05/02/2007, 00.00
CINA - GRENADA
Invia ad un amico

La banda suona l’inno di Taiwan per onorare Pechino

A Grenada gaffe diplomatica durante l’inaugurazione di uno stadio finanziato da Pechino. Solo nel 2005 lo Stato caraibico ha rotto i rapporti con Taipei e riconosciuto Pechino. Ora i finanziatori di Taipei agiscono in giudizio contro Grenada per la restituzione di precedenti prestiti.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Incidente diplomatico nella caraibica isola di Grenada, durante l’inaugurazione dello stadio finanziato da Pechino, quando la banda ha intonato l’inno di Taiwan. Visibile l’imbarazzo dell’ambasciatore cinese Qian Hongsham e dei lavoratori cinesi che hanno realizzato lo stadio Queen’s Park nella capitale St. George, che contiene 20mila posti ed è costato a Pechino 40 milioni di dollari Usa.

Immediate e profonde le scuse del premier grenadiano, Keith Mitchell, che ha disposto accertamenti su come sia potuto avvenire l’errore della Royal Grenada Police Band.

Grenada ha interrotto i rapporti diplomatici con Taiwan e riconosciuto Pechino solo nel 2005, proprio con l’acceso sostegno di Mitchell, mentre il partito d’opposizione National Democratic Congress si è opposto con forza.

Pechino e Taipei si contendono il riconoscimento diplomatico degli Stati caraibici con quella che è stata chiamata la “politica del dollaro”, ovvero offrendo aiuti e investimenti economici per ottenere il riconoscimento e il conseguente sostegno presso le Nazioni Unite. Pechino vuole che nessuna Nazione più riconosca Taiwan come Stato indipendente. Ha così pagato la ricostruzione dello stadio distrutto dall’uragano Ivan nel 2004. Circa 500 operai cinesi hanno partecipato all’opera per terminarla in tempo per ospitare la Coppa del mondo di cricket, prevista per il prossimo aprile.

Lo stadio era stato costruito anche grazie a precedenti finanziamenti concessi dalla Export-Import Bank di Taiwan tra il 1990 e il 2000. In seguito Grenada non ha restituito quanto doveva e la banca a dicembre ha proposto causa contro questo Stato avanti a un Corte del distretto meridionale di New York, luogo dove le somme erano state accreditate.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
L’aiuto necessario di Pechino e il rischio del saccheggio
16/05/2007
Pechino costringe Grenada a rompere con Taiwan
20/01/2005
Pechino avverte Taipei: l’indipendenza “costerebbe cara”
04/02/2008
Un cinese è il nuovo economista capo della Banca mondiale
05/02/2008
Alto diplomatico di Pechino in Vietnam per allentare le tensioni nel mar Cinese meridionale
18/06/2014


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”