23/01/2023, 12.40
SRI LANKA
Invia ad un amico

La Norvegia indaga su adozioni illegali dallo Sri Lanka: coinvolti 11mila bambini

di Arundathie Abeysinghe

Colombo aveva rivelato i dati nel 2017, ma dopo una serie di vicende Oslo ha deciso di istituire una commissione per un'indagine indipendente. Negli anni '70 erano diffuse le baby farm, dove bambini srilankesi venivano venduti con documenti falsi alle coppie europee. Alcuni ricordano che in questo modo sono scomparsi fratelli e sorelle più piccoli.

Colombo (AsiaNews) - Il governo della Norvegia ha deciso di indagare sulle adozioni dallo Sri Lanka avvenute a partire dagli anni ‘80 del secolo scorso dopo la scoperta di alcune pratiche illegali che avrebbero coinvolto - secondo dati srilankesi - almeno 11mila bambini. 

In una dichiarazione rilasciata al giornale Verdens Gang (Vg), la ministra norvegese per l'Infanzia e la Famiglia, Kjersti Toppe, ha spiegato che l’esecutivo ha deciso di condurre un'indagine indipendente a riguardo istituendo una commissione che passerà al vaglio lo storico delle adozioni. 

Negli anni ‘70 in Sri Lanka esistevano diverse “baby farm” (fattorie di bambini) che vendevano minori alle coppie europee dando loro documenti falsi. Secondo quanto ammesso dalle autorità del Paese nel 2017, circa 11mila bambini sono stati venduti in modo fraudolento per essere adottati all'estero, mentre fonti del ministero delle Donne e dell'Infanzia dello Sri Lanka hanno rivelato ad AsiaNews che già nel 2021 l'organizzazione “Romanticized Immigration”, guidata dalla direttrice Priyangika Samanthie (una norvegese adottata da piccola dallo Sri Lanka), aveva chiesto di condurre un'indagine sulle adozioni internazionali. 

Sanuth Nakalanda, attivista di una ong che ha partecipato a un'indagine sul campo, ha spiegato che “la questione sulle adozioni è venuta alla luce quando una donna olandese adottata dallo Sri Lanka ha cercato i suoi genitori biologici. Durante le ricerche è emerso che tutti i documenti erano stati falsificati. Questo racket delle adozioni faceva parte della mafia delle baby farm: la cittadina olandese ha intentato una causa in tribunale e per questo business corrotto l'adozione da Paesi non europei è stata vietata per un certo periodo nei Paesi Bassi".

Chathura Semage, residente ad Ampara, nella Provincia Orientale, ricorda ancora il giorno in cui un'auto bianca si è allontanata con all’interno la madre Karunawathie Semage e la sorella di due anni, Damayanthi, mentre lei e il fratello minore Dilan erano rimasti a casa. Tornata a casa la sera, la madre era sola. Quando i figli le hanno chiesto informazioni sulla sorella, la donna ha risposto che era stata data in adozione. "Questa vicenda è avvenuta nel 1986 o nel 1987. Ricordo che avevo circa 10 anni. Era un periodo in cui mia madre lottava per sopravvivere. Ricordo che una persona venne a trovarci più volte e ci consegnò dei soldi a rate. Quando ci salutammo, non pensai mai che mia sorella Damyanthi stesse per andare all'estero e che sarebbe stata l'ultima volta che l'avrei vista. Mi è dispiaciuto che mia sorella sia stata data in adozione, anche se capisco che mia madre non aveva altra scelta dopo che nostro padre ci aveva lasciati".

Karunawathie era stata pagata 1.800 rupie srilankesi (circa 55 dollari all'epoca) per la figlia: "Non biasimo mia madre, anche se non ho mai più rivisto mia sorella. Mia madre non era in grado di sfamare tre di noi". In seguito Chathura ha saputo che la persona che era andata a trovarli era il “broker di una baby farm" di Kochchikade, un sobborgo di Colombo, gestito da una funzionaria di un tribunale e da suo marito, che facevano da intermediari organizzando adozioni per coppie straniere, per lo più norvegesi e olandesi. 

 

Foto: Flickr / Les

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Gli investigatori: ‘Un missile russo’ ha abbattuto il volo MH17 della Malaysian Airlines
25/05/2018 08:52
Kuala Lumpur ricorda le vittime del volo civile abbattuto in Ucraina otto anni fa
18/07/2022 12:50
Fermato l’autore dell’attacco a Utrecht. Tre le vittime, dubbi sul movente
19/03/2019 09:02
Olanda, polemica con Jakarta per la nuova sede dei Separatisti papua
20/08/2013
Adozioni a distanza: forum nazionale al PIME di Milano
12/01/2005


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”