27/08/2022, 11.46
MYANMAR - KENYA
Invia ad un amico

Dal Kenya al Myanmar, vittime del traffico di vite umane e schiavitù sessuale

Nella rete soprattutto donne non sposate e con meno di 30 anni. Attirate con la prospettiva di un impiego, finiscono nel giro della prostituzione. Lo sfruttamento riguarda anche altre nazioni dell’area, dalla Thailandia al Vietnam. Un volume di affari milionari per trafficanti senza scrupoli. 

Yangon (AsiaNews) - Un traffico di vite umane che collega il Kenya al Myanmar. E che coinvolge, in larga maggioranza, donne non sposate con meno di 30 anni che, attirate dalla prospettiva di un impiego come domestiche, commesse nei negozi o insegnanti finiscono nel mercato nero della prostituzione e della schiavitù a sfondo sessuale. Un fenomeno emerso in tutta la sua portata in queste settimane e che coinvolge altre nazioni del continente fra le quali la Cambogia, l’Indonesia, il Laos, la Malaysia, il Brunei, le Filippine, Singapore, Thailandia e Vietnam. 

Secondo quanto riferisce il governo di Nairobi, si moltiplicano le chiamate disperate di aiuto di nigeriani - uomini, ma soprattutto donne - sfruttati nei Paesi del Sud-est asiatico. Tanto da lanciare veri e propri messaggi di avvertimento, in cui si invitano i concittadini a non rispondere a offerte di lavoro, a meno che non vi siano reali conferme e garanzie prima della partenza. 

Il Kenya non ha una rappresentanza diplomatica in Myanmar. Per regolare i rapporti, si affida all’ambasciata in Thailandia che conferma l’aumento dei casi di traffico di vite umane e riduzione in schiavitù, in particolare nell’ultimo anno con l’ascesa al potere della giunta militare birmana in seguito al golpe del febbraio 2021. Le giovani costrette alla prostituzione provengono da famiglie di basso reddito, con risorse limitate, che devono vendere beni e terreni per coprire i costi del viaggio. 

Fonti istituzionali riferiscono che il numero delle vittime è in aumento, mentre trafficanti e intermediari del lavoro a Nairobi e in altre città come Eldoret guadagnano milioni sfruttando giovani keniani in cerca di lavoro all’estero. All’insaputa delle vittime, i criminali si procurano e distribuiscono visti turistici di 90 giorni per favorire l’ingresso nel Paese, per poi tagliare i legami nel momento in cui gli immigrati in cerca di occupazione capiscono di essere caduti in una trappola. “Una volta abbandonati in Thailandia e Myanmar e senza un biglietto di ritorno - spiega la rappresentanza diplomatica di Nairobi a Bangkok - tocca all’ambasciata e alle famiglie di origine cercare di provvedere al loro rientro a casa”. 

Di recente almeno cinque donne sono state evacuate dal Myanmar dopo aver chiesto aiuto. A breve è previsto il loro rimpatrio in Kenya via Bangkok, ma l’attenzione resta alta verso le decine di persone ancora oggi invischiate nel traffico e altri ancora continuano a venire reclutate nel Paese di origine con false opportunità lavorative. “Altre decine di kenioti sono giunti all’aeroporto internazionale Suvarnabhumi, tutti sono stati trasferiti attraverso il confine in Myanmar, seguendo il medesimo schema dei gruppi precedenti. L’ambasciata - conclude la nota - ha ricevuto chiamate di soccorso da circa 30 concittadini, ma sappiamo che ve ne sono più di 50 in Myanmar e tre in Laos”. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa in Kenya: l’estremismo nasce dalla mancanza di istruzione e di lavoro
27/11/2015
Bangkok, alto ufficiale dell’esercito (e decine di persone) a processo per traffico di vite umane
24/07/2015
Kuwait, parlamentare del Bangladesh arrestato per traffico di vite umane e riciclaggio
10/06/2020 12:28
Cina, sgominata una banda che vendeva birmane "come spose” nelle campagne
25/11/2014
Kuala Lumpur rimpatria 53 migranti indonesiani, vittime del racket di vite umane
03/12/2014


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”