30/10/2012, 00.00
COREA DEL NORD
Invia ad un amico

Dopo 50 giorni, riappare in pubblico la moglie di Kim Jong-un

La “compagna Ri Sol-ju” era sparita dopo un’intensa estate in giro per il Paese al seguito del marito dittatore. Ora riappare durante una partita di pallone a Pyongyang, ma non si spiega per quale motivo sia sparita nel nulla. Secondo le fonti le possibilità sono tre: gravidanza, divorzio o “rieducazione”.

Seoul (AsiaNews) - Dopo 50 giorni di assenza dalla scena nazionale la moglie del dittatore nordcoreano Kim Jong-un, la "compagna Ri Sol-ju", è riapparsa sugli spalti nel corso di una partita di calcio a Pyongyang. La fotografia della donna, in compagnia del marito, è stata pubblicata dalla Kcna, l'agenzia di stampa ufficiale del regime.

La didascalia recita: "Il maresciallo Kim Jong-un, supremo leader del Partito e del popolo, si avvicina alle sedie degli spettatori accompagnato da sua moglie Ri Sol-ju. In quel momento sono esplosi applausi tonanti".

Tuttavia non è stata fornita alcuna spiegazione per la sparizione della donna, che dopo un'estate movimentata durante la quale ha accompagnato il marito in giro per il Paese, è scomparsa. Secondo alcune fonti sudcoreane, le ipotesi relative alla sparizione sono tre: possibile gravidanza; fulmineo divorzio sulla scia del padre e del nonno del dittatore; periodo di "rieducazione" dopo essere stata sorpresa dai media con vestiti e accessori troppo costosi.

Sempre secondo l'intelligence di Seoul, la coppia si è sposata nel 2009 e avrebbe addirittura già un figlio. Queste informazioni non sono verificabili data la mania di segretezza e la paranoia che accompagnano da sempre il regime stalinista di Pyongyang.

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Pyongyang, tre donne (di famiglia) dietro al trono di Kim Jong-un
28/11/2014
Kim Jong-un fa fucilare in piazza la sua ex fidanzata
29/08/2013
Pyongyang, riappare in pubblico la moglie di Kim
17/02/2021 08:59
Kim Jong-un sarebbe in coma: la sorella alla guida del Paese
24/08/2020 08:59
Cristiano condannato a morte, politici Usa scrivono all’Onu
14/07/2007


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”