12/08/2021, 08.54
RUSSIA
Invia ad un amico

Mosca: il patriarca Kirill esalta gli atleti olimpici russi

di Vladimir Rozanskij

“Lo sport non è sempre separato dalla politica, e noi ce ne siamo resi conto”. Prima dei Giochi, Russia punita per aver violato le regole antidoping. Lo sport usato come collante per il mondo ortodosso nello spazio ex sovietico. Fede ortodossa magnificata come “energia spirituale” per competere alle Olimpiadi.

Mosca (AsiaNews) – Dopo il rientro in patria da Tokyo degli atleti russi, il patriarca di Mosca Kirill (Gundjaev) ha voluto rivolgere a tutti loro un pubblico ringraziamento per i successi ottenuti durante i Giochi olimpici, augurando altre future conquiste. Per aver infranto in modo clamoroso le regole antidoping negli anni precedenti, i russi hanno gareggiato in Giappone sotto la bandiera neutrale del Comitato olimpico nazionale. Le autorità hanno presentato questa circostanza come una dimostrazione della “russofobia occidentale”.

Il 10 agosto Kirill ha osservato che “purtroppo lo sport non è sempre separato dalla politica, e noi ce ne siamo resi conto osservando lo svolgimento delle competizioni”. Egli ha sottolineato che “nessun pregiudizio politico ha potuto ridurre la grandezza” dei risultati ottenuti dagli sportivi russi. Il patriarca ha aggiunto che tali performance “sono evidenti agli occhi dei professionisti e di tutte le persone oneste, senza parlare dei milioni di nostri connazionali che hanno sofferto con speranza insieme [agli atleti] durante tutto il periodo delle Olimpiadi”.

I russi hanno conquistato a Tokyo 71 medaglie, di cui 20 d’oro, raggiungendo il quinto posto nel medagliere complessivo, in linea con le ultime edizioni olimpiche.

Il patriarca russo ha esaltato gli atleti per aver rappresentato la Russia in modo degno: “Nonostante le difficili condizioni in cui si sono svolte le competizioni, avete lottato eroicamente per la vittoria, esibendo una volontà inflessibile, un’autentica solidarietà e sostegno reciproco. Avete mostrato al mondo intero che a fondamento dello sport russo sta anzitutto la tensione alla lotta onesta per raggiungere i massimi risultati”.

Secondo il capo degli ortodossi russi, “della vittoria è degno soltanto chi non si innalza con presunzione sull’avversario”. Egli sostiene che gli atleti russi hanno saputo rivolgersi a tutti con “il medesimo rispetto”. Essi hanno dimostrato sentimenti fraterni, soprattutto verso i rivali di quei Paesi in cui vivono “popoli uniti a noi per sangue e fede, malgrado le divisioni esteriori, spesso artificiose”.

Come patriarca di tutte le Russie, Kirill ha confessato di aver tifato anche per gli atleti provenienti da Ucraina, Bielorussia, Kazakistan, Moldavia e altre nazioni “che fino a un passato recente componevano insieme a noi la nostra grande patria comune”.

L’ortodossia russa sostiene la grande “ideologia della vittoria” di matrice sovietica, che propone l’unità di tutto il “mondo russo” a livello universale. Lo sport è un elemento molto importante di questa mentalità, tanto che quest’anno a Mosca è stata benedetta la costruzione di una chiesa “per tutti gli sportivi russi”. Essa sorge a Butovo, nella periferia della capitale, ed è affidata al sacerdote Andrej Alekseev, cappellano della squadra olimpica russa. La stessa cattedrale della Resurrezione, la chiesa delle Forze Armate inaugurata nel 2020 per i 75 anni dalla vittoria nella Seconda guerra mondiale, era già stata dedicata alle vittorie olimpiche russo-sovietiche, oltre a quelle militari.

Il patriarca ha ricordato che prima della partenza per Tokyo molti atleti avevano pregato insieme a lui nella cattedrale di Cristo Salvatore: “Dalla fede ortodossa avete saputo attingere le energie spirituali per superare le tante prove e difficoltà che avete incontrato sul vostro cammino olimpico”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
P. Georgij Edelštein: alla Chiesa russa serve coraggio
26/11/2021 08:54
Mosca, dalla chiesa della Vittoria scompaiono i volti di Stalin e Putin, Ma c’è molto altro (Foto)
16/05/2020 08:00
Mosca, una chiesa ortodossa con mosaici di Putin e Stalin fra gli angeli e i santi
30/04/2020 08:40
Putin alla liturgia di Pasqua: La Chiesa aiuta a formare i giovani al patriottismo
13/04/2015
Il futuro della Chiesa cattolica russa
22/11/2021 08:48


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”