27/04/2021, 08.54
ISRAELE - PALESTINA
Invia ad un amico

Hrw: da Israele politica di ‘apartheid’ sui palestinesi. Torna la calma a Gerusalemme

Secondo il rapporto è in atto il “dominio” di un gruppo sull’altro, frutto di una “oppressione sistematica” su un popolo vittima di “atti disumani”. Per Israele si tratta di accuse “assurde e false”, opera di una ong con una agenda “anti-israeliana”. Rimosse le barricate che impedivano l’accesso alla Città Vecchia.

Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) - Israele sta commettendo il crimine di “apartheid” contro i palestinesi, con il proposito di mantenere un “dominio” ebraico nei confronti dei palestinesi e della stessa popolazione araba israeliana. È l’atto di accusa lanciato da Human Rights Watch (Hrw), all’interno di un rapporto pubblicato questa mattina secondo cui Israele - sotto inchiesta alla Corte penale internazionale de l’Aia per crimini di guerra - “è responsabile di crimini contro l’umanità di apartheid e persecuzione”. Accuse subito respinte con sdegno dal governo israeliano. 

Il rapporto di 213 pagine e intitolato “A Threshold Crossed: Israeli Authorities and the Crimes of Apartheid and Persecution” esamina le modalità secondo cui Israele tratta i palestinesi. Il documento descrive la presenza di una singola autorità, il governo israeliano, che controlla un’area fra il fiume Giordano e il mar Mediterraneo. Una terra popolata da due gruppi più o meno uguali, ma finiscono per essere sempre privilegiati gli ebrei israeliani mentre i palestinesi sono oggetto di repressione “più o meno severa” nel contesto di un “territorio occupato”. 

Hrw prende in esame il trattamento dei palestinesi in Cisgiordania, nella Striscia di Gaza e a Gerusalemme est, insieme agli arabi israeliani. In questo quadro emergerebbe un sistema di apartheid definito dallo “sforzo di mantenere il dominio di un gruppo razziale sull’altro”, caratterizzato da “una oppressione sistematica di un gruppo dominante su un altro emarginato” che è anche vittima di “atti disumani”. 

Israele respinge con sdegno tutte le accuse, definendole come “assurde e false” e opera di una ong che “coltiva da tempo una agenda anti-israeliana”. Il ministero israeliano degli Esteri definisce il rapporto un “opuscolo di propaganda” redatto da una organizzazione che “cerca di promuovere in modo attivo da anni il boicottaggio di Israele”. 

Intanto la polizia israeliana ha rimosso le barricate e autorizzato l’accesso ai palestinesi alla Città Vecchia, a Gerusalemme, dopo i violenti scontri che si sono consumati nei giorni scorsi fra giovani palestinesi e membri di gruppi dell’estrema destra israeliana. Da ieri erano di nuovo visibili capannelli di persone nei pressi della porta di Damasco, un tradizionale luogo di incontro per i palestinesi durante il Ramadan, il mese sacro di digiuno e preghiera islamico. 

Un portavoce della polizia spiega che la decisione è giunta in seguito a “consultazioni con la dirigenza locale, con la leadership religiosa e valutando anche le esigenze dei negozianti che hanno bisogno di guadagnarsi da vivere, insieme alla necessità di abbassare il livello di violenze”. “Le nostre forze - ha aggiunto la fonte - sono ancora dispiegate sul campo e non permetteremo che la violenza si ripresenti”. Nonostante alcuni momenti di tensione e qualche arresto operato dalla polizia, la situazione nelle ultime ore appare sotto controllo e l’area resta aperta. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Gerusalemme, Ramadan di tensione. Timori di nuovi scontri
23/04/2021 12:29
Cisgiordania: palestinese ucciso, un secondo ferito negli scontri con soldati israeliani
15/10/2021 08:57
Gerusalemme, la polizia israeliana ‘neutralizza’ una 30enne palestinese armata
30/09/2021 08:51
Poso, violenze anticristiane: estremisti incendiano una chiesa protestante
23/10/2012
Patriarcato latino: Gerusalemme, violazioni a ‘santità’ del popolo e della città
11/05/2021 10:34