20/04/2012, 00.00
INDIA – ITALIA
Invia ad un amico

India: Secondo il governo centrale l’Enrica Lexie era in acque internazionali

Ad AsiaNews un avvocato dell’Alta corte del Kerala conferma che il governo centrale ha presentato una nota alla Corte suprema, secondo cui la polizia dello Stato non aveva autorità per fermare la petroliera, né i marò. Secca risposta del capo del governo del Kerala: “Ogni decisione è stata presa in accordo con il governo centrale. L’incidente è avvenuto in acque indiane, abbiamo il diritto di procedere”.

Kochi (AsiaNews) - La petroliera italiana Enrica Lexie non era in acque territoriali al momento dell'incidente in cui sono morti due pescatori indiani. È quanto sostiene il governo centrale dell'India in una nota presentata oggi alla Corte suprema del Paese, e che Vincent Panikulangara, avvocato dell'Alta corte del Kerala e della Corte suprema, conferma ad AsiaNews. Nella nota, il governo centrale sottolinea che la polizia del Kerala non aveva alcuna autorità per fermare la petroliera italiana, né di condurre indagini riguardo l'incidente. Oomen Chandy, chief minister dello Stato del Kerala, ha replicato: "Abbiamo preso ogni decisione dopo aver consultato il governo centrale. L'incidente è avvenuto dentro le acque indiane. Abbiamo tutti i diritti di procedere".

"L'intera vicenda - spiega ad AsiaNews l'avvocato - dipende da un solo fattore: il luogo di ritrovamento, ovvero dove era la nave quando i pescatori sono stati uccisi. Se la Corte suprema accetterà questa posizione proposta dal governo centrale, i marò potrebbero non dover affrontare un processo secondo la nostra legge. Ma questo sarà chiaro solo più avanti".

Intanto, questa mattina le autorità italiane hanno raggiunto un accordo economico extragiudiziario con i familiari delle vittime. L'Italia pagherà un risarcimento di 10 milioni di rupie (circa 145mila euro) ciascuno. Panikulangara chiarisce: "Questo accordo economico non è una mossa 'giusta' o 'dovuta', ma fa parte di un processo legale. Solo le cause civili intentate dal parente più prossimo del defunto, come è avvenuto in questo caso, possono essere risolte in via extragiudiziale". (GM) 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Kerala, concessa la libertà su cauzione ai due marò
30/05/2012
Kerala, i marò italiani hanno lasciato il carcere. In attesa del processo di primo grado
25/05/2012
Kerala, i marò italiani lasceranno “presto” il carcere
24/05/2012
No delle autorità indiane al rilascio su cauzione dei due marò italiani
19/05/2012
Per la polizia del Kerala, marò responsabili di omicidio e tentato omicidio
18/05/2012


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”