27/06/2022, 10.09
INDIA
Invia ad un amico

Karnataka, feti abbandonati mentre il mondo discute sull'aborto

di Nirmala Carvalho

Nel giorno in cui negli Stati Uniti la sentenza della Corte suprema segnava una svolta sul diritto alla vita, in India venivano ritrovati sette feti vicino a una fermata dell'autobus a Belagavi. Secondo i medici erano intorno ai cinque mesi di gestazione ed è presumibile che siano stati uccisi dopo il rilevamento del sesso. La strage delle bambine l'altra faccia delle interruzioni di gravidanza in India.

Mumbai (AsiaNews) - Sette feti abortiti sono stati trovati abbandonati in un contenitore nel distretto di Belagavi, nello Stato del Karnataka. È successo venerdì 24 giugno, proprio mentre il mondo discuteva sulla sentenza della Corte suprema degli Stati Uniti sulle leggi sull’aborto e il diritto alla vita. I residenti di Mudalagi hanno trovato i feti vicino a una fermata dell'autobus alla periferia della città e hanno informato la polizia. Il Dipartimento della Salute del Karnataka ha ordinato un'inchiesta sull'accaduto.

"I feti erano intorno ai cinque mesi. È presumibile che dopo il rilevamento del sesso feto siano stati uccisi", ha detto Mahesh Koni, il responsabile distrettuale della salute e del benessere familiare. Non è la prima volta che fatti di questo genere accadono nella zona: anche nel 2013 erano stati trovati almeno 13 feti sulle rive del fiume Hiranyakeshi a Belagavi.

In India dal 1971 la legge ammette l’aborto entro la ventiquattresima settimana se il proseguimento della gravidanza comporta un rischio per la vita della donna o gravi danni alla sua salute fisica o mentale. Ma in realtà - nonostante in teoria sia vietata dalla legge - è molto diffusa la pratica dell’aborto selettivo, con la soppressione della vita delle bambine.

Il dottor Pascoal Carvalho, membro della Pontificia Accademia per la Vita (PAV), commenta ad AsiaNews: "Nel giorno in cui la decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti sull'aborto ha annunciato una ‘nuova alba pro-vita’, ribaltando la sentenza Roe contro Wade, in India ci siamo trovati di fronte a quest’orribile... Queste bambine sono state uccise, niente di meno: l'infanticidio femminile è un crimine atroce. È una tragedia enorme, questa mentalità contro la vita e contro le donne avrà gravi conseguenze sulla società”.

“Rapporti recenti provenienti da molti Stati dell'India settentrionale - continua il dott. Carvalho - rivelano che vengono praticati aborti ‘sicuri’ contro quanto stabilito dalla legge del 1994 che vieta di legarli ai test per la determinazione del sesso. Diverse cliniche e medici sono stati arrestati per questo".

Mentre oggi c’è chi definisce la decisione della Corte suprema degli Statti Uniti sulla sentenza Roe contor Wade “orribile e medievale”, come ha detto l'arcivescovo Vincenzo Paglia, presidente della Pontificia Accademia per la Vita, occorrerebbe cogliere questa decisione come un "potente invito a riflettere" perché “scegliendo la vita, è in gioco la nostra responsabilità per il futuro dell'umanità".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
India, scoperto racket di aborti selettivi femminili. Arrestate 8 persone
14/12/2011
Kerala: Alta Corte contro aborto terapeutico se vita della madre non a rischio
08/09/2021 11:04
Rischiano di restare single 30 milioni di uomini cinesi
14/07/2004
Rischio aborto per 40-60 milioni di bambine entro 10 anni
27/03/2004
Papa: mobilitare cristiani e non contro i nuovi attacchi al diritto alla vita
24/02/2007


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”