06/10/2008, 00.00
FILIPPINE
Invia ad un amico

Filippine, la Chiesa cattolica scende in campo contro la corruzione

di Santosh Digal
Tangenti e mazzette sono una pratica diffusa in un Paese che è ai massimi livelli al mondo per “corruzione nella pubblica amministrazione” a negli “ambienti governativi”. I vescovi invitano a seguire i “valori cristiani” e a promuovere “moralità, integrità e onestà” per il bene del Paese.

Manila (AsiaNews) – I cattolici devono agire in prima persona per “sradicare la cultura della corruzione” dilagante nel Paese, in particolare nella pubblica amministrazione e negli ambienti di governo dove essa ha raggiunto un livello ormai “istituzionalizzato”. È la denuncia della Chiesa cattolica filippina, che chiede “ai laici” di agire con vigore per “combattere corruzione e concussione” e promuovere una politica volta al “buon governo”.

Il monito è stato lanciato la scorsa settimana durante un congresso del Consiglio dei laici filippini tenuto a Iloilo, nel sud del Paese, al quale hanno partecipato circa 500 persone in rappresentanza di 86 diverse diocesi. Mons. Angel Lagdameo, arcivescovo di Jaro e presidente della Conferenza episcopale filippina (Cbcp) ribadisce che “il sistema diffuso di corruzione” è uno dei “peggiori mali che affligge oggi il Paese”. Tanto che, secondo uno studio della Banca Mondiale, le Filippine sono la nazione “con il più alto indice di corruzione” in tutto il sud-est asiatico, una pratica diffusa che spazia “dai vertici governativi ai livelli più bassi della scala sociale”.

Secondo il vescovo di Antipolo, mons. Gabriel V. Reyes, presidente della Commissione episcopale dei laici, i cattolici possono svolgere un ruolo “essenziale” per ridurre al minimo o sradicare la corruzione, grazie anche ad una “formazione spirituale” che si basa su valori di “integrità e moralità”, tanto nella sfera privata quanto nella vita pubblica. “La sfida per i governanti, senza distinzione di livello – sottolinea mons. Reyes – è quella di vivere la propria fede: essi devono dimostrare di essere sorretti da valori cristiani e lavorare per il bene del Paese”. Egli auspica inoltre la fine di una pratica diffusa e immorale quale quella di “donare mazzette e tangenti” agli amministratori, funzionari e politici coinvolti in progetti governativi. “Deve esserci un cambio radicale di mentalità”, conclude il prelato.

Il Consiglio dei laici ha infine garantito il sostegno a Eddie Panlilio, ex prete e attuale governatore di Pampanga, contro quanti lo vorrebbero rimuovere dall’incarico per la sua lotta a favore della “moralità”, “integrità” e “onestà” negli affari di governo. Egli è stato insignito dal premio “Filippino dell’anno” per il 2007 dal quotidiano Inquirer ed è vittima di un fuoco incrociato dei suoi oppositori, che vorrebbero estrometterlo dalla vita politica per la sua battaglia contro la corruzione.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
La Chiesa in campo contro la corruzione dei politici
21/10/2004
1° maggio: pacifiche proteste a Jakarta contro la riforma delle leggi sul lavoro
02/05/2006
Giornata della donna a Teheran nel segno della repressione
06/03/2007
Colombo, etica e buon governo per migliorare la Pubblica amministrazione
13/08/2009
Elezioni: vescovi filippini inquieti per il futuro del Paese
29/04/2010


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”