08/01/2022, 12.08
PAKISTAN
Invia ad un amico

Islamabad: cristiano accusato di blasfemia rilasciato su cauzione

di Shafique Khokhar

Considerata una sentenza storica per il Pakistan. Nadeem Samson era stato incarcerato per una disputa sul pagamento della cauzione d'affitto. Non sono tuttavia aumentate le probabilità che venga dichiarato innocente. Secondo l'avvocato Saif ul Malook la decisione potrebbe fungere da precedente per altre vittime.

Islamabad (AsiaNews) - Dopo quattro anni di detenzione Nadeem Samson è stato rilasciato su cauzione: l’appello presentato dal suo avvocato Saif ul Malook è stato accolto il 6 gennaio dalla Corte suprema del Pakistan con una decisione storica.

“È una sentenza molto importante, la prima nella storia giudiziaria del Pakistan” e che potrebbe fungere da precedente per altre vittime accusate di blasfemia, ha detto Malook in videochiamata con Jubilee Campaign and Voice for Justice.

Il cristiano Nadeem Samson era stato incarcerato dopo una disputa sul pagamento di una cauzione d’affitto. I tribunali del Pakistan avevano sempre respinto con regolarità gli appelli per la libertà su cauzione delle vittime di blasfemia: in base al codice penale paksitano la libertà provvisoria può essere concessa ad alcuni imputati, tra cui quelli accusati di omicidio, ma non era mai successo che venisse garantita a chi considerato colpevole di blasfemia. 

Nel prendere la decisione, il giudice Syed Mansoor Ali Shah ha fatto riferimento alla sezione 497 del codice di procedura penale, secondo cui se il processo non è stato concluso entro due anni e il ritardo non è dovuto all'accusato può essere concesso il rilascio su cauzione.

Durante l’udienza di appello del 5 gennaio, l’avvocato Saif ul Malook aveva chiesto ai giudici di impedire che il sentimento religioso offuscasse il loro giudizio. La legge sulla blasfemia in Pakistan è utilizzata per dirimere questioni personali ed è vista come una forma di persecuzione nei confronti delle minoranze religiose del Paese. 

Tuttavia con questa sentenza non sono aumentate le probabilità che Samson venga dichiarato innocente: "Questa è un'altra storia", ha affermato Malook. Il caso di Samson risulta ancora in sospeso presso il tribunale distrettuale di Lahore e potrebbero volerci anni prima che si concluda. Gli accusati di blasfemia, inoltre, sono esposti al rischio di ritorsioni: nel luglio 2020 il cittadino americano Tahir Naseem è stato ucciso da un estremista in un’aula di tribunale di Peshawar.

Shaqeel, il fratello di Nadeem, ha espresso la propria gratitudine all’avvocato: "Tu sei un angelo Saif Al Malook, perché gli angeli lavorano attraverso gli esseri umani. Hai salvato mio fratello come hai salvato Asia Bibi".

Interpellato da AsiaNews, Ashiknaz Khokhar, difensore dei diritti umani in Pakistan, ha commentato la vicenda dicendo che "la maggior parte dei casi di blasfemia sono falsi e registrati come vendetta, e le false accuse sono in aumento contro le minoranze religiose. La legge sulla blasfemia - ha continuato l’attivista - è spietatamente sfruttata dai fanatici islamici per regolare i conti con i rivali e dai partiti religiosi per ottenere una leva politica sugli apparati amministrativi”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Rilasciato il fondamentalista che aizzava la folla contro Asia Bibi
15/05/2019 08:50
Imam pakistani: Dopo l’assoluzione di Asia Bibi, chiediamo la pace
30/01/2019 11:00
Asia Bibi è innocente: la Corte suprema respinge la petizione dei radicali islamici
29/01/2019 12:11
Islamabad, massima allerta per l’ultima udienza sulla libertà di Asia Bibi
29/01/2019 09:05
Lahore, in libreria un testo sulla protezione dei diritti delle minoranze
29/05/2018 11:54


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”