12/10/2022, 15.31
ASIA-VATICANO
Invia ad un amico

Iniziati a Bangkok i lavori della Conferenza generale delle Chiese cattoliche dell'Asia

Riuniti 200 delegati da 29 Paesi fino al 30 ottobre per un evento sinodale a 50 anni dalla fondazione della Fabc. Il card. Bo nella Messa di apertura: "Chiamati a una nuova Epifania nel secolo dell'Asia". Il videomessaggio di papa Francesco: "Che i laci assumano il loro battesimo e sia rispettata la particolarità di ogni Chiesa".

Bangkok (AsiaNews) – Presso il Centro pastorale di Baan Phu Waan, a Sam Phran, si sono aperti oggi i lavori della Conferenza generale delle Chiese cattoliche dell’Asia che celebra i 50 anni dalla costituzione della Fabc, la Federazione delle Conferenze episcopali del continente. Un appuntamento che avrebbe dovuto tenersi nel 2020, ma è stato rinviato ad oggi a causa della pandemia. Fino al 30 ottobre 200 delegati, tra cui cardinali, vescovi e laici provenienti da 29 Paesi membri dell'Asia si confronteranno sulle sfide per le Chiese dell’Asia a partire dal versetto evangelico “E per un’altra strada” (Mt. 2,12) che descrive l’esperienza dei magi dopo l’incontro con Gesù nell’Epifania.

E proprio all’immagine di una “nuova Epifania” ha fatto riferimento il card. Charles Bo, arcivescovo di Yangon e presidente della Fabc, nell’omelia della Messa che questa sera ha aperto l’incontro. “Come questi uomini venuti dall’Oriente 2000 anni fa - ha detto il card. Bo - anche noi oggi abbiamo all’orizzonte una nuova stella, una nuova chiamata, una nuova sfida; vivere nel secolo dell’Asia, nel secolo di Cristo e dell’evangelizzazione in questo continente”. Un compito - ha aggiunto – che può sembrare sproporzionato rispetto ai numeri estremamente piccoli delle Chiese dell’Asia, ma anche alla rilevanza dei problemi che attraversano oggi il continente: dallo sfruttamento ai regimi che erodono le democrazie, dalle sfide tra superpotenze alle migrazioni dei popoli. Il card. Bo ha invitato a guardarle come il “roveto ardente” che Mosé vedeva davanti a sé. E ad accogliere la risposta che Dio diede alle sue paure: “Non temere, io sarò con te”. Solo così - ha aggiunto - sarà possibile accogliere davvero il compito di questo appuntamento “in stile sinodale”, che è appunto quello di “riaffermare, rinnovare e rivitalizzare la Chiesa in Asia”.     

Ai delegati riunti per questa Conferenza generale anche papa Francesco ha voluto inviare un suo videomessaggio nel quale – ricordando il contesto che nel 1970 spinse a dare vita alla Fabc – osserva che allora “i vescovi constatarono che le masse si stavano risvegliando dal fatalismo a una vita degna dell’uomo; anche i giovani si stavano risvegliando, erano idealisti, consapevoli, preoccupati, impazienti e inquieti; le società culturalmente diverse si stavano risvegliando per diventare una vera comunità di popoli. Ciò significava che la Chiesa in Asia era chiamata a essere in modo più autentico la Chiesa dei poveri, la Chiesa dei giovani, e una Chiesa in dialogo con i compagni asiatici di altre confessioni”.

Ed è una sfida che – ha continuato il papa – deve spingere ancora oggi a porsi “la domanda fondamentale: che cosa dice lo Spirito alle Chiese in Asia?”. Con una raccomandazione: “Che i laici assumano il loro battesimo – ha concluso il pontefice - e rispettino la singolarità di ognuna delle Chiese. Perché la Chiesa universale non è la Chiesa uniforme: no, è universale, nel rispetto della particolarità di ogni Chiesa”.

Da domani i primi giorni della Conferenza Generale della FABC saranno dedicati alla comprensione delle realtà emergenti nei diversi Paesi: ciascuno dei 29 Paesi membri è stato invitato a presentare un'esposizione sulla situazione attuale nei propri Paesi, le sfide politiche, sociali, economiche, religiose che la Chiesa cattolica è chiamata ad affrontare in quel contesto.

Dal 17 al 22 ottobre, la Conferenza Generale rifletterà su queste realtà, in dialogo con i recenti documenti del magistero. Il documento guida redatto dalla FABC e le successive consultazioni hanno già messo in evidenza alcuni nodi: la pandemia, la globalizzazione, le sfide socio-economiche e politiche, e le questioni di genere, le popolazioni indigene, gli aneliti dei giovani e la trasformazione della Chiesa.

Il 23 ottobre – nella Giornata missionaria mondiali – i pastori compiranno una “visita virtuale” ad alcune parrocchie nelle diverse aree del continente. Il 26 ottobre invece compiranno un pellegrinaggio ad Ayutthaya in dialogo anche con le altre tradizioni religiose. I lavori si concluderanno il 30 ottobre con la diffusione di un documento finale e un messaggio alle comunità cattoliche dell’Asia. La celebrazione conclusiva sarà presieduta dal cardinale Luis Antonio Tagle, inviato da papa Francesco come proprio delegato.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
A Bangkok la Conferenza generale della FABC a 50 anni dalla fondazione
21/08/2022 09:26
Fabc50, il ‘viaggio virtuale’ delle Chiese nei Paesi dell’Asia
16/10/2022 12:10
L’Asia nella fase continentale del Sinodo voluto da papa Francesco
28/08/2022 11:03
Inculturazione e ideologia del denaro, le sfide del Vangelo nell'Asia
18/08/2004
Bangkok, dalle Chiese dell'Asia un contributo a tutto il mondo
24/10/2022 17:13


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”