26/09/2006, 00.00
IRAQ
Invia ad un amico

Iraq: in tre giorni secondo attentato ad una chiesa caldea

Nel mirino degli aggressori la chiesa del Santo Spirito, attaccata oggi a colpi di bazooka; nessun ferito. Con ogni probabilità si tratta dello stesso gruppo che domenica aveva sparato contro l'edificio.

Mosul (AsiaNews) – Secondo attacco in tre giorni ad una parrocchia caldea di Mosul. Nel mirino degli aggressori è ancora una volta la chiesa dello Spirito Santo: stamattina un gruppo di uomini ha sparato contro l'edificio alcuni colpi di bazooka a distanza, mentre un ordigno è esploso davanti ad uno dei portoni esterni, inutilizzato, della chiesa. Lo hanno riferito ad AsiaNews fonti locali, secondo cui non si registrano morti o feriti. 

Le fonti aggiungono che si potrebbe trattare della stessa formazione armata che la mattina di domenica 24 settembre aveva scaricato sulla chiesa almeno 80 colpi d'arma da fuoco, provocando solo lievi danni come finestre rotte.

Da mesi cresce la tensione a Mosul, roccaforte sunnita. C'è chi avanza l'ipotesi che gli attacchi contro i cristiani in Iraq siano legati alle polemiche seguite al discorso del Papa a Regensburg. Sempre a Mosul, venerdì 22 settembre, per le strade e nei pressi delle chiese circolavano volantini minatori che chiedevano ai cristiani di condannare le parole di Benedetto XVI, altrimenti sarebbero stati uccisi e le loro chiese bruciate. Il vescovo caldeo di Mosul, mons. Raho,  ha fatto affiggere dei cartelli per esprimere che "né i cristiani iracheni, né il papa vogliono distruggere il rapporto con i musulmani". Ma il gesto non sembra essere servito ad evitare nuove violenze. Con ogni probabilità anche in questo caso si è davanti ad una strumentalizzazione politica della religione; tanto più che i leader religiosi islamici, fra i quali lo stesso ayatollah Al Sistani, hanno mostrato solidarietà e comprensione verso il Vaticano: il rappresentante del massimo esponente religioso degli sciiti iracheni ha addirittura espresso il desiderio di poter visitare il Papa.

Già nell'agosto del 2004 la chiesa dello Spirito  Santo aveva subito un attentato, in cui era rimasta ferita anche la sorella minore del giovane parroco p. Ragheed Gani.  

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Un altro attentato contro una chiesa a Mosul
17/01/2008
Appello dei vescovi: Salvate i cristiani irakeni
23/04/2007
Cortei nei villaggi cristiani: giustizia per la morte di mons. Rahho
29/03/2008
Una campagna di terrore contro la chiesa caldea in Iraq
06/10/2006
Leader cristiani si uniscono all’appello del Patriarca Delly per salvare l’Iraq
10/05/2007


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”