19/12/2008, 00.00
PAKISTAN
Invia ad un amico

Minacce islamiche in chiesa: bruciata una bibbia e appello alla conversione

di Qaiser Felix
Il sacrilegio avvenuto due giorni fa in un piccolo villaggio della diocesi di Faisalabad. Molte famiglie islamiche, che sono la maggioranza, solidali con i cristiani. Il sacerdote invita i fedeli a restare “calmi e pacifici” a imitazione di Gesù.

Faisalabad (AsiaNews) – Violata la chiesa di S. Paolo nel villaggio ‘Chak 77-RB’, ‘Lohekay’, circa 30 chilometri da Faisalabad: il 17 dicembre ignoti hanno bruciato una Bibbia e altri testi sacri , lasciando una lettera che minaccia i cristiani di  “bruciare nel fuoco dell’inferno” se non si convertono all’Islam.

Pervez Masih racconta ad AsiaNews che quel giorno lui ed altri stavano imbiancando e decorando la piccola chiesa per il Natale. Si sono fermati a mezzogiorno per il pranzo e hanno lasciato la chiesa aperta. Al ritorno, hanno trovato la Bibbia e altri testi sacri ridotti in cenere e la lettera scritta a mano che intima a convertirsi all’Islam se vogliono “vivere in pace” ed evitare l’inferno. In Pakistan è molto forte la polemica sulla legge per la blasfemia, che condanna anche a morte chiunque offende il Libro sacro dell'Islam, il Corano. Ma non si fa nulla contro i gesti blasfemi verso i Libri delle altre religioni.

P. Yagoob Yousaf ha raggiunto il villaggio la sera stessa, informato del sacrilegio. Ha celebrato messa presso la chiesa (nella foto) e nell’omelia ha condannato il sacrilegio e le minacce e ha raccomandato ai fedeli di restare calmi e pacifici e di non avere paura, perché la polizia ha assicurato la massima attenzione. Ha sottolineato che Cristo predica amore e pace e il governo provvederà a garantire la sicurezza per i cristiani per il Santo Natale. Negli anni scorsi, a Natale, vi sono stati attentati contro le chiese cattoliche e protestanti. Spesso le celebrazioni natalizie sono avvenute sotto la vigilanza della polizia.

Osserva che “questo è un tempo santo per i cristiani e ci prepariamo per il Natale. Ma simili incidenti creano paura e vogliono turbarci nel tempo dell’Avvento”.

Il villaggio è a maggioranza islamico e ci sono tra le 50 e le 70 famiglie cristiane. La chiesa è utilizzata da cattolici e da protestanti, senza contrasti. Saputo del sacrilegio, molti islamici sono venuti nella chiesa insieme ai cristiani. Ora la polizia indaga contro “ignoti” per il reato di blasfemia.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Musulmano pakistano fa volantinaggio a tappeto con gli auguri di Natale
27/12/2006
Kasur, giovane musulmano brucia copie della Bibbia e inni sacri: arrestato
08/01/2016
Sangla Hill, leader cristiani minacciati di morte
29/12/2005
Punjab: domestica cristiana bruciata viva per impedirle di denunciare uno stupro
12/03/2010
India, il fondamentalismo indù contro il Natale
20/12/2017 12:34


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”