15/07/2014, 00.00
GIAPPONE
Invia ad un amico

Giappone, cristiani "compatti" contro la fine del pacifismo nella Costituzione

Un missionario del Pime nel Sol Levante, p. Marco Villa, spiega: "La revisione dell'art. 9 compiuta dal governo Abe ha diviso la società e l'opinione pubblica. La memoria della II Guerra mondiale va svanendo, e con lei cadono antiche convinzioni. E la posizione belligerante di Cina e Corea del Nord non aiuta". I vescovi cattolici scrivono al primo ministro: "Scelta sbagliata e pericolosa".

Tokyo (AsiaNews) - Sulla revisione dell'articolo 9 della Costituzione giapponese, che di fatto elimina il pacifismo e consente al Sol Levante di tornare a dotarsi di un esercito di aggressione, "la discussione è molto aperta, anche nella società civile e nei discorsi comuni della gente. I pareri sono discordanti, e persino le principali testate giornalistiche sono divise: alcuni sostengono la scelta del premier Shinzo Abe, altri la attaccano. La posizione della Chiesa e della comunità cristiana è invece più compatta: a favore della difesa dell'art. 9 e della pace che rappresenta". Lo dice ad AsiaNews p. Marco Villa, missionario del Pontificio Istituto Missioni Estere in Giappone.

Il p. Villa, vice Superiore regionale dell'Istituto, lavora con gli emarginati e le persone sole in una "città-dormitorio" a nord di Tokyo. Tuttavia, la decisione presa dall'esecutivo guidato dal conservatore Shinzo Abe di modificare la Costituzione ha scosso l'intera società civile e ha raggiunto tutti gli strati della popolazione: "Il dibattito è ovunque, anche perché l'art. 9 è arrivato persino a essere candidato al Premio Nobel per la pace. Va anche considerato che la Costituzione giapponese è figlia della disfatta nipponica durante la II Guerra mondiale, un confitto concluso quasi 70 anni fa: i sopravvissuti sono molto pochi e diminuiscono di anno in anno. Quindi la coscienza e la memoria comune riguardo quei fatti si stanno assottigliando, modificando anche la percezione dell'attualità".

D'altra parte, sottolinea il missionario, "non si può ignorare che nell'Asia orientale le tensioni di tipo militare sono molto evidenti e sembrano peggiorare. Da una parte c'è la posizione offensiva e invadente della Cina, dall'altra la questione dell'imprevedibilità delle mosse del governo della Corea del Nord. La situazione è pesante, e la decisione del governo di modificare l'interpretazione dell'art. 9 è un poco figlia anche di questa situazione".

Sulla questione si è espressa a inizio luglio 2014 anche la Commissione permanente della Conferenza episcopale giapponese, che ha inviato una lettera aperta al premier Abe per "protestare contro la decisione presa dal governo. È del tutto inaccettabile che il suo esecutivo abbia promesso di cooperare militarmente con la comunità internazionale basandosi su una revisione che non poteva prendere senza interpellare il popolo".

La Chiesa cattolica, scrivono ancora i vescovi nel testo, "è convinta che sia falso pensare che la sicurezza nazionale possa essere garantita dall'uso della forza e dal rafforzamento militare. La pace può essere costruita soltanto sul rispetto della dignità di tutti gli esseri viventi. La pace può nascere solo con una riflessione sincera sulla storia e con le scuse, e il perdono, per ciò che è stato fatto in passato. Non dobbiamo abbandonare la speranza che la guerra e i conflitti armati possano essere evitati grazie al dialogo e ai negoziati". 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Tokyo, un uomo si dà fuoco "per protestare contro la cultura della guerra"
12/11/2014
La legge sul nuovo Giappone "guerriero" approvata dai partiti di governo
12/05/2015
Il 60% dei giapponesi non vuole la costituzione “guerriera” promossa da Abe
22/07/2015
Hiroshima, 69 anni dopo la Bomba la popolazione chiede "pace" al governo giapponese
06/08/2014
Vescovo di Niigata: La pace dei cristiani sia la pace del Giappone, tentato dagli armamenti
29/04/2015


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”