loro famiglie

di Theresa Kim Hwa-young
Il governo ha deciso di offrire cure mediche orientali a costo zero per gli immigrati clandestini che operano nelle province di Inchon e di Ansan. Se il progetto funziona, verrà esteso alle altre province del Paese.
Seoul (AsiaNews) – Il governo sudcoreano fornirà servizi di medicina tradizionale gratuiti ai lavoratori migranti ed alle loro famiglie, anche se non hanno documenti e risultano immigrati clandestini. Lo ha annunciato ieri il ministero della Salute e del Welfare.
 
Secondo il dicastero, i migranti potranno ottenere servizi di cure orientali a costo zero all’ospedale di medicina orientale di Ansan, nella provincia di Kyonggi, e nel suo gemello a Yoomin, ad Inchon. L’offerta è valida per tutto il nuovo anno lunare.
 
Il governo ha scelto questi due ospedali per la loro posizione: le due province, infatti, sono quelle a più alta densità di lavoratori clandestini di tutto il Paese. Secondo dati ufficiali, nel 2006 oltre 24mila abitanti di Ansan erano illegali; ad Inchon, il numero era pari a quasi 26mila unità.
 
Il servizio gratuito prevede esami generali, controlli sanitari, analisi e diversi tipi di trattamento. Il ricovero ospedaliero e la medicine sono esclusi dall’offerta.
 
In pratica, anche se la legge prevede l’identificazione obbligatoria di tutti coloro che richiedono servizi medici, nelle due strutture saranno accettati anche coloro che rifiutano di mostrare i documenti.  
 
Secondo Ko tae-gun, funzionario del ministero della Sanità, “la scelta deriva dalla necessità di non fare del male alla forza lavoro che vive in Corea, anche se illegale”.Per il funzionario, inoltre, “questo servizio sarà utile anche per far meglio conoscere i vantaggi della nostra medicina tradizionale”. Infine, “se il programma riscuoterà successo fra gli assistiti, abbiamo già programmato di estenderlo ad altri ospedali sin dal prossimo anno”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Bangkok "libera" 175 rifugiati nordcoreani: potranno andare in Corea del Sud
24/08/2006
Seoul stanzia 20 milioni di dollari per i bambini nordcoreani
29/03/2006
Seoul denuncia: "Nel prossimo futuro, nuovi test nucleari di Pyongyang"
19/10/2006
Pyongyang usa una vecchia madre per svicolare dalle accuse di sequestri
12/06/2006
Coronavirus: stranieri in quarantena a Pyongyang. Contagi record per Seoul
24/02/2020 08:48