12/09/2022, 11.54
CINA-UCRAINA-TAIWAN
Invia ad un amico

Kiev guarda a Taipei: la rabbia di Pechino

L’ambasciata cinese in Ucraina voleva impedire la creazione di un gruppo di amicizia con Taiwan del Parlamento di Kiev. Il suo promotore denuncia i metodi “sovietici” di Pechino, che si è rifiutata di aiutare i civili ucraini allo scoppio del conflitto. Dai taiwanesi ampio sostegno alla causa ucraina.

Pechino (AsiaNews) – L’Ucraina guarda sempre più a Taiwan, facendo irritare la Cina, che considera l’isola una provincia “ribelle”. Oleksandr Merezhko, capo del comitato Affari esteri del Parlamento ucraino, ha rivelato di aver subito pressioni dall’ambasciata cinese a Kiev per fermare la creazione di un gruppo di amicizia parlamentare con Taipei.

Merezhko ha detto a Focus Taiwan che Pechino ha usato metodi “sovietici” per bloccare la sua iniziativa, accolta con favore da molti colleghi deputati di diversi partiti: il gruppo conta ora 10 esponenti della maggioranza e cinque dell’opposizione. Molti Paesi europei hanno gruppi parlamentari di contatto con Taiwan. Fra loro, i baltici sono i più attivi, insieme alla rappresentanza del Parlamento Ue.

Il politico ucraino rivela di essersi rifiutato di incontrare l’ambasciatore cinese Fan Xianrong. in primo luogo perché la richiesta d’incontro non rispettava il protocollo; in seconda battuta perché a marzo, all’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, l’inviato cinese si è rifiutato di vedere una delegazione del Parlamento ucraino. I deputati di Kiev chiedevano l’aiuto di Xi Jinping per aprire corridori umanitari a favore dei civili in fuga dai bombardamenti di Mosca.

I rovesci di Putin in Ucraina, con le truppe di Kiev che continuano a riconquistare porzioni di territorio prima occupate dai russi, rischiano di mettere in crisi la Cina. Xi punta su un (junior) partner russo forte per indebolire  l’influenza Usa nel mondo; Mosca non dimostra però di avere la forza e la stabilità politico-economica per competere in un scontro tra potenze.

Perdere l’Ucraina non sarebbe un piccolo particolare per Pechino: lo spazio ucraino è chiave per collegare Cina ed Europa con le “nuove Vie della Seta”, il megaprogetto commerciale e infrastrutturale di Xi Jinping conosciuto come Belt and Road Initiative.

Il malcelato appoggio della Cina all’impresa bellica della Russia ha alimentato un sentimento anti-cinese in Ucraina. Secondo le autorità di Kiev, viste le posizioni cinesi, la “partnership strategica” con Pechino esiste solo sulla carta. Al contrario Taiwan si è schierata a sostegno della causa ucraina, fornendo anche aiuti umanitari. Con il suo atteggiamento pro-Cremlino, il gigante cinese potrebbe perdere l’opportunità di contribuire alla futura ricostruzione dell’Ucraina.

Il 15 e 16 settembre Xi parteciperà in Uzbekistan al summit dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai, al quale sarà presente anche Vladimir Putin. Il partenariato “senza limiti” annunciato in febbraio tra Mosca e Pechino, alla vigilia dell’aggressione russa all’Ucraina, sembra stia dando più grattacapi che vantaggi alla Cina.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Scontro su Taiwan: Pechino quasi azzera export di Vilnius
21/01/2022 12:20
Intelligence di Taipei: improbabile Pechino lanci invasione in autunno
25/03/2022 11:59
Praga, ministro degli Esteri: non in agenda cambio di nome nostra missione a Taiwan
13/05/2022 12:41
Disputa su Taiwan: Pechino richiama l’ambasciatore a Vilnius
10/08/2021 12:33
Dopo la Lituania anche Estonia e Lettonia escono dal forum guidato da Pechino
12/08/2022 12:05


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”