08/08/2009, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Madre Teresa: il potere dell’amore a quasi 100 anni dalla sua nascita

di Nirmala Carvalho
Adozioni per sconfiggere l’aborto; impegno per i moribondi; attenzione alle povertà spirituali: l’opera di Madre Teresa rimane molto viva e attrae molte vocazioni e volontari.

 Mumbai (AsiaNews) – Madre Teresa di Calcutta è nata il 27 agosto 1910. Fra qualche settimana inizierà l’anno che segna i 100 anni dalla sua nascita. AsiaNews ha cercato di vedere i segni della vitalità del suo carisma, conversando con sr. M Gilberta, la superiora delle Missionarie della Carità (Mc) nella regione Maharashtra-Goa.

 Sr M Gilberta è entrata fra le Mc nel 1965. Ha vissuto molti anni in America Latina e prima di diventare superiora regionale, ha lavorato per 8 anni a Calcutta, nella Casa di formazione delle suore.

A quasi 100 anni dalla nascita di Madre Teresa, sono testimone di un grande rispetto per la vita da lei suscitato. Ogni giorno molte coppie di sposi vengono nelle nostre case col desiderio di adottare dei bambini. Queste coppie attendono con pazienza e prontezza che tutto il processo e i documenti siano completati. Queste persone seguono il suo insegnamento: Combatti l’aborto con l’adozione. Sappiamo purtroppo che vi è una cultura di morte, ma qui, nelle nostre case io non vedo una cultura di morte, ma piuttosto un grande rispetto per la vita.

Quale importanza ha la testimonianza di Madre Teresa nel mondo di oggi?

La nostra fondatrice, la beata Teresa di Calcutta, parlava dell’amore con amore. La Madre ha sempre offerto amore e speranza alle persone più svantaggiate. La sua vita è stata un insieme di semplicità, sacrificio e forza nel servizio verso gli altri. Servire i più poveri dei poveri è stato il motto di Madre Teresa, il modo in cui “saziare la sete di Gesù”.

Quanto è vivo fra voi il suo carisma?

La Madre ha dedicato la sua vita a dare speranza ai disperati, coprendoli di amore. Mentre ci avviciniamo al centenario della sua nascita, anche noi Missionarie della Carità dedichiamo noi stesse a servire i più poveri dei poveri per saziare la sete di Gesù. Noi non siamo degli assistenti sociali. Oggi i poveri sono sia quelli sprovvisti di mezzi materiali, sia quelli poveri spiritualmente. La nostra missione è servire entrambi con amore. E Madre Teresa è stata molto chiara: “Non è la grandezza delle nostre azioni che conta, ma quanto amore si mette in ciò che si fa”.

Nella nostra casa a Asha Dan (“Dono di speranza”) a Byculla (nel centro di Mumbai), ogni giorno i moribondi vengono raccolti dalle strade e portati da noi. Così ogni giorno ai più poveri dei poveri viene data una possibilità di dignità attraverso l’amore. Molti di loro hanno passato molti anni per strada; altri – uomini e donne – sono abbandonati sulla strada dai loro parenti, perché moribondi di qualche malattia terminale… Con gioia e col sorriso noi ci mettiamo a servirli. E ciò grazie all’insegnamento che ci ha dato la Madre. Essi hanno sofferto molto, fisicamente e spiritualmente, di abbandono e di abissale povertà, ma muoiono qui, immersi nell’amore.

Ha mai sperimentato persecuzione o ostilità nella sua missione?

Ovunque sono stata ho sempre ricevuto un’amichevole accoglienza, ma so che purtroppo, in alcuni luoghi, la nostra missione non è compresa e trattata con ostilità. Ad ogni modo, le nostre suore – o piuttosto Madre Teresa – sono riconoscibili nel loro semplice sari rigato di blu, ma soprattutto perché curiamo i vecchi, i malati, gli abbandonati, i morenti, i non amati.

Vi sono nuove vocazioni? Madre Teresa interessa ancora la gente?

Le Missionarie della Carità hanno vocazioni. Sono stata nella casa di formazione negli ultimi 8 anni e per grazia di Dio, molte ragazze dicono sì alla chiamata di Dio. Il carisma della Madre, del servizio e del sacrificio porta molte ragazze a offrire la loro vita in un sacrificio per gli altri.

Oltre alle vocazioni, persone di tutti gli strati sociali vengono alla Casa Madre per pregare sulla sua tomba. In più, centinaia di volontari entusiasti, trascinati da quanto hanno letto o visto o sentito di Madre Teresa e del suo lavoro, vengono da tutte le parti del mondo per un servizio nelle diverse case delle suore. Servendo col cuore essi trovano un significato nel vivere, gioia e pace per la loro vita e tornano nei loro ambienti resi umili dal potere dell’amore.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Prima festa ufficiale per la beata Madre Teresa
06/09/2004
Calcutta in festa per il centenario di Madre Teresa
12/05/2010
Quando Giovanni Paolo II baciò Madre Teresa e i moribondi di Calcutta
26/04/2011
“Grate e felici” le suore di Calcutta per l’imminente canonizzazione di Madre Teresa
18/12/2015
Studio canadese critica Madre Teresa. Medico di Mumbai: Volgare diffamazione
04/03/2013


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”