25/10/2022, 12.58
HONG KONG-CINA
Invia ad un amico

Hong Kong, magnate cattolico Jimmy Lai condannato anche per frode

In prigione da quasi due anni, l’attivista democratico era accusato di aver violato un contratto d’affitto. Il primo dicembre si apre nei suoi confronti il processo per minacce alla sicurezza nazionale e sedizione. Domani la fase finale di quello al card. Joseph Zen.

Hong Kong (AsiaNews) – La Corte distrettuale  ha condannato oggi Jimmy Lai per frode: l’accusa era di aver usato in modo illecito gli uffici di Apple Daily per gestire una società di consulenze. Lo scorso anno il quotidiano indipendente, fondato dal magnate cattolico e attivista democratico, ha interrotto le pubblicazioni dopo essere finito sotto indagine della magistratura per minacce alla sicurezza nazionale.

Il 74enne Lai è in prigione dal dicembre 2020. Sconta una condanna per aver partecipato a manifestazioni non autorizzate ed è in attesa di processo (si aprirà il primo dicembre) per quattro imputazioni: due di aver cospirato per colludere con altri Paesi o “elementi esterni”; una di collusione con forze straniere; l’ultima di aver complottato per stampare, pubblicare, vendere, distribuire e riprodurre pubblicazioni “sediziose”.

Per la violazione della draconiana legge sulla sicurezza nazionale, imposta da Pechino nell’estate 2020 per soffocare il fronte democratico, è previsto anche il carcere a vita. Per il reato di sedizione la pena massima è di due anni.

Nel caso della frode, Lai non avrebbe rispettato i termini dell’affitto di alcuni locali del Tseung Kwan O Industrial Estate, traendone un vantaggio illegittimo. Per la stessa vicenda, il giudice Stanley Chan ha ritenuto colpevole anche Wong Wai-keung, ex direttore amministrativo di Next Digital, la holding che controllava Apple Daily.

La sentenza definitiva è prevista il 24 novembre, quando Lai e Wong presenteranno le loro richieste di riduzione della pena. Mentre il tycoon rimane in cella, Wong ha ottenuto la libertà su cauzione.

Intanto c’è attesa per la fase finale del processo al card. Joseph Zen Ze-kiun, che si terrà domani. Il vescovo emerito della città è accusato insieme a cinque noti esponenti del fronte democratico di non aver registrato in modo corretto un fondo umanitario di cui erano amministratori fiduciari. Fino alla sua chiusura nell’ottobre 2021, il Fondo 612 ha assistito migliaia di manifestanti filo-democratici coinvolti nelle manifestazioni del 2019.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
A Wu Chi-wai, leader democratico in prigione, il permesso di partecipare al funerale del padre
07/05/2021 09:07
Hong Kong, legge sulla sicurezza: chiude Next Digital, editrice di Apple Daily
06/09/2021 12:32
Dopo la chiusura a Hong Kong, messo in vendita Apple Daily Taiwan
30/06/2021 12:02
La chiusura di Apple Daily non ferma gli arresti dei suoi ex giornalisti
28/06/2021 11:52
A mezzanotte chiude Apple Daily: domani ultima edizione cartacea
23/06/2021 12:09


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”