13/03/2008, 00.00
SRI LANKA
Invia ad un amico

Donne di ogni etnia chiedono insieme la fine della guerra

di Melani Manel Perera
Ventisei organizzazioni si uniscono per denunciare i danni della guerra civile sulla condizione della donna: sono oltre 50mila le vedove, tamil e singalesi; sono senza protezione, lavoro e vittime di abusi sessuali.
Colombo (AsiaNews) – Sono buddiste, musulmane e cristiane, tamil e singalesi; sono vedove di guerra e madri di bambini spariti, forse arruolati nelle fila dei guerriglieri separatisti; subiscono violenze e discriminazioni. Le donne dello Sri Lanka sono tra le prime vittime del conflitto civile, che in oltre 20 anni ha fatto più di 70mila morti. Ventisei organizzazioni locali per i diritti della donna si sono unite per condannare gli effetti delle violenze tra ribelli delle Tigri ed esercito governativo e invitare le parti a trovare una soluzione.
 
“La politica del nostro Paese dipende dalla guerra – dice Nimalka Fernando, coordinatrice del gruppo “Madri e figlie” – il bilancio annuale dello Stato prevede fondi ingenti per gli armamenti, mentre abbiamo bisogno di sviluppo e la gente muore di fame”. La guerra ha prodotto 48mila vedove tamil e 10mila – 15mila vedove di militari singalesi. Le attiviste denunciano che queste donne ora sono sole, affrontano molestie sessuali, non hanno protezione, sono sfollate e devono sostenere un continuo aumento del costo della vita. Molte hanno perso i figli, ufficialmente “scomparsi”, ma con probabilità trasformati in bambini soldato al servizio delle Tigri tamil.
 
I danni non sono solo psicologici o sociali, ma anche economici. Nanda Marasingha - buddista e membro del “Fronte delle donne rurali” - denuncia: “Abbiamo perso la nostra economia agricola a causa della globalizzazione e la guerra ci ha private di tutto il resto. Viviamo nella paura, vogliamo un Paese in pace”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mullaitivu, più di 300 nuove denunce di persone scomparse nella guerra civile
10/07/2014
Mannar, è morto mons. Rayappu Joseph, avvocato di pace per i Tamil
03/04/2021 10:41
Batticaloa, le donne tamil non dimenticano gli uomini "portati via dall'esercito"
13/11/2014
Unione europea: lo Sri Lanka attivi l’Ufficio per le persone scomparse
22/02/2018 08:43
Sri Lanka: in quattro giorni, più di 1000 persone scompaiono nel nulla
02/11/2012


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”