28/02/2020, 12.01
BANGLADESH
Invia ad un amico

Dhaka, giovani cattolici a scuola di cittadinanza e impegno sociale

di Sumon Corraya

Hanno partecipato 50 ragazzi provenienti da tutte le diocesi. Cappellano: “Sviluppare le capacità per creare i leader della politica e della Chiesa del domani”. Studentessa: “Devo fornire un servizio olistico ai cittadini”.

Dhaka (AsiaNews) – Un gruppo di 50 giovani cattolici ha partecipato a un seminario su cittadinanza e impegno sociale. Il seminario, iniziato il 21 febbraio e concluso oggi, è stato ospitato dal Caritas Development Institute di Dhaka. Ad AsiaNews William Nokrek, tra gli organizzatori, racconta: “Circa 50 giovani hanno partecipato al programma su come trasformare la leadership a livello nazionale. L’obiettivo del seminario era rafforzare i gruppi di studenti cattolici costruendo le loro capacità, un movimento e la spiritualità in ambito sociale”.

Il programma era intitolato “Transformative Citizenship for a Newer Bangladesh: Students’ Education, Engagement and Action” (“Cittadinanza trasformativa per un nuovo Bangladesh: educazione, coinvolgimento e azione degli studenti”). È stato organizzato dalla sezione Asia-Pacifico dell’International Movement of Catholic Students (Imcs-Ap) e dal Bangladesh Catholic Students Movement (Bcsm).

Nel programma di formazione sono state affrontare alcune questioni di rilevanza globale come i cambiamenti climatici, i conflitti, gli impegni di solidarietà e le azioni per la giustizia. Alcuni studenti hanno evidenziato in clima di sfiducia tra le giovani generazioni, dovuto alla presenza di anziani riluttanti a introdurli nel mondo del lavoro; alle poche attività extracurriculari offerte dalle scuole; dalla difficoltà nell’identificarsi in qualche leader che risponda alle loro aspettative.

Secondo Nokrek, coordinatore di Imcs-Ap, è necessario incoraggiare i giovani “a una spiritualità d’azione, che non si accontenti di incontri e preghiere ma che venga vissuta in maniera concreta, in modo che la nostra comunità possa contribuire efficacemente a livello locale, nazionale e internazionale”.

Shubra Teresa Sarder, studentessa universitaria della diocesi di Barisal e leader locale del Bcsm, dichiara: “Ho imparato come si diventa leader [in grado di provocare una] trasformazione. Prima di tutto, devo conoscere i diritti dei cittadini. Come leader, devo fornire un servizio olistico ai cittadini”. “Ho imparato – continua la 23enne – cos’è la leadership cristiana e nazionale. Mi impegnerò a essere una buona guida per la Chiesa e il Paese”.

Secondo John Shanth Kumar Joseph, cappellano del movimento studentesco, “formando le capacità dei giovani, creeremo i leader delle future generazioni e della Chiesa”. Il cappellano, di origini indiane, spiega che il metodo usato è stato quello di dividere i ragazzi in vari gruppi, “in modo che essi potessero comprendere in profondità il tema [trattato]”. Al termine della settimana, i partecipanti si sono impegnati a organizzare incontri simili nelle rispettive diocesi.

Catholic Youth Seminar
Catholic Youth Seminar
Catholic Youth Seminar
Catholic Youth Seminar
Catholic Youth Seminar
Catholic Youth Seminar
Catholic Youth Seminar
Catholic Youth Seminar
Catholic Youth Seminar
Catholic Youth Seminar
Catholic Youth Seminar
Catholic Youth Seminar
Catholic Youth Seminar
Catholic Youth Seminar
Catholic Youth Seminar
Catholic Youth Seminar
Catholic Youth Seminar
Catholic Youth Seminar
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Formati dalla misericordia, i giovani “possono cambiare il Bangladesh”
29/02/2016 10:23
Una nuova chiesa alla periferia di Dhaka, segno di ‘Cristo tra i migranti’ (Foto)
28/11/2019 11:30
Dhaka, forze anti-terrorismo sventano attentato di Natale contro una chiesa cattolica
28/12/2016 08:56
Bangladesh, centinaia di giovani cattolici: Insieme contro la droga
25/02/2019 12:03
Studente bangladeshi: ai giovani servono luoghi d’incontro (Foto)
24/10/2018 11:35


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”