07/10/2022, 11.54
INDIAN MANDALA
Invia ad un amico

India, farmacia del mondo che punta all'autosufficienza

di Alessandra De Poli

Oltre 60 bambini in Gambia sono morti a causa di sciroppi tossici prodotti nell'Haryana, ma un terzo dei medicinali commerciati in tutto il mondo provengono dal subcontinente indiano. Lo sviluppo del settore farmaceutico è stato possibile grazie alla "ingegneria inversa" e ai brevetti di procedimento. Gli indiani vogliono slegarsi dalla Cina anche per la produzione dei principi attivi.

Milano (AsiaNews) - Il governo indiano ha ordinato un’indagine dopo che l'Organizzazione mondiale della sanità ha collegato la responsabilità della morte di 66 bambini in Gambia a quattro sciroppi per la tosse prodotti (solo per l’esportazione) da Maiden Pharmaceuticals, che ha sede nello Stato settentrionale dell’Haryana. In base a una dichiarazione di Delhi, l’autorità nazionale di regolamentazione dei farmaci ha cominciato le indagini dopo essere stata contattata dall’Oms il 29 settembre, ma un primo allarme era stato lanciato dalle autorità gambiane a luglio, quando troppi bambini erano stati ricoverati per gravi problemi ai reni. Secondo il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, gli sciroppi avrebbero causato lesioni renali per i livelli “inaccettabili” di tossine nei farmaci.

In realtà negli ultimi sette anni almeno sei farmaci prodotti dalla Maiden Pharmaceuticals non rispettavano gli standard di sicurezza ed efficacia necessari alla commercializzazione. Di questi, quattro sono stati trovati non idonei nell’ultimo anno.

L’India produce un terzo dei medicinali consumati in tutto il mondo ed è sede di alcune delle ditte farmaceutiche in più rapida crescita. Per capire come si è arrivati a questo punto bisogna tornare indietro agli anni ‘70, quando il governo ha introdotto il Patents Act, una normativa che riconosce i brevetti di procedimento, ma non quelli di prodotto. Ciò significa che le aziende farmaceutiche indiane possono produrre farmaci equivalenti senza essere costrette a pagare royalty ai detentori del brevetto originale. In pochi anni il settore è esploso: se nel 1970 c’erano 2.200 industrie farmaceutiche, nel 1995 erano diventate 24mila. Per soddisfare la domanda di esperti del settore sono persino aumentati i corsi di farmaceutica nelle università indiane.

Nel 2021 il mercato farmaceutico indiano, che oggi vale 42 miliardi dollari, ha registrato una crescita del 17,7%: secondo le previsioni potrebbe raggiungere il valore di 65 miliardi di dollari entro il 2024 e addirittura triplicare fino a 120-130 miliardi entro il 2030. 

Dagli anni ‘90 l’export ha avuto un ruolo centrale: oggi l’India sopperisce alla metà della domanda globale di vaccini, al 40% della richiesta di farmaci generici negli Usa e al 25% di quella britannica. Significa che una pillola su tre ingerita negli Stati Uniti e una su quattro nel Regno Unito sono prodotte in India.

La capacità di sviluppare farmaci generici a un prezzo ridotto è dovuta all’altissima disponibilità di manodopera qualificata. Grazie alla “ingegneria inversa” l’India è stata in grado di riprodurre medicinali per l’Aids (Zidovudine) o il cancro (Imatinib) pochi anni dopo il loro lancio negli Stati Uniti e di ridurre i prezzi di alcuni farmaci fino al 99%, rendendoli disponibili anche per i Paesi a basso reddito, in particolare quelli africani. L’80% degli antiretrovirali per combattere l’Hiv in tutto il mondo sono prodotti da ditte indiane.

L'India è anche uno dei principali esportatori di vaccini, come la pandemia da Covid-19 ha messo in evidenza: secondo i dati governativi l’India ha fornito oltre 201 milioni di dosi a circa 100 Paesi fino a maggio. Si stima che al 65% dei bambini di tutto il mondo sia stato somministrato almeno un vaccino prodotto dal noto Serum Institute of India (Sii), che da aprile a ottobre dell’anno scorso aveva sospeso l’esportazione di vaccini AstraZeneca per soddisfare la domanda interna: solo lo 0,5% della popolazione indiana era vaccinata quando la seconda ondata ha travolto il Paese. 

Secondo altri punti di vista la vera farmacia del mondo sarebbe la Cina, perché è da questa che l’India importa il 68% (o secondo altre stime l’85%) dei principi attivi che rendono i farmaci efficaci. Qualcosa però ha cominciato a cambiare: grazie a uno schema governativo varato nel 2020 (all’apice delle tensioni al confine con la Cina), da marzo di quest’anno l’India ha cominciato a produrre a livello interno 32 principi attivi in 35 stabilimenti sparsi in tutto il Paese. L’obiettivo di breve periodo è di ridurre la dipendenza dalla Cina del 35% entro la fine del decennio, ma Delhi ha stanziato due miliardi di incentivi per incoraggiare la produzione - da parte di aziende nazionali e straniere - di almeno 53 principi attivi che oggi vengono importati da Pechino. L’obiettivo di lungo termini è quindi la quasi totale autosufficienza di produzione.

“INDIAN MANDALA" È LA NEWSLETTER DI ASIANEWS DEDICATA ALL'INDIA
VUOI RICEVERLA OGNI VENERDI’ SULLA TUA MAIL? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER A QUESTO LINK

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
L'India vuole introdurre un visto speciale per i trattamenti ayurvedici
22/04/2022 11:18
Sport in India: per arrivare in cima servono cultura e investimenti nei vivai
15/07/2022 12:01
Pechino sceglie la censura: ‘Vietato parlare dello scandalo dei vaccini’
25/07/2018 12:41
Changchun: Venduti vaccini anti-rabbia difettosi
17/07/2018 09:09
Caritas Internationalis al Wto: brevetti sui vaccini, problema irrisolto
13/06/2022 13:57


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”