08/11/2012, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Hu Jintao: il "canto del cigno" in 90 minuti

di Wang Zhicheng
Il presidente uscente si scaglia contro la corruzione, che potrebbe causare "la caduta del Partito". La legge deve perseguire tutti, senza guardare in faccia al loro ruolo o potere. Ribadito lo "sviluppo scientifico" per un equilibrio fra sviluppo economico e sociale. La Cina deve modernizzare l'esercito e divenire una grande potenza marittima per salvaguardare i propri confini. Il Pcc è insieme il medico e l'ammalato.

Pechino (AsiaNews) - Con un discorso di 90 minuti del presidente uscente, Hu Jintao, si è aperto a Pechino il 18mo Congresso del Partito comunista cinese (Pcc). Il Congresso dovrebbe varare il cambio di leadership, dalla Quarta alla Quinta generazione. Hu Jintao e il premier Wen Jiabao si dimetteranno per lasciare posto a Xi Jinping e Li Keqiang, da anni scelti come il "cuore" della leadership della Quinta generazione.

Nel suo discorso di addio come presidente e segretario generale del Partito, Hu Jintao ha parlato di tutto, ma si è soffermato più volte sulla questione della corruzione dei membri, che se non fermata, potrebbe causare "la caduta del Partito".

Per questo ha esortato i compagni in modo vigoroso a vigilare sui loro familiari e sul loro staff per una corretta auto-disciplina che eviti bustarelle e ricchezze ingiuste.

Dopo un lungo periodo di lotta fra le fazioni interne del Partito, e l'espulsione di un alto membro come Bo Xilai,, egli ha esortato tutti i membri all'unità politica, ma ha concluso con una filippica contro la sua fazione rivale, i "principini", i figli dei grandi del Partito, la cui carriera è dovuta ai meriti e alla protezione dei padri. Egli ha sottolineato che la carriera deve avvenire "sul merito, senza alcun riguardo alle origini".

Ritornando sulla questione della corruzione - il problema più grave della Cina, secondo un'inchiesta fra la popolazione - Hu ha minacciato che chi viola la legge sarà perseguito "chiunque egli sia, qualunque potere o ruolo ufficiale abbia".

Il "canto del cigno" del presidente, ha riproposto i temi perseguiti nei suoi 10 anni di governo soprattutto l'idea di "sviluppo scientifico", cioè l'equilibrio fra un progresso economico senza limiti e l'attenzione alla povertà, all'ecologia; all'aumento della ricchezza fra città e campagne; ad alcune riforme politiche.

Ma Hu ha subito escluso per la Cina un modello di "democrazia occidentale", rivendicando ancora una volta - come è da oltre 30 anni - il "socialismo con caratteristiche cinesi".

Egli ha anche lanciato l'idea di un nuovo modello di sviluppo, più basato sulla domanda interna, ora che il mercato globale è in crisi e con esso le esportazioni della Cina. Pur ricercando uno "sviluppo pacifico", egli ha detto che occorre modernizzare l'esercito e prepararsi a "salvaguardare in modo risoluto" i diritti marittimi della Cina, che - a suo parere - deve divenire sempre più una "potenza marittima".

Molti dei temi affrontati da Hu erano già stati trattati in passato da lui stesso o dal suo premier, ma senza arrivare a qualche risultato: l'inquinamento è sempre ad un livello abissale; la differenza fra ricchi e poveri è in forte aumento; la corruzione è stratosferica.

Secondo diversi analisti, il problema sta nel fatto che lo stesso soggetto - il Partito - si pone degli obbiettivi e ne verifica l'attuazione, senza accettare giudizi e critiche dall'esterno.

Sul problema della corruzione, ad esempio, lo storico Zhang Lifang, già membro dell'Accademia delle scienze sociali, afferma laconico: "Essi possono anche punire i loro uomini, come Bo [Xilai] ..., ma non vogliono alcuna supervisione dall'esterno del Partito". Insomma, il medico e l'ammalato sono la stessa persona.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
La prevedibile "democrazia interna" del Partito: Xi Jinping e Li Keqiang nel Comitato centrale
14/11/2012
I nuovi timonieri, vittime e carnefici del Partito comunista cinese
15/11/2012
Xi Jinping eletto capo del Partito comunista cinese
15/11/2012
Pechino: i nuovi membri del Politburo del Pcc (Scheda)
15/11/2012
La lobby degli intellettuali chiede più libertà. Gli sgambetti dei rivali di Xi Jinping
02/08/2016 16:35


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”