26/12/2004, 00.00
VATICANO
Invia ad un amico

Il Papa: "politici difendano la famiglia fondata sul matrimonio"

Città del Vaticano (AsiaNews) – Gli uomini di cultura ed i responsabili politici difendano la famiglia fondata sul matrimonio: nel giorno nel quale la Chiesa ricorda la Santa Famiglia, il Papa ha dedicato alle famiglia, specialmente a quelle in difficoltà la riflessione rivolta ai fedeli presenti in piazza San Pietro per la recita dell'Angelus.

"Quest'oggi – ha detto il Papa - la festa di Santo Stefano cede il posto a quella della Santa Famiglia. Il Figlio di Dio si prepara a compiere la sua missione redentrice, vivendo in modo laborioso e nascosto nella santa casa di Nazaret. In tal modo Egli, unito ad ogni uomo per l'incarnazione (cfr Gaudium et spes, 22), ha santificato la famiglia umana. La Santa Famiglia, che ha dovuto superare non poche prove dolorose, vegli su tutte le famiglie del mondo, specialmente su quelle che versano in condizioni difficili. Aiuti, altresì, gli uomini di cultura e i responsabili politici perché difendano l'istituto familiare fondato sul matrimonio e lo sostengano nell'affrontare le gravi sfide del tempo presente".

"In quest'"Anno dell'Eucaristia", la famiglia cristiana ritrovi la luce e la forza per camminare unita e crescere come "chiesa domestica" soprattutto nell'assidua partecipazione alla celebrazione eucaristica domenicale (Lumen gentium, 11). Maria, Regina della Famiglia, prega per noi!".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Migliaia di fedeli in processione per l'anno Eucaristico e Mariano
08/12/2004
Suggerimenti e proposte per celebrare l'Anno dell'eucaristia
15/10/2004
India, cattolici di tutte le età in adorazione continua dell'Eucaristia
16/03/2005
Vescovo di Dhaka: L'Eucaristia, centro della nostra vita
09/02/2005
Corsi di catechismo sull'eucarestia
14/12/2004


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”